chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Petizione contro arresti arbitrari in Madagascar

Ondata di arresti in Madagascar, dopo il referendum e il tentato colpo di stato di due settimane fa. Ha visto coinvolti, oltre agli ufficiali dell'esercito materialmente responsabili dell'atto, anche il Prof. Raymond Ranjeva, vice-presidente in pensione della Corte internazionale di giustizia dell'Aja – accusato il 12 ottobre scorso di incitamento alla sedizione – e la figlia Riana, per oltraggio a pubblico ufficiale durante la perquisizione che ha avuto luogo in casa sua.  Nel domicilio della figlia avrebbero trovato copie di un testo, “Vonjy Aina” [mg], scritto dal padre, che tracciava una proposta per far uscire il Paese dall'attuale impasse politica e che stava circolando pubblicamente online da mesi. Interrogata e poi rilasciata anche Sahondra Rabenarivo, giurista formatasi ad Harvard, che aveva criticato il testo costituzionale proposto nel referendum, invitando la gente a esprimere voto contrario. Il Professor Raymond Ranjeva era rientrato in Madagascar dopo il pensionamento, con l'intento di contribuire a una transizione neutrale. Il blogger Alain Rajaonarivony parla in questo post [fr] delle implicazioni di questi recenti arresti di stampo politico. Un parente stretto di Raymond Ranjeva, invece, ne descrive qui le circostanze. E infine, ecco il testo della petizione che sta circolando contro questi arresti arbitrari [fr].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.