chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Egitto: cala la notte dopo una giornata di rabbia

Mentre in Egitto calava la notte, al Cairo e in altre aree del Paese continuavano le manifestazioni di protesta. Le notizie non parlano che degli eventi accaduti in Tharir Square, a Il Cairo, dove la polizia ha cercato di sciogliere una mnaifestazione con lacrimogeni, pallottole di gomma e cannoni ad acqua provocando molti feriti. Sembra che a Suez, ci siano stati tre morti [en]. Ad Alessandria d'Egitto un sit-in di migliaia di persone è cominciato fra gli arresti. A El-Mahala [it], grande città agricola, alcuni messaggi su Twitter riportavano le azioni di poliziotti che hanno distrutto proprietà pubbliche nella piazza di El-Shoon e di altri scontri tra civili e polizia [en].

@Alaa [en] ha scritto su Twitter che c’era un disperato bisogno di medici in Tahrir Square:

Cerca di portare le persone in ospedale invece, i medici hanno bisogno di medicine e attrezzature ♻ @husseinelsaid: @alaa c’è un DISPERATO bisogno di medici a Tahrir pls RT

Mentre il governo egiziano ha bloccato Twitter e le reti dei cellulari nei dintorni di Tharir Square, lasciando i manifestanti senza mezzi per comunicare con il mondo esterno. I residenti del vicinato, allora, hanno rimosso spontaneamente le password delle reti wireless per permettere loro di accedere ad Internet:

@Mohrad [ar, come gli altri link eccetto ove diversamente indicato]

المواطنين والمحلات لغوا باسوردات شبكات الوايرلس والمعتصمين في التحرير يستطيعون الآن التواصل مع الناس#Jan25 #fb

Civili e negozianti hanno eliminato le password dei loro router wireless. Ora i manifestanti di Tahrir Square possono comunicare liberamente online.

Inoltre i negozianti della zona hanno cominciato ad offrire cibo e acqua ai manifestanti.

@Mohrad

من التحرير: هارديز طلع ساندوتشات صغيرة للمعتصمين والأمن منعهم وطلب منهم يقفلوا ويمشوا ورفضوا يقفلوا ومشاركين الشباب

Da Tahrir: Hardee's ha distribuito gratuitamente panini ai manifestanti ma la polizia ha cercato di fermarli mandandoli via. I negozianti si sono però rifiutati unendosi alla gente.

Anche alcune celebrità si sono unite ai manifestanti, aggiornando i propri account Twitter: gli attori Amr Waked e Khaled Aboul Naga, la presentatrice televisiva Bouthayna Kamel, il regista Amr Salama, e il politico Ayman Nour.

Amr Salama e Khaled Aboul Naga hanno rilanciato un aggiornamento dai manifestanti a tutti gli egiziani:

رسالة من المعتصمين: كلنا موجودين في ميدان التحرير مش هنتحرك، و هنبات و هنكمل مظاهرتنا بكره الصبح رغم كل اللي بيعمله الأمن، اللي يقدر منا ينزل للناس دي ينزل، و اللي يقدر يجيبلهم مية أو أكل يجيب، و اللي مايقدرش ينشر الخبر دا و مايصدقش اللي بيتقال عن إنهم هيمشوا أو هيتحركوا من مكانهم… قوم يا مصري

Dai manifestanti: Rimarremo a Tharir Square. Non ci muoveremo da qui. Rimarremo e continueremo a protestare anche domattina nonostante la brutalità della polizia. Unitevi a noi se potete. Chiunque possa portarci acqua o cibo, per favore lo faccia. Li butteremo fuori dal Paese. Davvero Partecipate, egiziani!

Intorno alle 22 orario de Il Cairo, Farouk ha scritto su Twitter da Tahrir Square:

@farokadel:

من التحرير المعنويات مرتفعة بس الامن بيجهز هجوم تقريبا

La speranza è forte. Ma sembra che la polizia stia preparando qualcosa.

@Sandmonkey [en] aggiunge:

Fatto buffo del giorno: nessuna ragazza è stata molestata oggi. Tutti si sono comportati con il massimo rispetto. #jan25

Comunque l’atmosfera è cambiata bruscamente verso mezzanotte, quando la polizia ha usato la forza per sgomberare i presidi a Tahrir Square.

@Mohamed_A_Ali scrive su Twitter dal luogo del sit-in:

الضرب اشتغل الحقونا

Hanno cominciato a picchiarci. Aiutateci.

Secondo quanto riportato da una nota donna coinvolta nel mondo politico, Gameela Ismail [en], almeno quaranta persono sono state arrestate dalla polizia e portate in un luogo sconosciuto, tra cui il figlio Noor, il dottor Mostafa El Nagar, il coordinatore generale della “Campagna per il cambiamento”, il giornalista Mohamed Abdelfattah, e AbdelRahman Ayyash, studente di ingegneria che domani avrebbe dovuto sostenere un esame in facoltà.

Seguite gli aggiornamenti nello speciale di Global Voices Online, sia in inglese che in italiano

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.