chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Egitto: annullata sentenza contro il blogger Wael Abbas, a riaffermare la libertà d'espressione

Il blogger Wael Abbas

La Corte d'appello egiziana ha assolto il blogger Wael Abbas [ar] annullandone la precedente condanna a sei mesi [in] in primo grado. La sentenza risaliva allo scorso novembre, a seguito di un alterco dell'aprile 2009 tra Abbas e il vicino, Ahmed Maher Aglan, e il fratello poliziotto Ashraf Aglan, su questioni d'accesso a Internet. I due fratelli hanno fatto irruzione in casa di Abbas, aggredendolo verbalmente e fisicamente, per poi sporgere querela per aver presumibilmente danneggiato il loro cavo per Internet.

L’Arabic Network for Human Rights [in] (ANHRI) ha offerto il sostegno legale [in] al blogger egiziano. Il giorno precedente l'udienza, l'ANHRI ha descritto la vicenda come un ‘caso costruito’, chiedendo solidarietà per Wael:

È risaputo come Wael Abbas sia divenuto il bersaglio preferito per il Ministro degli interni e la polizia da oltre due anni, per via della sua persistenza nel diffondere i cosiddetti “video delle torture”. Gli agenti hanno ripetutamente montato le accuse contro Abbas senza fermarsi davanti a limitazioni legali.

In una dichiarazione diffusa il 18 febbraio 2010 [in] Reporters without Borders ha definito una ‘vittoria’ la sentenza della Corte d'appello:

Questa è una vittoria per i netizen che esprimono liberamente le proprie opinioni online e un colpo inferto al governo e alla sua strategia di aggressione e indimidazione verso chi lo critica…Ora chiediamo giustizia anche per il blogger Kareem Amer, che ha già scontato due terzi della pena in carcere e andrebbe rilasciato senza condizioni.

L'udienza si è svolta a Hadayq El Kobba, al Cairo, ed è stata seguita da numerosi blogger e attivisti, che hanno indossato magliette con la foto di Abbas, per manifestare solidarietà nei suoi confronti. La seduta è stata inoltre commentata su Twitter [in] da alcuni blogger.

Blogger con maglietta che raffigura Abbas
Blogger e attivisti egiziani davanti alla Corte indossano magliette con l'immagine di Abbas.

Le due foto di questo post sono del blogger Shahinaz Abdel Salam [ar].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.