chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Israele/Palestina: prime reazioni alla pubblicazione dei “documenti palestinesi”

Il 23 gennaio Al Jazeera English ha pubblicato il primo di oltre 1.600 documenti riservati [en, come i link successivi tranne ove diversamente segnalato] riguardanti il decennale processo di pace tra Israele e Palestina, subito ribattezzati “documenti palestinesi”. Nelle carte divulgate  vengono rese pubbliche una serie di negoziazioni segrete tra il fiduciario dell’Olp [it], Saeb Erekat, e gli israeliani, incluse alcuni accordi che Al Jazeera ha definito “compromessi senza precedenti sulla divisione di Gerusalemme e dei suoi luoghi sacri”.

Il giornalista Blake Hounshell (@blakehounshell), di base a Doha, ha commentato questa prima pubblicazione dichiarando: “Penso che [il 23 gennaio] potrebbe essere ricordato come il giorno in cui è venuta definitivamente meno la prospettiva di una soluzione a due Stati #palestinepapers”.  Le reazioni susseguitesi in tutta la regione non sono state meno drastiche.

Il giordano @Mayousef sembra essere d'accordo con l'affermazione di Hounshell, ma allo stesso tempo non è rimasto particolarmente sorpreso dal contenuto delle carte:

Così ora sappiamo che quelli dell'OLP sono dei traditori. Pensavo avrebbero tirato fuori informazioni nuove, e non i dettagli di una storia vecchia #PalestinePapers

@majdal, che vive in Italia, ha visto in questa vicenda la fine dell'Autorità Palestinese, come già pronosticato da Hounshell:

Che situazione disgustosa. [Prevedo che] dopo quanto rivelato l’Autorità Palestinese [it] non durerà ancora a lungo. #palestinepapers

Anche se su Twitter la maggior parte delle critiche vengono indirizzate all'intera Autorità Palestinese, sono in molti a ritenere Saeb Erekat il principale responsabile:

@KonWomyn (ubicazione sconosciuta), commenta così la figura di Erekat:

Saeb Erakat sta ritrattando tutto, come se non avesse mai fatto proposte simili a Israele. Evidentemente, soffrire di amnesia è indispensabile per fare politica. #palestinepapers

Il sudanese @simsimt, alludendo all'affermazione di Erekat secondo il quale nessuno potrebbe mai farlo passare per sionista, crede che come politico abbia ormai i giorni contati:

Il non-sionista Saeb Erekat è un uomo finito. Chi sarà il prossimo? #palestinepapers

Alcuni hanno notato come le responsabilità non siano tutte imputabili all'Autorità Palestinese. @Elizrael, che si trova in Israele, pone un'altra questione:

Certo i documenti palestinesi gettano cattiva luce sulla leadership palestinese, ma si pensi anche all'immagine che proiettano dei leader israeliani… disposti costantemente a rifiutare la pace.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.