chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Marocco: “Vivo ancora con i miei genitori,” racconta una 40enne

Secondo un recente censimento [fr], i single rappresentano il 39% della popolazione adulta marocchina, una delle più alte nella regione araba. Gli uomini sono in maggioranza, ma anche il numero di donne nubili è elevato, raggiungendo un sorprendente 33.3%. Si prova a speculare sulle ragioni dietro le discriminazioni subìte dalle donne e recenti sondaggi (tra cui il UN 2005 Arab Human Development Report [en]) hanno concluso che, sebbene le credenze religiose possano spiegare certe limitazioni imposte alle donne, queste pratiche trovano maggiori riscontro nelle avversità economiche, la mancanza d'istruzione, l'assenza di democrazia e certe concezioni conservative. Anzi, in Marocco la società è sorprendentemente conservatrice: secondo un altro recente sondaggio [fr] quasi un marocchino su due ritiene che la nuova riforma del Codice Familiare, lodato a livello internazionale per le sue linee liberali, abbia garantito troppi diritti alle donne.

Foto di albe! su Flickr

Foto di albe! su Flickr

Samira è una blogger marocchina. Si descrive come “una ragazza vecchia, quarantenne, disoccupata e che vive ancora a casa con i genitori.” Samira condivide apertamente le sue esperienze giorno per giorno sul suo blog avviato da poco, Marocanication [fr]. Eccone uno stralcio:

Vivre chez ses parents à 40 ans peut sembler banal, voire évident dans notre société et tout naturellement fatal quand on est née dans le sexe faible. Car au Maroc, tant que tu n’es pas casée, tu es traitée en être jeune, irresponsable et potentielle source à problèmes, ben voyons !
Pas étonnant en un sens. Une société à la sexualité refoulée ne peut qu’associer liberté à débauche. Je me suis longtemps demandé, comme tout le monde je suppose, pour quelle raison l’homme échappait à ces restrictions. Je suis partie dans toute une analyse à la noix que j’ai dissoute dans un bol de hrira un jour de grosse déprime. Mais ça, j’en ferai un autre billet.

Vivere con i genitori a 40 anni non è una situazione strana nella nostra società ed è inevitabile quando fai parte del sesso debole. In Marocco, fino a quando non trovi un marito sei trattata come una giovinetta, un'irresponsabile e una potenziale fonte di problemi. Oh! Proprio così!
In un certo senso, tutto ciò non deve sorprendere in una società che reprime la sessualità e associa la libertà alla dissolutezza. Mi sono chiesta a lungo, come ogni altra donna, credo, perché gli uomini non subiscano simili restrizioni. Dopo un'approfondita analisi, ho deciso di abbandonarla davanti a una scodella di Hrira (zuppa marocchina) in un giorno di scrocentante depressione. Ma questa è un'altra storia.

Samira continua chiedendosi come potrà spiegare ai suoi genitori di volere una vita propria e di voler andar via:

[J]e pense en ce moment à la liberté de vivre seule, au bled. J’ai passé la nuit à imaginer la scène où je leur dirai que je vivrai seule. Ma mère me regardera avec dédain comme si j’avais dit une énième bêtise qui ne ferait que renforcer le manque d’estime qu’elle a pour moi.
Parce que le manque d’estime est quasi indissociable du statut de vieille célibataire : vieille fille c’est certainement une invention féminine, seule une femme peut et sait blesser une autre femme !

Mi viene da pensare proprio adesso alla libertà di quando si vive da soli. Ho trascorso la notte immaginando la scena di quando dirò loro che me ne andrò a vivere da sola. Mia madre mi guarderà con sdegno come se avessi fatto l'ennesimo stupido errore. E ciò non farebbe altro che ribadire l'assenza di rispetto nei miei confronti.
Perché la mancanza di stima è quasi inseparabile dallo status delle vecchie ragazze non sposate. “Vecchia ragazza”: questa è una parola inventata quasi sicuramente da una donna, perché solo una donna sa come far male ad un'altra donna!

Samira spiega che sulle donne non sposate pesa uno stigma terribile:

[C]e n’est même pas pris pour une malédiction mais pour une incompétence, un échec, une incapacité à attirer, à séduire, à donner envie à un homme de faire sa vie avec toi. Même si c’est toi qui refuse l’homme, tu seras toujours la bête en attente d’un maître. Et tu finis par devenir une vieille bête errante parce que personne n’adopte de vieux chiens.

Non è considerato neanche una maledizione, ma un'incapacità, un fallimento, l'inabilità ad attrarre, sedurre, o tentare un uomo a condividerne la vita con te. Anche se sei tu a rifiutare un uomo, vieni considerata un animale in attesa del padrone. E finisci col diventare una vecchia pazza perché nessuno vuole adottare vecchi cani randagi.

La mancanza di sostegno economico è un aspetto cruciale:

Vieille fille qui ne bosse pas, c’est le comble. Pourtant, j’ai une formation littéraire assez bonne. Je ne sais pas, je peux rédiger des idioties comme ça à longueur de journée, par exemple… ou taper sur une machine… ou préparer des cafés. Mon chômage ne m’aide pas. Je suis non seulement sans foyer mais également sans revenu. Je suis bonne à tout faire dans les maisons de mes parents, mes oncles et tantes et de mon frère. [Ma soeur] Jamila n’arrête pas de se révolter contre la tyrannie générale et contre mon exploitation, mais je ne parle pas.

Una vecchia ragazza che non ha un lavoro…È il colmo! Me la cavo ancora con la letteratura. Non so, potrei scrivere cose senza senso per tutto il giorno…o scrivere al computer…o preparare un caffè. La mia disoccupazione non aiuta. Non solo sono senza casa, ma anche senza reddito. Si approfittano di me e mi fanno pulire le case di genitori, zii, zie e anche di mio fratello. Jamila, mia sorella, non smette di protestare contro la tirannia generale e contro il mio sfruttamento. Io però non apro bocca.

Samira espone infine i suoi piani:

Quand je leur dirai que je partirai, ils vont crier au scandale, à l’ingratitude, à la honte ! Une « fille » ne vit seule que parce qu’elle veut batifoler… quand ils ont pas cette idée tordue, ils pensent d’elle qu’elle est fille indigne qui lâche ses vieux parents après tout ce qu’ils ont fait pour elle. Ils feront tout pour étrangler l’idée dans son berceau, ignorant qu’elle a déjà pris des dimensions adultes. Je ne peux pas le leur annoncer avant d’avoir trouvé où me nicher.
[…]
Je trouverai l’argent pour me louer 8m³ quelque part. Et je m’en irai.
Je parle au futur, pour garder vivant cet espoir, en ultime porte de sortie possible.

Quando dirò loro che sto per andarmene, si lamenteranno della mia ingratitudine e della vergogna che sto versando loro addosso! “L'unico motivo per cui una ragazza vuole vivere da sola è per perdere tempo in sciocchezze”…Quando non seguono simili stupidaggini, mi ritengono una figlia indegna che abbandona i genitori dopo tutto quanto hanno fatto per lei. Faranno di tutto per opporsi a questa mia idea. Non posso dir niente finché non avrò trovato un posto dove andare.
[…]
Troverò i soldi per affittare una stanzetta da qualche parte e me ne andrò.
Sto deliberatamente usando verbi al futuro per tenere viva quella speranza che adesso rappresenta la mia unica via d'uscita.

Samira non è certamente l'unica in questa situazione e sono in aumento le voci, in particolare nella società civile, che vanno levandosi per chiedere maggior solidarietà, eguaglianza e giustizia sociale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.