chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Analisi e obiettivi del progetto RuNet per dar voce alla comunità online russa

Cari amici,

sono felice e onorato di poter iniziare il nuovo anno con offerndo maggiori dettagli su questo nuovo progetto, RuNet Echo [in], lanciato da Global Voices alla fine del 2009. Per me è cominciato tutto con questo post entusiasmante [in], che si è tradotto in un’esperienza gratificante di studio e analisi di una delle comunità online più complesse e meno conosciute al mondo.

Dando vita a quest'iniziativa, abbiamo assunto un ruolo ambizioso e difficile nell’esaminare e indagare l’Internet russa (nota anche come RuNet [in]).

Il progetto era atteso da tempo. Negli ultimi anni la comunità Internet russa è esplosa ed è diventata una piattaforma dove milioni di persone discutono i temi di attualità della politica russa, la vita economica e sociale. I russi sono i fruitori più attivi dei social network al mondo [in], secondo alcune stime. Oltre 45 milioni di persone [in] nel Paese hanno accesso a Internet (un terzo di tutta la popolazione) e sono circa 4 milioni i blog attivi. Ci sono anche 42 milioni di utenti registrati sul più popolare social network russo, Vkontakte.ru [ru].

Queste cifre sono in costante aumento e fanno di RuNet una delle comunità Internet dal più rapido sviluppo al mondo.

I blog sembrano essere la piattaforma più popolare di comunicazione online in Russia. Un misto tra diario tradizionale online e reti sociali complesse tra amici, lettori e altre comunità, i blog sono diventati rapidamente una forma interattiva di comunicazione grazie alla quale un qualunque cittadino può parlare ai politici (compreso lo stesso presidente russo), attori famosi, importanti giornalisti o storici controversi, così come a una vasta schiera di comunità online.

Poiché sono in gran parte non soggetti a censura e sempre attivi, i blog russi, come in molti altri Paesi del mondo, hanno iniziato a fare concorrenza ai media tradizionali soggetti a più stretta regolamentazione. Ci sono esempi di RuNet utilizzata come piattaforma per la diffusione delle ultime notizie, in alcuni casi capace di battere le forme convenzionali di informazione in termini di immediatezza e precisione (per esempio, il tragico incendio di un night club [in]). Blog e reti sociali sono cresciuti rapidamente in una sfera nella quale i russi possono godere della massima libertà e dell’informazione più completa.

Il nostro obiettivo è quello di disegnare una vasta, completa e reale mappa di RuNet per un pubblico internazionale. Seguiremo regolarmente gli sviluppi più interessanti della blogosfera russa, dei media online e dei siti di social networking per dare vita a una fonte di informazioni completa e costantemente aggiornata su RuNet. Attingendo alla nostra esperienza e capacità di comprensione della società russa, ci auguriamo di poter fornire ai lettori contenuti esclusivi insieme alle analisi degli eventi più importanti di RuNet. Abbiamo in programma interviste ai blogger russi più in vista, insieme a persone meno note ma comunque interessanti che contribuiscono attivamente allo sviluppo della Rete russa. Lo stesso vale per le questioni relative a RuNet in generale. Presteremo senz’altro attenzione agli argomenti di cui parlano tutti, ma tratteremo anche soggetti marginali nell’Internet russa per presentare al pubblico mondiale l'intero spettro delle comunità russe online.

Attualmente stiamo lavorando alla creazione di un elenco di risorse su RuNet che includerà importanti lavori accademici, libri e pubblicazioni online sul tema. Stiamo lavorando anche alla produzione di un nostro rating per valutare i post più popolari pubblicati sui blog russi.

Gli articoli vengono anche tradotte in russo dai traduttori Lingua [in] e pubblicate su Global Voices in russo [ru]. Presto lanceremo la pagina di RuNet Echo su LiveJournal.com (l'aggregatore di blog più popolare) e faciliteremo l'accesso ai post per i blogger russi. Li stiamo anche rilanciando tramite il nostro feed su Twitter [in]. Ci auguriamo che l'ampia disponibilità di interventi di RuNet Echo in lingue diverse e su diverse piattaforme possa dare vita a una discussione costruttiva che ci permetta di migliorare ulteriormente il nostro lavoro.

Sono onorato di lavorare con una meravigliosa squadra di redattori professionisti. Hanno un enorme esperienza nella ricerca, nell'analisi e nella stesura informazioni, garantendo che il progetto possa diventare uno strumento prezioso per la comprensione delle comunità russe online.

Veronica Khokhlova [in] è editor regionale di GVO per l'Europa centrale e orientale. Sta facendo un lavoro enorme nell'informare sulla Russia e le ex repubbliche sovietiche e siamo fortunati ad averla nel nostro team di redattori.

Alexey Sidorenko [in] ha lavorato presso il Centro Carnegie di Mosca per diversi anni. Sta scrivendo la tesi di dottorato per l'Università statale di Mosca e nel contempo completando un Master presso l'Università di Varsavia in Polonia.

Gregory Asmolov [in] ha lavorato a Mosca per diversi quotidiani di prestigio come “Kommersant” e “Novaya Gazeta”. Ha anche tenuto corsi su new media e diplomazia pubblica al Centro Interdisciplinare di Herzliya e presso la Open University di Israele.

RuNet Echo è concepito come un progetto interattivo: siamo aperti ai suggerimenti dei lettori. Non esitate a segnalarci quali articoli e argomenti vi piacerebbe vedere sulle nostre pagine e fateci sapere come poter migliorare il  progetto [in].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.