chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Maldive: solidarietà con l'Egitto e affinità storiche

Gli avvenimenti che stanno avendo luogo in Egitto hanno “elettrizzato” i netizen delle Maldive. L'evento in corso esercita un fascino che va oltre qualsiasi confine geografico, ma per le Maldive assume un significato particolare perché riporta alla memoria le immagini delle proteste di qualche anno fa a favore della democrazia nell’isola dell’Oceano Indiano.

Il blogger Yaamyn scrive [en, come ovunque nel seguito tranne ove indicato]:

Sono elettrizzato da ciò che sta accadendo in Tunisia e in Egitto (e in Yemen, Giordania e Algeria)

Trova di nuovo conferma la mia convinzione che non importa quanto la situazione sembri buia e senza speranza, il popolo può cambiare il proprio destino.

Tempo scaduto

Tempo scaduto. Immagine ripresa da http://maldivesvotes.com/egypt/

Hilath esorta il presidente delle Maldive a rivolgere qualche parola di incoraggiamento ai dimostranti egiziani:

Forse è il momento che il presidente Nasheed “metta una buona parola” di modo che i nostri fratelli e sorelle egiziani non si massacrino l'un l'altro. Devono invece essere incoraggiati come è successo alle Maldive (di cui avranno letto nella sezione “notizie internazionali” nei loro giornali), cosicché realizzino che anche loro possono farcela: possono vivere una transizione pacifica che porti a una vera democrazia e non a quel tipo di falsa democrazia che Maumoon e Hosni Mubarak hanno attuato per almeno 30 anni.

Mubarak deve dimettersi immediatamente e pacificamente. 29 anni al potere sono più che sufficienti!

Questo è il trentesimo anno in carica del presidente egiziano Mubarak e il popolo delle Maldive paragona il suo governo ai trent’anni di dittatura da loro subiti, terminata nel 2008.

Firax scrive su Twitter:

Uno non può che mettere a confronto gli eventi che si stanno svolgendo in #Egitto e la fine dei difficili 30 anni di governo delle #Maldive

AdduHaanee commenta:

30 è il numero magico. È quando facciamo i conti con la crisi di mezz’età. È quando i dittatori affrontano la loro crisi #Egitto #Maldive

Mashafeeg dichiara:

Quando è troppo è troppo, e 29 anni lo sono davvero #Egitto

29 anni sono davvero troppi

29 anni sono davvero troppi. Immagine ripresa da http://www.maldivesvotes.com/egypt

Firax aggiunge:

MUBARAK: Io sono il padre della Democrazia. Li lascio solo protestare http://t.co/ejCmd1N Vi suona familiare??? #egitto #maldive #jan25

MaldivesVotes.com, un sito che ha pubblicato molte immagini sulla democrazia durante la corsa alle elezioni presidenziali delle Maldive nel 2008, ha creato una pagina speciale per l'Egitto. Ha pubblicato anche poster, wallpaper e foto che dimostrano solidarietà ai manifestanti in Egitto.

There is hope beyond barbed wires.

C’è speranza oltre i fili di ferro. Immagine ripresa da http://www.maldivesvotes.com/egypt/

Seguite gli aggiornamenti nello speciale di Global Voices Online, sia in inglese che in italiano

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.