chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Messico: proteste per le folli spese per il Bicentenario dell'Indipendenza

Il Messico festeggia quest’anno il bicentenario [en] dell’indipendenza [it] dalla Corona spagnola e il centenario della Rivoluzione [it] con un ricco programma di eventi. Ogni anno, tra la sera del 15 e la mattina del 16 settembre, in tutti i municipi del Paese si celebra il rinnovo della famosa chiamata alla rivoluzione. Anche i messicani che vivono al’estero celebrano la ricorrenza nelle ambasciate nazionali o in rinomati bar e ristoranti messicani.

Quest'anno, però, ci si attendono [celebrazioni] speciali, qualcosa – come previsto da molti – che “supererà ogni evento visto finora.”

"Non è perfetto, ma possiamo migliorarlo”. Immagine di Taller Hikari, ripresa da Flickr con Licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic

Qualche giorno fa il presidente Felipe Calderon ha pubblicamente invitato i messicani a unirsi durante le celebrazioni, senza tener conto dei diversi punti di vista personali su religione, politica e anche sullo stesso bicentenario. In ogni caso, la ricorrenza rappresenta una festa solo per alcuni. Il bicentenario è divenuto piuttosto un tema complesso che va provocando una varietà di opinioni e reazioni.

Perfino The New York Times dice la sua, dove Randal C. Archibold scrive: “Ci sono gli autobus bicentenari. Le strade bicentenarie. Una maratona bicentenaria. Una canzone bicentenaria. Una libreria digitale bicentenaria. Un videogioco bicentenario !!!! Persino un uccello bicentenario, il trogan di montagna, e  una pianta, un'agave!!!!! E naturalmente la stravaganza dei fuochi pirotecnici bicentenari, pensati per essere i più grandi che il paese abbia mai visto. Ciò che manca pare sia solo l’entusiamo bicentenario”.

Si sa che il governo sta spendendo ingenti somme di denaro per i festeggiamenti, ma ci sono ben altre questioni che i messicani considerano più importanti dei 580 milioni di pesos [es, come tutti i link seguenti tranne dove diversamente indicato] (circa 50 milioni di dollari) spesi per le celebrazioni di in una sola notte. La gente ha protestato e discusso sulle folli spese nel bel mezzo dei problemi legati a droga, criminalità organizzata, emigrazione, disoccupazione e istruzione.

Un quotidiano messicano, El Universal, ha lanciato un dibattito online per sondare il pensiero dei lettori sulle spese del governo per  il bicentenario. Ecco di seguito alcune delle risposte ricevute:

Creo que en estos momentos no estamos para festejar nada, tomando en cuenta que en otro estados de la republica,estan pasando por inundaciones y todo ese dinero se deberia aplicar en ayuda a esos lugares y la”celebracion” del bicentenario dejarlo para otra ocasión. (Esteban Flores García)

Credo che questo non sia affatto il momento di festeggiare nulla. Considerando che in altri stati della Repubblica ci sono state inondazioni, tutto questo denaro dovrebbe essere destinato a questi luoghi e il “festeggiamento” del bicentenario dovrebbe avvenire in un’altra occasione. (Esteban Flores Garcia)

Para nada se justifica tanto gasto del gobierno, hay necesidades muy grandes en el pais que podrian ser apoyadas con ese tanto dinero que se va a gastar(Raul López M)

Non c’è alcuna giustificazione per tutti i soldi che il governo sta spendendo, ci sono necessità molto grandi che andrebbero affrontate con il denaro che verrà speso. (Raul López M)

Yo siento que como Mèxicano da gusto el festejar el bicentenario, pero desgraciadamente los festejos se ven opacados por tanta inseguridad y delincuencia, recordemos lo que paso en Morelia Mich. con las granadas, ademas como justificar un gasto tan exesivo habiendo otras prioridades en el pais. (JOSE FRANCISCO)

Come messicano sento che sia una cosa bella festeggiare il bicentenario, ma purtroppo le celebrazioni sono messe in ombra dall’eccessiva insicurezza e dalla delinquenza; ricordiamoci [degli attentati del 2008 a] Morelia [it], nel Michoacan, con le granate. Come possiamo giustificare una spesa così eccessiva, dal momento che nel Paese le priorità sono altre? (JOSE FRANCISCO)
Anche su Twitter gli utenti messicani si sono espressi in proposito.
Bernarda Jimenez (@b3rsita), che è più ottimista, dice di essere impaziente di gustare i piatti messicani in questo giornata speciale:

Ya quiero que sea 15 para #comercomoprecious en este #bicentenario de-li-cio-so!!!

Vorrei che fosse già il 15 per poter mangiare tanto in questo de-li-zio-so #bicentenario !!!
Un altro utente, Zuza-ku (@zuzaku22) parla della sua preoccupazione riguardo alle difficoltà che sta attraversando il Paese:

En el #bicentenario lamento y lloro cada una de las muertes presentes y futuras.

In questo bicentenario rimpiango e piango ognuna delle persone che sono morte e moriranno in futuro.
Infine, riprendendo quanto è stato espresso anche da altri, l’utente Ariadna nel suo blog Blog de Ariadna si esprime così sulla Celebrazione del Bicentenario del Messico e sulla situazione del Paese:

Se que es importante celebrar que somos un país “libre” y “soberano” pero, esto se pudo invertir en cosas realmente necesarias, la pobreza nos alcanza cada vez más y la delincuencia inunda nuestras calles y nuestros políticos solo piensan en como “darnos atole con el dedo” con estos festejos… ojala paremos un momento y nos demos cuenta que realmente no hay mucho que festejar ni mucho por lo cual sentirnos orgullosos.

So che è importante festeggiare il fatto di essere un Paese ”libero” e “sovrano”, ma questo denaro avrebbe potuto essere investito in altre cose più urgenti: la povertà aumenta continuamente, la delinquenza inonda le strade e i politici pensano solamente a come [ingannarci] con queste celebrazioni… Spero che potremmo fermarci un momento e capire che non c’è molto da festeggiare, nè molto di cui essere orgogliosi.

1 commento

  • […] Quetzalcoàtl e della guerra al narcotraffico qualche settimana fa due ricorrenze storiche, il Bicentenario dell’Indipendenza del Paese dalla colonia spagnola e il Centenario dell’inizio dell…, sono state occasione per ricordare la propria storia e le proprie radici. Il governo centrale di […]

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.