chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Arabia Saudita: niente licenza, niente blog?

L’ultima dichiarazione [ar, come tutti i link tranne ove diversamente specificato] di Abdulrahman Al Hazzaa, portavoce del Ministro saudita della Cultura e dell'Informazione [en] ha scatenato una tempesta di reazioni tra i blogger e i siti web di informazione. [Il portavoce ha] reso pubblica la nuova disposizione legislativa per cui tutti i gestori sauditi di siti web e di media online, compresi blog e forum, dovranno essere registrati presso le autorità (…). I cittadini sauditi e quelli di altre nazionalità hanno protestato contro la nuova normativa: su Twitter la protesta è identificata dall'hashtag #haza3 – che si riferisce al cognome [del portavoce].
Ecco di seguito alcune reazioni.

Nel suo blog Crossroads Arabia [en] John Burgess la definisce una decisione dispotica, e afferma:

Tempo fa il Ministro della Cultura e dell'Informazione poteva controllare ciò che le persone dicevano e ascoltavano dai media. In sostanza poteva gestire [ogni informazione], magari non direttamente, ma mediante uno stretto monitoraggio. Per la delusione di molti, alcuni media nati successivamente hanno reso tali controlli impossibili.

Da Twitter l'utente iamsoos si dice rammaricato per quanto accadrà al suo blog:

مدونتي العزيزة أرسل لك باقات التعزية والأسى ! فأنت مخالفة .. ابتعدي عن اشارات المراقبة فأنتِ بلاتصريح #Haza3
Caro blog, ti mando le mie condoglianze. Non hai la licenza!

Altri affrontano la questione con sarcasmo. kabdu si esprime così:

انا قررت إني أفتح مدونه في النت لوق , إيش الأوراق المطلوبة ؟؟ #Haza3
Ho deciso di dar vita al mio Netblog, quali sono i moduli ufficiali che devo compilare?

e Fouad Alfarhan aggiunge:

من يسجل مدونته ومعلوماته عند وزارة الإعلام اختياريا كما قالوا هو مثل من يبلغ وزارة المياه بجدول أوقات استحمامه #Haza3
Coloro che scelgono di registrare il loro blog e [i loro siti di] informazione al Ministro dell'Informazione dovrebbero anche notificare al Ministero dell'Acqua quante docce fanno [al giorno].

e Abdulaziz Fagih propone una nuova legge:

نطمح من الدولة بأصدار خطة مستقبلية لجعل دخول الحمامات بتصريح رسمي أو مرسوم ملكي لحامله #KSA #Haza3
Vogliamo che il Governo cominci a pensare a un sistema che consenta di andare in bagno solo a chi ha ottenuto i permessi reali o delle autorità..

Inoltre, l'annuncio della nuova legge ha sconvolto molti altri blogger. Nel suo blog Saudi Women [en] si interroga sulla libertà di parola dei sauditi:

Le nostre libertà non sono già abbastanza limitate? Dovrò chiedere il permesso al mio tutore per tenere in vita il mio blog? Ho bisogno anche di un nulla osta dall'ufficio? Devo inoltrare tutto al Ministro prima di fare un post? Che cosa succederebbe se invece di pubblicare post sul blog, i blogger scrivessero le stesse cose su Twitter o su Facebook? Che potrebbero fare? E’ prevista una registrazione anche per i nostri account Twitter e Facebook?

Anche Sultan Aljumairy esprime il proprio fastidio per la questione in un post decisamente contrariato:

إلى أي نقطة تاريخية يراد بنا أن نعود ! حتى الكلام كثير علينا !
A che punto della storia vogliono ritornare? Anche la libera espressione è diventato troppo[, per noi]….

Come risultato dell'enorme ondata di reazioni, il giorno dopo l'annuncio della legge Al-Hazzaa ha negato [en] che sarà necessaria l'autorizzazione per possedere un blog o un forum, aggiungendo anche che la nuova disciplina legislativa sarà applicabile soltanto alle riviste online. Il Ministro ha lamentato [en] che il portavoce Al Hazzaa è stato frainteso.

La smentita del portavoce ha fatto eplodere diverse reazioni su nuovi media, e ha mostrato i suoi effetti sui media elettronici ufficiali.

Fawaz Saad ritiene che Twitter sia oggi uno strumento potente:

تراجع سريع! تويتر صار يخوف #NewE3lam #haza3
Veloce smentita! Twitter fa paura

Mentre alcuni si sono chiesti perchè la smentita fosse venuta dalla stampa estera:

Samar Almoossa afferma:

#Haza3 استغربت أن يأتي النفي من وكالة الأنباء الفرنسية ، ليس لدينا وكالة أنباء وقنوات ؟ آم الرسالة عالمية ولا شأن للشعب فيها ؟
Sono rimasto sorpreso che la smentita sia arrivata tramite AFP, forse non abbiamo agenzie giornalistiche nostre? O si tratta di un avvertimento internazionale, che non riguarda noi cittadini [sauditi]?

Infine, Alfarhan propone una scappatoia per i giornali elettronici:

لو كنت صاحب صحيفة إلكترونية لأعدت تقديمها على أنها مدونة جماعية تهرباً من طلب التصريح #Haza3
Fossi stato proprietario di un giornale elettronico, lo avrei presentato come un blog, in modo da sfuggire all'applicazione della legge

[ Traduzione italiana a cura di Gianluca Pizzigallo ]

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.