chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Cina: ulteriori restrizioni sul materiale in Tibetano

Angry Chinese Blogger [en] segnala che lo scorso mese di maggio Pechino ha introdotto nuove norme in Tibet. A Lhasa [it] è vietato stampare o copiare documenti senza essere identificati. La disposizione impone che tipografi, editori e copisterie registrino i dati di tutti i clienti e li consegnino alle forze di sicurezza se richiesti. Ogni privato cittadino deve presentare la carta d’identità, mentre le aziende devono fornire anche il nome del manager che ha ordinato il lavoro.
Per Pechino la misura serve a impedire che imprecisati criminali commettano reati altrettanto imprecisati. Voci sul posto riferiscono che la norma vuole essenzialmente vietare o scoraggiare la stampa di materiale in lingua tibetana.
Secondo alcuni studiosi della politica cinese il provvedimento somiglia molto alle cosiddette restrizioni “Jim Crow” [it], specifiche vessazioni legali applicate fino al 1965 da numerosi Stati USA, in particolare del Sud, per impedire agli afro-americani di accedere a tutta una serie di servizi.

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.