chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Globale: tradurre le espressioni idiomatiche dal greco all'inglese, dal cinese al russo, allo spagnolo…

È capitato a tutti di imbattersi in situazioni imbarazzanti [en, come tutti gli altri link eccetto ove diversamente indicato] dove le traduzioni scadenti di espressioni idiomatiche in una lingua hanno prodotto significati ridicoli nell'altra. In effetti la resa di tali espressioni idiomatiche è una delle maggiori sfide nella traduzione, sia per traduttori umani che in automatico. La difficoltà principale risiede nel carattere linguistico degli idiomi, il cui significato non può essere dedotto dal significato delle parole che li costituiscono. Per esempio, l'ormai famoso esempio dell'espressione inglese kick the bucket, che è un sinonimo di ‘morire, tirare le cuoia’, non ha niente a che fare nè con il significato letterale di kicking (calciare) nè con quello di bucket (secchio).

Logo di WikidiomsWikIdioms è una nuova risorsa online mirata ad aiutare i traduttori ad affrontare questa sfida. Abbiamo parlato con il creatore del sito, Pavel Kats, e con una delle sue collaboratrici, Yasna Trandafilovska, onde illustrare questo servizio nella miglior maniera possibile.

Q: Pavel, potresti presentare Wikidioms in un paio di battute?

A: Fondamentalmente l'idea è fornire un ambiente online dove le persone possano aiutarsi tra loro nella traduzione di espressioni idiomatiche, forse una delle sfide più difficili nel lavoro di traduzione. Ovviamente, quando parlo di espressioni idiomatiche non intendo la traduzione letterale, ma piuttosto trovare un'espressione equivalente nella lingua di arrivo, o qualsiasi altra battuta che ne sappia veicolare il significato. Di base è un progetto collaborativo, quindi Internet è l'ambito ideale.

Q: Com'è organizzata la vostra comunità?

A: La maggior parte dei membri della comunità sono traduttori professionali che trovano un pò di tempo tra un lavoro e l'altro per darci una mano. Queste persone sono ben consapevoli delle sfide che comporta tradurre espressioni idiomatiche, perchè vi hanno a che fare personalmente tutti i giorni. Ma i contributi non sono limitati solo ai traduttori, ci arrivano anche interventi significativi da parte di appassionati di lingue che non sono legati al mondo della traduzione. C'è parecchia gente a cui piace affrontare simili sfide linguistiche quando si tratta della loro lingua madre.

Q: Puoi fornirci qualche statistica? Quanti partecipano, in quante lingue…

A: Al momento la comunità che partecipa attivamente conta oltre 100 traduttori, cifra in costante crescita. Il progetto è piuttosto giovane, ma siamo orgogliosi di poter annoverare già più di 30mila espressioni tradotte in oltre 30 lingue diverse. E non ci sono limiti

Q: Come si può contribuire al sito?

A: Come dicevo, non ci sono limitazioni sul numero di partecipanti, quindi ognuno può offrire il proprio contributo. Naturalmente tale pratica richiede un certo filtraggio sui contenuti proposti e di questo si occupano alcuni membri della comunità. Invitiamo anche i traduttori professionisti che vorrebbero collaborare non solo in maniera sporadica a contattarci direttamente. All'interno di WikIdioms stiamo sviluppando diversi progetti specifici, tutti collegati alla traduzione multilingua, e cerchiamo sempre collaboratori.


Q: Perchè dovremmo utilizzare tale servizio?

A: Ecco un esempio che calza a pennello. Quando qualcuno di voi sta traducendo un articolo di Global Voices dall'inglese in un'altra lingua e l'articolo contiene l'espressione ‘It’s Greek to me!’ nel senso che un testo è completamente incomprensibile per chi sta parlando. Come comunicare tale significato in un'altra lingua e nello stesso modo pittoresco? Ora, con l'aiuto di WikIdioms si sa che anche le altre lingue esprimere tale idea a loro modo: i russi fanno riferimento ai cinesi e i macedoni….agli spagnoli!

Grazie, Pavel!

Q: Yasna, come ti sei coinvolta con Wikidioms e perchè?

A:Sono entrata in contatto con WikIdioms in maniera inattesa, quando un mio collega e amico greco mi ha inviato un email contenente la richiesta di Pavel ai traduttori di dare una mano a Wikidioms. Visto che lavoro come traduttrice da un pò di tempo, ho notato che quando si tratta della lingua macedone, è abbastanza difficile trovare risorse e dizionari online che aiutino i traduttori a lavorare in maniera veloce, corretta ed efficiente. Così ho capito che si tratta di una grossa opportunità per cambiare la situazione. Visto però che una sola persona non può sapere tutto e che le lingue sono organismi viventi in continuo sviluppo ed evoluzione, vorrei invitare tutti i miei colleghi, in particolar modo quelli del progetto Lingua di Global Voices in tutto il mondo, a visitarci e contribuire.

Q: Tu collabori anche con Global Voices in macedone: puoi raccontarci come hai scoperto questo progetto e cosa ti ha spinto a parteciparvi?

A: Vivo in Grecia da 11 anni. Visto che ho sposato un greco, a casa si parla greco. Col tempo, ho notato che cominciavo a dimenticare parole della mia lingua madre e ciò m'infastidiva parecchio. Ho iniziato a cercare una soluzione e l'ho trovata nel tradurre vari testi per Global Voices. Credo che sia molto stimolante perchè non ci sono date di consegna, nè stress o fretta e penso che quando si fa qualcosa solo per il piacere di farlo, il risultato è sicuramente migliore.

Yasna Trandafilovska ha contribuito alla stesura di questo post.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.