chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Marocco: un'altra rivista indipendente costretta a chiudere

Copertina Nichane 2006

La tristemente nota copertina di Nichane del 2006 che ne provocò il bando per due mesi

Sin dal suo esordio nel settembre 2006, Nichane [en] è divenuto il settimanale in lingua araba più popolare del Paese, con pagine piene di articoli su argomenti tabù, al pari della francofona TelQuel [fr], appartenente al medesimo gruppo editoriale. In quanto unico settimanale pubblicato nel dialetto arabo locale, il darija, Nichane aveva conquistato una sua nicchia nella crescente industria editoriale, affrontando gli argomenti da un punto di vista generalmente riservato alle numerose pubblicazioni francesi presenti nel Paese.

Nichane ha dovuto affrontare vari problemi sin dall'inizio. Dopo appena quattro mesi dal lancio, il giornale è stato colpito da una sospensione di due mesi [en] e il suo redattore capo, Driss Ksikes, insieme al giornalista Sana El-Aji, furono multati e condannati a tre anni, con sospensione della pena, per aver pubblicato un servizio sulle più popolari barzellette marocchine. Nel 2009 la polizia marocchina distrusse 100.000 copie [fr] del settimanale come ritorsione per aver pubblicato un sondaggio non autorizzato sul Re Mohammed VI. Oggi, a seguito del lungo boicottaggio pubblicitario dell’ONA Holding Group, controllato della famiglia reale, Nichane è costretta a chiudere i battenti, non potendo rimanere a galla senza inserzioni.

In generale, in questi anni i blogger marocchini hanno mostrato solidarietà/a> [en] con Nichane, anche quelli meno favorevoli alla linea della rivista ma comunque sostenitori della libertà di parola. Nel 2009, la campagna “Je Suis 9%” (“Io sto con il 9%”) [fr] riuscì a raggiungere la stampa internazionale: con quell'azione i blogger protestavano contro il sequestro di Nichane e TelQuel. E oggi sono parecchi i blogger a lamentare la chiusura della rivista.

Issandr El Amrani, di The Arabist, esprime concerto [en] sulle circostanze della chiusura:

È sconvolgente notare che il regime marocchino, che nello scorso decennio puntava così tanto sull'immagine di democratizzazione sia in patria che all'estero, si sta comportando in maniera così aggressiva contro una testata indipendente. La contemporanea diffusione di altre testate solo apparentemente indipendenti come Actuel e Le Temps, così come l'addomesticamento di Rachidi Nini e del suo (bisogna dirlo, orribile) al-Massae, sta portando a uno scenario mediatica soporifero e appiattito, là dove prima c'era molta vivacità. Ma la posta in gioco può essere ben più alta della mera libertà di stampa: la chiusura delle riviste sembra più la diretta conseguenza dell'appetito insaziabile della monarchia a livello imprenditoriale.

Più avanti lo stesso blogger aggiunge:

È già una brutta situazione essere uno Stato senza libertà di stampa, ma ancor peggio è essere un Paese in cui non c'è trasparenza in ambito economico e dove la popolazione è stritolata dai monopoli artificiali. Nel caso di Nichane, compaiono entrambe le situazioni.

Su Bahmut, Kacem El Ghazzali si interroga sulla logica [ar] che porta alla chiusura di una rivista così popolare:

”نيشان” أول مجلة بالمغرب ستتناول قضايا الأقليات وتحاول ايصال رؤاهم للمجتمع من خلال ملفات أقل ما يمكن ان توصف به هو انها جريئة، داخل بيئة سلبية أنتجها واقع أمي يعاني فصاما نفسيا متعفنا. اليوم تقبر” نيشان” وتتوقف عن الصدور بعد ان مرت بسياسة تجفيف المنابع بحرمانها من الإعلانات، ”مما أدى لإفلاسها” وقد لا أتفق ! فهي من أكثر المجلات مبيعا فهل هذا يعلل منطق الإفلاس؟

“Nichane” è la prima rivistamarocchina diretta alle minoranze, interessata alle loro questioni e che ne trasmette il punto di vista tramite audaci inchieste. Opera in un ambiente negativo prodotto da uno status quo illetterato e schizofrenico. Oggi “Nichane” è stato sepolta e non comparirà più, vittima di un ostruzionismo pubblicitario che l'ha portata alla bancarotta. Non posso accettarlo! “Nichane” è una delle riviste più vendute, come può fallire?

Il popolare blogger Larbioffre [fr] un dettagliato resoconto della censura e delle vessazioni perpetrate da polizia e magistratura ai danni dei proprietari delle testate indipendenti:

Doucement, et assez intelligemment, le paysage de la presse écrite s’est métamorphosé ces deux dernières années. Le pouvoir a diversifié ses méthodes de prise de contrôle, direct et indirect, de la presse écrite au Maroc, si bien qu’aujourd’hui personne n’attends plus la sortie des hebdos le week-end et leurs dossiers qui, il n’y a pas si longtemps, pimentaient la vie politique marocaine.

Au fil des années, le pouvoir s’est constitué une panoplie riche d’outils pour museler la presse écrite et la garder sous contrôle.

Negli ultimi due anni, il panorama editoriale è stato trasformato in modo lento e sottile. Le autorità hanno diversificato i metodi di presa di controllo, diretto e indiretto, della stampa, tanto che oggi nessuno aspetta più l'uscita dei settimanali nel weekend e dei loro approfondimenti che, fino a poco tempo fa, rendevano più piccante la vita politica marocchina. Con il passare degli anni il potere ha creato una serie di strumenti tramite cui zittire la stampa e tenerla sotto controllo.

Nel forum C.J.D.M. (“Cercle des Jeunes Débiles Marocains”, ovvero “Circolo dei Giovani Stupidi Marocchini”), il blogger aboulahab riporta la “lettera” satirica [fr] di un importante esponente del Makhzen [en] (élite al potere in Marocco). Eccone un estratto:

Vous comprenez maintenant les raisons de ma joie. Nous avons réussi en dix ans à faire taire à peu près toutes les voix dissidentes de ce pays. Nous avons diversifié nos actions, procès, saisies illégales, intimidations … Nous avons monté les journalistes les uns contres les autres. Vous vous rendez compte, dans une profession souvent accusée de corporatisme primaire, rares sont les journalistes qui soutiennent leurs collègues quand ils subissent une injustice. N’est ce pas le plus beau pays du monde ? Vous m’en voyez heureux.

Adesso capirete le ragioni della mia felicità. Siamo riusciti nel giro di dieci anni a mettere a tacere tutte le voci dissidenti di questo Paese. Abbiamo diversificato le nostre azioni, i processi, le confische illegali, le intimidazioni … Abbiamo messo i giornalisti gli uni contro gli altri. Capite, in una professione spesso accusata di massimo corporativismo, sono rari i giornalisti che sostengono i colleghi quando questi subiscono un'ingiustizia. Non è forse il più bel Paese del mondo? Ecco perchè mi vedete felice.

Non tutti i blogger vedono la faccenda così in bianco e nero. Xoussef ammette senza problemi di non essere “un fan sfegatato” della rivista e aspetta di vedere [en] cosa accadrà ora:

Quello che mi infastidisce sono le lamentele. Non da parte dei seguaci di Nichane, ma di quelli che commentano qui e la la situazione. È fastidioso, vorrei dire loro che non è affatto una sorpresa, se non altro è il riconoscimento della voce di Nichane. Vorrei dire loro di farla finita e di passare ad altro, ma questo serve a poco, perché, stranamente, non è la gente di Nichane a lamentarsi, e ciò aumenta il rispetto nei loro confronti.

D'altra parte, l'altra stampa araba “indipendente” è impegnata in una divertente quanto patetica zuffa in cui si schiaffeggiano, si graffiano, si strappano i capelli e lacerano i vestiti a vicenda per le acquisizioni e le fusioni mancate.

Qualcuno si chiede ancora perché in questo benedetto Paese i giornali non vendono?

Mentre Sumayya di Reading Morocco riconosce che la sua squadra di blogger è “troppo ‘conservatrice’ per piangere la morte di Nichane” ma sostiene [en] che, malgrado ciò, “siamo veramente dispiaciuti per la continua perdita di libertà nel dibattito pubblico e la continua polarizzazione di tutte le ‘parti’.”

La Blogoma [en] continua intanto a piangere la perdita di Nichane su Twitter [fr/ar].

1 commento

  • pingback: fango | Alaska

    […] i lettori del suo blog a l’Aquila per il 20 novembre. Intanto, nel paese di nascita di Ruby un’altra rivista indipendente è costretta a chiudere, lo racconta Claudia Cassano su Global Voices in italiano lavorando sui materiali che arrivano dal […]

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.