chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Brasile: le comunità indigene si confrontano e rilanciano sull'uso di internet

Foto di Simpindigena

Foto di Simpindigena.

Alla fine di Novembre, nella città di San Paolo si è tenuto il 1° Simposio sull'uso di internet delle comunità indigene [pt], un evento organizzato dal Centro di storia e studi indigeni dell'Università Federale di Saõ Paolo, per considerare l'uso di Internet da parte delle comunità indigene brasiliane.

All'evento hanno partecipato i delegati di 16 etnie indigene di ogni parte del Paese, la maggior parte delle quali hanno già introdotto nelle loro comunità l'uso di Internet con l'obiettivo di poter migliorare le loro condizioni. Riportando l'esperienza di un indigeno che ha tratto parecchi benefici dalle tecnologie digitali per promuovere iniziative di carattere politico, Almir Surui Narayamoga, leader dell'etnia Paiter Surui, ha giudicato che questo dibattito rivesta molta importanza [pt] per tutti:

A internet tem grande importância na luta social e ambiental dos povos indígenas.

Internet riveste un ruolo assai importante nelle battaglie sociali e ambientali che coinvolgono le popolazioni indigene.
Almir Surui condivide la sua esperienza come utente online.

Almir Surui condivide la sua esperienza come utente online. Foto dell'autore.

Nel corso dei tre giorni del convegno, ciascun delegato ha condiviso la propria esperienza rispetto all'uso di internet nei diversi villaggi, illustrandone i vari impieghi possibili: la promozione di eventi, la difesa dei territori, il ricorso all'educazione a distanza, l'intercambio culturale, l'ccesso all'anagrafe, la richiesta di copertura sanitaria nazionale, o anche per comunicare con i parenti, inoltrare reclami, etc.

Come previsto, l'evento è stato seguito da numerosi blogger presenti fra il pubblico. Daniel, in rappresentanza dell'etnia Baniwa, una delle popolazioni che vive nello Stato dell'Amazzonia, ha riassunto la prima giornata del simposio [pt] sul blog Baniwaonline:

Um momento bom pois tivemos a primeira oportunidade de nos conhecemos e saber o que cada um estava fazendo, como, onde, quais suas principais dificuldades, avanças, projetos em execução e projetos futuros (sonhos), ações relacionados ao uso de internet.

È stata un’ esperienza molto interessante, dato che si è trattato della prima opportunità per poterci riunire e sapere che cosa sta facendo ciascuno, come, dove e quali sono le principali difficoltà, i progressi, i progetti in corso e quali i progetti (sogni) futuri, e le potenziali attività da organizzare grazie a Internet.
L'evento è proseguito cercando di identificare le sfide da affrontare [pt], come riassunto qui dal collettivo Indios Online:

Existem no entanto vários problemas que foram levantados, como a dificuldade de conexão, problemas com a antena Gesac, falta de computadores, computadores quebrados, falta de manutenção desses computadores, falta de qualificação para que nós mesmo façamos a manutenção das maquinas nas aldeias.

Esperamos que unidos possamos estar minimizando estes problemas, que nós da Rede Índios on Line conhecemos tão bem. A Internet nas aldeias não mata a cultura indígena se o seu uso for consciente e com um propósito definido. Hoje nós indígenas utilizamos esta Tecnologia que não pertence à nossa cultura como uma ferramenta de buscar melhorias para nossas comunidades e lutar por nossos direitos.

Sono stati sollevati numerosi punti da affrontare, tra cui la difficoltà di connessione, i problemi con l'antenna fornita da Gesac [il programma del governo per l'inclusione sociale e digitale], la mancanza di computer e quelli inutilizzabili, l'assenza di un servizio di assistenza, e la necessità di organizzare dei corsi di mantenimento in modo da poterci occuparci direttamente dei computer nei villaggi.

Speriamo insieme di poter minimizzare questi problemi; noi della rete Indios Online li conosciamo fin troppo bene. Avere Internet nei villaggi non danneggia la cultura indigena quando se ne fa un uso cosciente e con uno scopo preciso. Oggi noi, le popolazioni indigene, usiamo questa tecnologia, che è aliena alla nostra cultura, come uno strumento per ottenere dei miglioramenti per la vita delle nostre comunità e per lottare per i nostri diritti.

Tutti insieme, connessi e non connessi

Tutti insieme, connessi e non connessi. Fonte: Indios Online.

Alla chiusura del simposio, i partecipanti si sono trovati d'accordo nell'incoraggiare le popolazioni indigene o gli individui che non usano ancora Internet a creare propri blog e siti web, e si è decisa la creazione di un “cyber-spazio speciale” per le comunità indigene. Baniwaonline sintetizza così l'ultima giornata dell'evento, sottolineando le decisioni finali [pt]:

Dentre os principais encaminhamentos, foi decidido em unanimidade dos participantes do evento, a necessidade de criar “Rede das Redes dos povos Indígenas”, usuarios (sites, bloogs, …), com a proposta de nome: “Rede Digital e culturas Indígenas”, em que os internautas indígenas se cadstrarão e divulgarão, neste site, os diversos conteúdos postados nos sites e blogs hoje existente e o que virao a ser criadas de diferentes lugares do Brasil. Uma forma de unir a força e trabalhar em conjunto em prol da sociedade indígena, disseminando expericnias, noticias, cursos e etc.

Fra le principali decisioni prese, abbiamo deciso all'unanimità di creare una “Rete di Reti delle popolazioni indigene,” di utenti (siti, blog…), con il titolo proposto di: “Rete digitale delle culture indigene”, un portale dedicato agli utenti indigeni di internet, che raccolga i vari contenuti inseriti nei siti e blog esistenti e quelli che verranno creati nelle diverse zone del Brasile. E’ un modo per unire le forze e lavorare insieme a sostegno delle popolazioni indigene, oltre a condividere esperienze, notizie, attività e altri tipi di iniziative.
Ultima foto di gruppo. Fonte: Indios Online

Ultima foto di gruppo. Fonte: Indios Online.

Questa futura rete delle reti, che punta a riunire tutti i siti e i blog indigeni in un unico portale, dovrebbe venir lanciata in occasione del Campus Party Brazil 2011 [pt]. Il sito Indios Online illustra gli obiettivi di questa nuova rete [pt] e pubblica i verbali del simposio [pt]:

[…] a intenção é de dar visibilidade as ações digitais dos povos indígenas, e com isso mostrar para o mundo que nós indígenas temos sim capacidade e habilidade, de lidar com as diversas áreas do mundo digital.

[…] L'obiettivo è di dare visibilità all'azione digitale delle popolazioni indigene, e in questo modo mostrare al mondo che anche noi abbiamo competenze e capacità per poterci occupare delle varie sfide del mondo digitale.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.