chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Bangladesh: ‘Chobi Mela’, sfidare l'egemonia occidentale nella fotografia

Il Chobi Mela [en,come tutti gli altri link eccetto ove segnalato] è un festival biennale internazionale di fotografia che si tiene in Bangladesh dal 2000. Organizzato da Drik Picture Library Ltd. e Pathshala (Istituto Sud-asiatico di fotografia) l'evento espone soprattutto opere di artisti del Bangladesh, accanto a quelle più interessanti dei fotografi dal resto del mondo.

Il fotografo dello Sri Lanka Chulie De Silva sintetizza la storia della Drik Picture Library e del Mela Chobi:

Shahidul Alam, fotoreporter ed attivista, direttore del Chobi Mela. Immagine da Flickr di fuzheado. Licenza Creative Commons BY-SA.

La Drik Picture Library è stata avviata nel 1989 come piccola impresa familiare, spinti dal bisogno di cambiare l'identità del Bangladesh come icona della povertà e allo stesso tempo sfidare l'egemonia occidentale nel campo della fotografia. “L'audacità di questa idea non era un problema. Sapevamo che le regole della fisica potevano essere piegate”, dice Shahidul Alam, amministratore delegato e fondatore, parlando della creazione di una biblioteca di foto di prima classe nell'hinterland della fotografia. Non che non fosse consapevole della sfida – ma Alam, un attivista critico e combattivo, voleva disperatamente un cambiamento – una svolta nel modo in cui la storia del Bangladesh era stata raccontata e controllata dai media occidentali, un cambiamento e delle opportunità per il suo popolo emarginato. Credeva fortemente che la storia dovesse essere raccontata dalla stessa gente del Bangladesh che ha compreso i problemi del Paese e sentito il dolore e la sofferenza del proprio popolo.

Come per molte delle imprese Drik, il primo Chobi Mela (Dic.1999-gennaio 2000) è stato istituito con un budget ridotto, ma è diventato il festival fotografico più demograficamente inclusivo del mondo. La Drik ha dato l'opportunità ai fotoreporter e agli artisti emergenti locali di condividere la piattaforma al fianco di figure come Salgado, Reza e Parr, che avevano tutti generosamente offerto il proprio lavoro. Le sessioni serali dei seminari erano chiassose e vivaci e sono diventate un punto di incontro per artisti nazionali ed internazionali.

Questo uno stralcio dalla definizione su Wikipedia del Chobi Mela:

Si ritiene che Chobi Mela abbia la partecipazione più variegata di qualsiasi altra mostra del genere al mondo. Mentre la maggior parte dei grandi festival sono situati in Occidente o sono organizzati da istituzioni europee, Chobi Mela è l'unico ad essere stato sviluppato e lanciato in Asia del Sud ed ha ormai acquisito rispettabilità attraverso la varietà e la qualità delle opere esposte.

Chobi Mela VI banner

Il 21 gennaio 2011 è stato inaugurato il festival Chobi Mela VI:  il programma include 29 esposizioni, mostre mobili in 10 veicoli risciò, 33 presentazioni digitali, tra cui due film. Gli eventi di apertura sono stati trasmessi in diretta sul web via video streaming.

Andrew Hussey ha scattato alcune foto della tradizionale marcia verso la cerimonia di apertura accompagnata da una banda musicale, cantando e ballando per strada. Qui c'e un video di Jeremiah Foo in cui vengono ripresi vari eventi della manifestazione. Shahidul Alam riassume in un post le menzioni dei vari media.

La fotografa e blogger Sabhanaz Rashid Diya parla dell'influenza degli studenti dell'Istituto Pathshala sull'evento Chobi Mela:

Quest'anno il festival presenta più studenti ed ex-studenti provenienti dal Pathshala rispetto agli anni precedenti, e questo è solo un riflesso dell'alta qualità del lavoro che viene prodotto presso l'istituto. La nuova generazione di fotografi è più dinamica e sperimentale, rompe gli approcci tradizionali e incapsula intimità e legame personale nelle proprie storie. [..]

Chobi Mela VI rappresenta un viaggio straordinario – non solo in termini di festival, le sue mostre e gli artisti in visita, ma anche per gli studenti dell'istituto e per l'arte della fotografia.

Sabhanaz ha anche intervistato il fotografo di fama internazionale Pedro Meyer e uno di nuova generazione, Sohrab Hura.

Chobi Mela VI alla Drik Library. Immagine da Flickr di Maruf Hossain. Licenza Creative Commons BY-SA.

Chris Riley condivide la sua esperienza come partecipante sottolineando l'impatto dei social media:

I media che definiscono il futuro della fotografia sono i media digitali di internet. E’ l'ibrido e la tensione tra il passato e il futuro dei media che creerà nuovi lavori e nuove forme di narrazione fotografica.

Le nuove tecnologie, come dimostra in modo appropriato la Drik, stanno cambiando il pubblico dall'essere isolato in una regione ad un'influenza di livello globale. Da Dhaka le storie devono essere diverse, devono provenire da una prospettiva diversa e in una forma diversa. Questa è la sfida del Chobi Mela: emergere nel mondo e cambiarlo. Il contesto per la creatività di per sè è una grande parte dell'energia creativa.

Un altro partecipante, Carlos Cazalis pubblica “una serie di immagini di urbanizzazione di massa che si stanno verificando a Dakha e le conseguenze” sul blog Mega Cities.

Infine, ulteriori informazioni sulla mostra sono reperibili sul  Chobi Mela Blog e su Shahidul News.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.