chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Global Voices ad Haiti: intervista alla volontaria Régine Zamor

Global Voices ha inviato un team nella capitale Port-au-Prince dopo il terremoto di Haiti [en, come i link seguenti], per aiutare a sostenere l'attività mediatica. Georgia Popplewell e Alice Backer stanno anche contribuendo in prima persona alla copertura mediatica degli sforzi di recupero. Scopri di più sul loro intervento.

PORT-AU-PRINCE, HAITI, 30 gennaio 2010

Régine Zamor è una statunitense di origini haitiane residente a New Rochelle, New York, ma cresciuta a Brooklyn. La sua famiglia haitiana viene da Martissant. Régine ha deciso di tornare ad Haiti dopo il terremoto del 12 gennaio in veste di volontaria indipendente, non facente parte di alcuna ONG. Prima del suo arrivo, ha avuto contatti con associazioni di Haiti e della Repubblica Dominicana, avendo prestato la scorsa estate servizio di volontariato in collaborazione con lavoratori a contratto presso un villaggio a Barahona, nella Repubblica Dominicana. La sua famiglia americana e i suoi amici l’hanno supportata nella sua decisione.

Régine è una produttrice e sceneggiatrice cinematografica e ha appena concluso un docufilm sui ragazzi di strada di Cap Haïtien, intitolato Bagay Dwòl. Nel suo blog, Bagay Dwol Journal, ha parlato del film e del servizio di volontariato.

Appena arrivata ad Haiti, due giorni dopo il terremoto, ha cercato di capire dove fosse necessario il suo aiuto e ha provveduto alla distribuzione di cibo e medicinali e alla condivisione di informazioni (sia di persona che attraverso il suo blog) grazie a diversi contatti con le ONG più piccole, come SOIL, Wynn Farm, and COHEF.

Un paio di giorni fa io e Georgia Popplewell l’abbiamo incontrata presso l’hotel Oloffson.

“Non volevo aspettare”

Quando ho detto agli altri haitiani residenti negli Stati Uniti che stavo andando ad Haiti con Global Voices, molti di loro che erano nelle liste d’attesa con rinomate ONG ed enti governativi statunitensi, hanno espresso il loro sgomento. Ad esempio, il mio amico Alex (che ha un master in Amministrazione della Sanità e lavora da anni nel settore sanitario degli Stati Uniti) non vedeva l’ora di essere scelto da una lista. Quando Régine ha spiegato a me e Georgia come ha fatto, ho subito pensato ad Alex e a tutti gli altri volontari in attesa.

Régine ha deciso di non aspettare e in questo video spiega come è arrivata a fare il suo lavoro:

(È disponibile una versione di questo video sottotitolato in francese su dotSUB.)

Régine e gli altri volontari si sono fatti carico anche economicamente della distribuzione del cibo

Dal mio arrivo, una settimana fa, ho notato una sola linea di distribuzione alimentare gestita dalle Nazioni Unite. Si trovava accanto al National Palace e si è rivelata essere così caotica che presumibilmente venivano usati gas lacrimogeni e spray al peperoncino sulla folla. A. Una manciata di ufficiali delle Nazioni Unite sembrava gestire migliaia di persone. Un sistema di aiuti da parte dell'ONU o del governo haitiano per la distribuzione dell'afflusso globale non si è ancora concretizzato. Tuttavia, secondo Régine, era evidente che molti haitiani e altre persone disposte a dare una mano si sono fatti carico del problema sin dal primo istante.

Qui di seguito (Orphelinat l'Amour du Bon Berger.) Régine spiega come è avvenuta la collaborazione con una ONG della Repubblica Dominicana per l’acquisto del cibo, come è arrivato a Port-au-Prince e come è stato distribuito.

Volontariato alla clinica del Parc Antoine Izméry, Delmas 33

Quando abbiamo incontrato Régine all’Oloffson, un suo amico americano proveniente dalla sua stessa città, New Rochelle, ha interrotto l’incontro per presentarle alcuni dottori. Régine si è allontanata da me e Georgia per salutarli e alla fine ci ha presentato uno di loro, un dottore americano che negli ultimi 11 anni è stato al servizio di pazienti haitiani nelle Bahamas. Rivolgendosi a noi ha detto: “Ha appena detto che domani mattina verrà con me al Sité Solèy Clinic.”

Questo è precisamente ciò che Régine intende quando parla del suo ruolo nella “condivisione di informazioni”. Tramite passaparola e attraverso tutti i mezzi disponibili, ha connesso decine di persone a qualsiasi esigenza di servizio di cui è venuta a conoscenza.

Qui Régine fa vedere parte del lavoro svolto alla clinica del Parc Antoine Izméry:

Nel suo blog, spiega come ha consegnato le forniture mediche necessarie a Kenscoff.

Il viaggio di Régine non è ancora finito. Come molti americani di origine haitiana che ho incontrato a Port-au-Prince, Régine sta pianificando di stabilirsi in modo permanente nella capitale per le prossime settimane. Qui si possono visualizzare le sue “Risorse Utili per il Volontariato a New York.

Il lavoro di Global Voices ad Haiti è supportato dai nostri finanziatori di sostegno generale e da Internews, un sussidio di informazione umanitaria. Visita la pagina di Global Voices sul terremoto di Haiti per maggiori informazioni.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.