chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Bahrain: la polizia soffoca la rivolta

Il 14 febbraio, denominato il “giorno della collera” dai manifestanti ispiratisi alle rivolte popolari in Egitto e Tunisia, si sono svolte in Bahrain delle proteste definite “illegali” dal governo. Su Youtube sono stati condivisi numerosi video che mostrano come le manifestazioni siano state soffocate con la forza. È stato confermato un morto [a cui si è aggiunta una seconda vittima, ndr], oltre a molti feriti.

Il Bahrain è un piccolo arcipelago di approssimativamente 1,2 milioni di abitanti [en], che si trova vicino alla costa occidentale del Golfo Persico. Il Paese è governato da una monarchia costituzionale e non si contraddistingue per il rispetto dei diritti umani e per un'equa distribuzione della ricchezza.

smohd92 condivide questo video dal paese di Diraz, che mostra la polizia in assetto antisommossa caricare contro una manifestazione pacifica e aprire il fuoco man mano che la gente scappa.

A Daih si è verificata una scena simile. La polizia ha disperso una manifestazione lanciando bombolette di gas lacrimogeno da una breve distanza, mentre i manifestanti si danno alla fuga. Margadoosh ha diffuso questo video:

mudaif ha condiviso questo video di una protesta a Sanabis in cui si vedono i manifestanti, tra cui molte donne, in marcia per la strada. In seguito, un gruppo di manifestanti si nasconde tra due edifici mentre, da quelle che sembrano delle bombolette di gas lacrimogeno, esce del fumo. Infine, una persona mostra una ferita al labbro, presumibilmente dovuta agli scontri.

http://www.youtube.com/watch?v=inHDgMmBnYk

Un video della scorsa domenica sera a Karzakan mostra la polizia che si scontra con un gruppo di persone in mezzo al traffico, prima di aprire il fuoco con proiettili di gomma sopra le macchine e le persone, scatenando un coro di allarmi delle auto e di clacson e in seguito anche di urla. In Bahrain il video è stato censurato sul web. Chiunque cerchi di vederlo, troverà la pagina bloccata come riportato più sotto.

Schermata del video bloccato il 14 febbraio

Schermata del video bloccato il 14 febbraio

Questo video, di bh1net, mostra invece qualche secondo di un raduno a Maameer nell'isola di Sitra:

http://www.youtube.com/watch?v=cFSZ5npJ7-Y

Questo post è parte del nostro reportage delle Proteste in Bahrain 2011.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.