chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Panama: polemiche online per l'incendio nel carcere minorile di Panama City

La polizia nazionale arricchisce di un nuovo capitolo polemico il mandato del governo attualmente in carica guidato da Ricardo Martinelli [it]. Il portale Kaosenlared [es, come i link successivi tranne ove diversamente segnalato] segnala la notizia:

7 menores recluidos en el Centro de Cumplimiento de Menores resultaron seriamente quemados, 5 de ellos de gravedad, en un incidente ocurrido este domingo 9 de Enero.

Los menores reclamaban que tenían más de 8 días sin agua, producto de la crisis del suministro de agua potable en la ciudad capital. Más de 8 días sin bañarse ni tomar agua.

Una de las celdas se incendia y los menores imploraban a los policías que los auxiliaran. Los policías no actuaban y hasta se mofaban del sufrimiento de los jóvenes.

7 ragazzi reclusi nel Centro di detenzione minorile hanno riportato serie ustioni durante un incidente occorso domenica 9 gennaio 2011: 5 sono in gravi condizioni.

I ragazzi lamentavano di non ricevere acqua da oltre 8 giorni a causa di problemi nella distribuzione di acqua potabile che affliggono la capitale panamense. Più di 8 giorni senza potersi lavare né bere.

Una delle celle ha preso fuoco e i detenuti hanno supplicato gli agenti di custodia di aiutarli, i quali non solo non hanno fatto nulla ma si sono fatti beffe della sofferenza dei ragazzi.

Il fatto ha provocato reazioni discordanti, fattesi più intense dopo il decesso di tre dei giovani detenuti. Da un lato la polizia ha cercato di difendersi e di dare spiegazioni per quanto è accaduto, dall'altro i cittadini si sono divisi tra chi chiede la testa degli agenti di custodia e chi invece ne giustifica le azioni.

Gloribeth Sinclair (@glorisin) scrive su Twitter:

NO puedo ser tan justa con mi opinion sobre los presos quemados (menores) si ellos NO son justos con las personas que han matado u robado!

Non posso essere giusta con i detenuti (minorenni) ustionati se questi, a loro volta, non sono stati giusti con quelli che hanno ucciso e derubato!

Da parte sua Natasha Pineda (@natashaP12) si dice indignata per il comportamento degli agenti di custodia:

Aun no creo lo inhumanos que fueron esos policias con los menores de edad! Ya van 3 muertos y siguen en cuidados 4 mas ¿y el cambio?

Non riesco ancora a credere quanto siano stati disumani quegli agenti con dei minorenni! 3 di loro sono già morti e altri 4 sono ancora in terapia intensiva e per cosa?

Sul suo blog Sin mordazas, Susana Merina Lezcano è combattuta dallo stesso dilemma di molti cittadini: da un lato c'è la consapevolezza che quei ragazzi non erano esattamente dei santi, come vorrebbero dipingerli i familiari e i media, e dall'altro il fatto che, ciò nonostante, nessun essere umano merita di essere trattato così.

Los familiares de los reclusos dicen en televisión cosas como “el no era malo, solo lo agarraron con una metralleta”, como dijo la abuela del primer muchacho que murió tras este fuego. Es como si la realidad de estas personas estuviese tan distorsionada que no tienen consciencia de qué tan malos son los pasos que siguen sus hijos, o su entorno está tan podrido que para ellos es normal que un niño tenga un arma.

Alla televisione, i familiari dei detenuti fanno affermazioni come “non era una persona cattiva, è solo che l'hanno colto in flagrante con un mitra”, come ha dichiarato la nonna del primo ragazzo deceduto nell'incendio. E’ come se la realtà di costoro fosse talmente distorta da non rendersi conto di quanto sia cattiva la strada presa dai figli oppure il loro ambiente è talmente degenerato che sembra normale che un ragazzino abbia un'arma.

Susana aggiunge poi che i motivi che hanno portato quei ragazzi al carcere sono gli stessi che hanno indotto gli agenti di polizia a comportarsi come hanno fatto:

¿Que los guardias del centro actuaron de forma inhumana? No podemos esperar otra cosa, si muchos de estos guardias provienen de los mismos barrios que los infractores que custodian, y al igual que ellos, crecieron influenciados por el mismo sistema corrupto donde un celular vale más que una vida.

Gli agenti del centro hanno agito in modo disumano? Non avremmo potuto aspettarci un comportamento diverso, dato che molti di loro provengono dagli stessi quartieri dei delinquenti di cui hanno la custodia e, analogamente, sono stati influenzati dallo stesso sistema corrotto in cui un cellulare vale più della vita umana.

Publio De Gracia (@PublioDeGracia) ricorda ai panamensi che anche quanti hanno perso la vita e subito ustioni erano esseri umani:

escucho que algunos aplauden lo del centro de custodio de menores, xq no importa eran “maleantes”, CARAJO! eran seres humanos x Dios

sento che qualcuno si rallegra per quanto è successo al centro di detenzione per minorenni perché tanto erano “malviventi”, MALEDIZIONE! Erano esseri umani, santo cielo…

Yadisel Buendia (@yadiselbuendia) si unisce all'invocazione di migliaia di panamensi che esigono condanne e carcere per quanti hanno preso parte a questa atrocità:

Nadie preso x crimen contra menores del C. Cumplimiento. Ya van 2 muertos! Reina la prepotencia e impunidad en mi país

Nessuno è stato arrestato per il crimine commesso ai danni dei reclusi del centro di detenzione minorile. Ci sono già 2 morti! Regna il sopruso e l'impunità nel mio paese.

Miguelangel Moreno (@mikemocast) ricorda che non rimane molto da fare, a parte riflettere, fermarsi e capire le cause di questa situazione sociale nel Paese:

Que clase de agentes de la seguridad publica tenemos en (no todos); el caso de los menores quemados y ejecutados es de analisis!

Che razza di agenti di pubblica sicurezza abbiamo (non tutti); il caso dei minori ustionati e assassinati merita un'analisi approfondita!

Non è ancora chiaro quale destino attenda gli agenti di custodia implicati in questa terribile vicenda. Per il momento i panamensi sperano che un caso simile non debba più ripetersi. [AGGIORNAMENTO: il bilancio dei ragazzi deceduti è intanto salito a quattro].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.