chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Giordania: turbolenti elezioni raccontate in diretta via Twitter

Il 9 novembre si sono tenute le elezioni legislative in Giordania: 763 candidati, di cui 143 donne, competevano per raggiungere uno dei 120 seggi parlamentari. Man mano che si svolgevano le operazioni di voto, l'utente di Twitter Naseem Tawarnah ha fornito aggiornamenti sulle voci che parlavano di violenze o brogli. [#JOelections è l'hashtag che raccoglie i tweet sulle elezioni giordane]

Naseem ha cominciato [en, come tutti i link dell'articolo tranne ove diversamente segnalato] di primo mattino:

Arrestate 40 persone a Madaba e 10 a Jerash a seguito dei tafferugli scatenati durante le elezioni [ar] #JOelections

Questo un successivo rilancio:

Uomini armati impediscono alla gente di recarsi ai seggi di Mafraq. A Ramtha trovate altre carte d'identità false… [ar] cominciamo bene!  #JOelections

Prima di mezzogiorno, la rapidità con cui si susseguivano gli aggiornamenti è aumentata esponenzialmente, costringendo Tawarnah a indicare anche l'orario dei suoi messaggi.

11:37am: a Mandaba alcuni sostenitori di un candidato hanno fatto fuoco sull'auto di un suo rivale. Nessun ferito. #JOelections

Naseem ha poi proseguito riferendo di episodi di violenza avvenuti rispettivamente a Ma'an, Madaba, Amman, Mafraq e Tafila.

11:48am: La polizia ha arrestato [ar] quattro uomini armati di kalashnikov a Ma'an, uno dei quali è il fratello di un candidato. #JOelections

11:57am: Automobilista ubriaco entra con la macchina in un seggio. Due feriti. La polizia arresta 30 persone con asce e coltelli. #JOelections

12:01pm: Tafferuglio tra la polizia e un candidato del quinto distretto di Amman che si lamentava dell'integrità del processo elettorale.  #JOelections

Rissa tra tre candidati a Mafraq. Il presidente di seggio viene picchiato e derubato del cellulare. #joelections

A Tafieleh, la polizia deve ricorrere ai lacrimogeni per disperdere una folla di sostenitori di un candidato che cercava di impedire l'accesso al seggio agli elettori della parte avversa #JOelections

Più tardi, Tawarnah ha scritto, non senza una certa ironia:

12:33pm: Il Ministero dell'Interno giustifica la bassa affluenza registrata ad Amman accusando i residenti “pigri” di essersi svegliati tardi. Una scusa che non ha prezzo! #JOelections

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.