chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Egitto: foto e immagini delle dimostrazioni in corso

In questi giorni, in Egitto una foto vale più di mille tweet, specialmente ora che Twitter è bloccato [it] per fermare il flusso di informazioni sulle manifestazioni in corso [it] nel Paese.

La blogger egiziana Zeinobia [en], si è munita di macchina fotografica ed è scesa in strada a scattare delle foto, caricandole sul suo account Flickr. Eccone alcune:

25 Gennaio. Migliaia di forze dell'ordine
Il Cairo: diecimila poliziotti schierati in strada già dal mattino. Foto di Zeinobia, con licenza Creative Commons.

L'altro ieri, 25 gennaio, era festa nazionale e le strade erano vuote. Le forze dell'ordine hanno rapidamente deciso come grestire la folla di manifestanti, specialmente rispetto al controllo del tipico traffico per le strade de Il Cairo.

25 Gennaio. Piazza Galaa
La forze dell'ordine hanno bloccato alcune delle piazze e degli incroci principali. Le auto sono state fatte passare, quando possibile, sui ponti e nelle gallerie…tanto è un po’ difficile manifestare in una galleria, no!? Alcuni utenti Twitter hanno segnalato la chiusura della metropolitana per controllare meglio i manifestanti. Foto di Zeinobia, con licenza Creative Commons.

Rassd New Network ha pubblicato sulla sua pagina Facebook [ar] (Foto soggetta al copyright di Getty Image copyright. Per informazioni fare riferimento al Washington Post [en]) una foto incredibile dei manifestanti in Piazza Tahrir [ar] (Piazza della Liberazione), nel centro de Il Cairo.

In serata, i manifestanti radunatisi Piazza Tahrir [it] sono aumentati in modo esponenziale. A Midan El-Tahrir o Piazza El-Tahir si sono svolte le maggiori proteste in passato, tra cui quella del Marzo 2003 quando la gente è scesa in strada per manifestare contro la guerra in Iraq.

Nel pomeriggio è stato bloccato Twitter, ma prima qualcuno è riuscito a caricarvi delle foto, via Twitpic. @M_Na7as ha caricato quelle che seguono [ar] , dove si vede  come il numero dei manifestanti fossero di gran lunga maggiore rispetto alle forze dell'ordine nella città di El-Mahalla [it].

25 Gennaio. El-Mahalla El-Kubra
I manifestanti accerchiano le forze dell'ordine a El-Mahalla. In passato El-Mahalla è stata teatro di scioperi di moltissimi lavoratori [it]. Foto di @M_Na7as

Anche al di fuori dell'Egitto sono state scattate foto delle proteste. @MafazAlSuwaidan ha condiviso le immagini di una manifestazione a Toronto, Canada.

25 Gennaio. Toronto, Canada
I manifestanti egiziani nel centro di Toronto gridano: “Rivolta fino alla vittoria, ribellione nelle strade del mio Paese!”. Foto di @MafazAlSuwaidan

Ancora, @TheOnlyWarman pubblica la una foto di alcune camionette con militari a bordo nel tranquillo quartiere di Maadi. Alcune delle camionette per le strade de Il Cairo provenivano infatti da zone con meno tensioni, per offire rinforzi alle polizia locale. @alasmari condivide la foto di un manifesto del presidente egiziano strappata da uno dei molti tabelloni per le strade.

Nel frattempo, gli sviluppatori web libanesi Layal Al Khatib [link rimosso] e Mirelle Raad hanno creato un nuovo progetto di raccolta di immagini [en] per raccogliere in un unico sito le foto condivise dai netizens.

Dopo aver avviato il progetto, Layal scrive su Twitter [link rimosso]:

E’ stato bello lavorare con @ [en] per una buona causa . Le foto caricate su Twitter sono qui> [en]

E Mireille aggiunge [en]:

Mostriamo al mondo le 423 foto delle proteste di martedì, usando l'hashtag , raccogliendole su ; continuiamo a diffondere foto dal vivo via twitter.

Gli aggiornamenti proseguono nello speciale di Global Voices Online, sia in inglese che in italiano.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.