chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Pakistan: terrà il divieto degli aquiloni per la festa della primavera?

Aquilone in volo sul tetto. Immagine dell'utente Flickr nomi49, usata con Licenza Creative Commons

Aquilone in volo sul tetto. Foto di nomi49, ripresa da Flickr con Licenza Creative Commons

In molte parti del Pakistan, specialmente a Lahore, si era soliti celebrare la tradizionale festa del Basant [in] (primavera) facendo volare gli aquiloni. Ma da qualche tempo questa tradizione è stata spezzata. Nel 2005 un avvocato pakistano ha presentato istanza giudiziaria al tribunale di Lahore sostenendo che il Basant non soltanto fosse un rito indù, ma anche un gioco letale. Insieme ad altre obiezioni importanti, si sosteneva come l'uso dei forti fili aveva provocato la morte di bambini e rotture dei cavi della linea elettrica. A seguito del procedimento, i giudici di Lahore hanno vietato il volo degli aquiloni nella provincia del Punjab [in].

Ogni anno quando i fiori iniziano a sbocciare e la primavera fa il tanto atteso arrivo, tutti pensano alla festa del Basant. Molti capiscono perché il governo ritenga necessario dichiarare guerra agli innocenti aquiloni, eppure tutti li vogliono lo stesso.

Recentemente il dibattito si è riacceso dopo che l'Alta Corte di Lahore ha archiviato [in] una petizione che mirava ad eliminare il divieto di far volare gli aquiloni e la decisione che la dichiarava attività pericolosa. Raza Rumi su Lahore Nama spera ancora [in] che il divieto venga rimosso:

“Spero che questa festa possa celebrarsi nuovamente a Lahore. Protestiamo fortemente contro questa decisione. Non si può far diventare il Pakistan un rifugio sicuro per terroristi internazionali e attentatori suicida, mentre ai pacifici cittadini viene negata l'opportunità di celebrare una festa che fa profondamente parte della nostra cultura.”

Hamza Ahmed Qureshi su Lahore Metblogs la pensa diversamente [in]:

“Il clamore sollevato da un certo settore della società riguardo il recente divieto del Basant da parte dell'Alta Corte di Lahore mi porta ad esprimere un'opinione personale.

Costoro si lamentano per la perdita di un evento culturale che attirava migliaia di stranieri da ogni parte del mondo. Nella situazione geopolitica dominante, stento a credere che qualche aquilone colorato possa attirare ancora gli stranieri terrorizzati in una trappola mortale. Inoltre, questa perdita culturale potrebbe essere fonte di preoccupazione per una manciata di associazioni e hotel a cinque stelle, ma non certo per la gente comune.”

Comunque, Momekh sottolinea [in]:

“Il divieto sul Basant è ridicolo. La perdita di vite umane e la mancanza di elettricità della Water and Power Development Authority (WAPDA), che arriva ovunque, non c'entrano nulla. Ed ecco perché: la perdita di vite umane non è causata dalla pericolosità degli aquiloni. La pratica di far volare gli aquiloni esiste da molto tempo.”

Momekh continua spiegando perché il Basant sia divenuto un argomento controverso. Il blogger chiarisce quali problemi le autorità dovrebbero affrontare invece di cancellare un evento:

“Oggi la cordicella assassina che viene automaticamente associato al Basant, è stata introdotta dopo aver messo a punto un cavo più forte. Molti pensano che sia la soluzione in tale cordicella viene imbevuta, e che la rende affilata come un rasoio, a far sì che questa divenga un coltello vagante. Sebbene l'essere affilato ne è parte la causa, la ragione principale è che il cavo stesso è molto resistente. [..]

È questa combinazione di una cordicella estremamente resistente con la soluzione che la rende affilata come un rasoio (nota anche come manja) a trasformare il cavo in un assassino.”

Se il governo stabilisse delle regole contro l'uso di queste cordicelle così resistenti per un simile evento culturale e tradizionale, per una volta la manifestazione potrebbe evitare di creare conflitti. Comunque il divieto esise a causa della recente decisione dei giudici.

Date queste circostanze, i pakistani stanno perfino considerando di far volare gli aquiloni [in] nella limitrofa India. Nonostante il divieto, è pinfatti ossibile vedere centinaia di aquiloni nel cielo di Lahore, a riprova della loro popolarità.

Una TV privata riferisce che [in] il 75% della popolazione del Punjab, centro delle celebrazioni del Basant, vuole poter volare gli aquiloni. Ma il governo e la magistratura non prevedono cedere alle richieste della popolazione. Secondo alcune voci le forse di polizia sarebbero ben pronte per assicurare che qualsiasi infrazione al divieto non passi inosservata né impunita. Senza dubbio ciò spezzerà il cuore di molta gente.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.