chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cina: sequenza di suicidi in un co-produttore locale dell'I-Phone

Otto impiegati della Foxconn, azienda locale che realizza componeti per l'I-Phone, hanno commesso suicidio a partire dal gennaio scorso. La testata online China Hush ripropone un'inchiesta [in] curata da un reporter di CCTV “News 1+1” [cin] su quest'assurda sequenza di persone che si sono letteralmente gettate nel vuoto dall'edificio imprenditoriale – l’ultima pochi giorni fa [cin]. Ne emerge un quadro complesso, focalizzato soprattutto sui margini ristretti della Foxconn, inclusa nell'elenco di Fortune 500 ma sempre più alle corde per le pressioni del mercato, e sull'intensa operatività richiesta ai suoi impiegati. Né si manca di sottolineare come oggi i problemi dei tradizionali migranti nelle città, in cerca di occupazioni e salari migliori, siano ben diversi da quelli di decenni addietro e le istituzioni dovrebbero fare la loro parte occupandosi dello stato mentale e dei probemi di questa nuova classe di migranti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.