chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Argentina: i netizen locali ricordano l'ex Presidente Nestor Kirchner

L'ex Presidente Nestor Kirchner [it], marito dell'attuale presidente Cristina Fernández de Kirchner, si è spento all'alba di mercoledì 27 ottobre. La morte è avvenuta nell'ospedale di Calafate, città della provincia, nella Patagonia meridionale, dove si era trasferito da qualche anno.

La prematura e inattesa scomparsa di Kirchner ha spinto molti a riunirsi nel centro cittadino nonostante ieri, in occasione del censimento nazionale, fosse giorno festivo. [AGGIORNAMENTO: giovedì, alla Casa Rosada [it] – la residenza tradizionale dei Presidenti argentini –  si è svolta [it] la veglia funebre].

Nestor Kirchner

Nestor Kirchner. Foto di Mariano Pernicone, utilizzata con Licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Molte le reazioni sui blog locali. Su ArtePolítica [es, come tutti i link tranne dove diversamente indicato], Juan Pablo Cappelli sottolinea il grande contributo di Kirchner:

fue devolverle la política a la sociedad, al pueblo. Demostrar que el cambio es posible, descolonizar nuestro pensamiento. Antes pedíamos que se vayan todos y ahora muchos queremos entrar, antes decían “algo habrán hecho” y ahora decimos “hagamos algo”, porque sabemos, ahora mas que nunca, que es la política la única herramienta de transformación de la sociedad

riconsegnare la politica alla società, al popolo, dimostrare che il cambiamento è possibile, e decolonizzare il nostro pensiero. Prima chiedevamo che se ne andassero tutti a casa, adesso siamo in molti a chiedere di voler entrare [in politica]. Prima si diceva “avranno pur fatto qualcosa” e adesso diciamo “facciamo qualcosa”, perchè sappiamo, ora più che mai, che la politica è l'unico strumento per trasformare la società.

Su Los Tres Chiflados Larry scrive:

Gracias Néstor, ahora voy a despedirte junto al pueblo, en forma de agradecimiento por demostrarme con actitud y hechos que otra Argentina es posible, que la historia puede cambiarse si se tiene coraje y convicciones.

Grazie Nestor, adesso vengo a salutarti insieme agli altri, è il mio ringraziamento per avermi dimostrato con il tuo atteggiamento e con i fatti che “un'altra Argentina è possibile”, e che si può cambiare la storia se si hanno coraggio e convinzione.
Foto di Beatrice Murch, ripresa con Licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Foto di Beatrice Murch, ripresa con Licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Su La Ciencia Maldita, Lucas Llach  scrive:

Pobre Cristina — nuestras humildes condolencias. Ojalá que tenga el ánimo para que el ciclo kirchnerista termine con el balance generalmente positivo que –en el neto de causas y azares de todos colores– tiene de momento

Povera Cristina, le nostre più sentite condoglianze. Spero che tu abbia la forza per portare a compimento il ciclo kirchnerista col bilancio positivo che – al netto delle difficoltà e degli inconvenienti – registra in questo momento.

Su Noticias del Sur viene dato risalto alle dichiarazioni ufficiali di altri presidenti latinoamericani. Su Mide/No MideLo que digo y no hago si legge che, dopo la morte di  Kirchner, i buoni del tesoro e le azioni governative sono aumentati di valore.

Altre reazioni nella blogosfera: Mendieta el Renegáu; Denken Uber; República Unida de la Soja; Conurbanos; Tirando al Medio; e Finanzas Públicas.

E su Twitter, durante l'intera giornata di mercoledì scorso “Néstor Kirchner” è stato uno dei temi più discussi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.