chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Perù: i matrimoni omosessuali entrano nell'agenda elettorale

Torta nuziale gay

Torta nuziale gay (Foto di Antonio Guerra su Flickr ripresa con licenza Creative Commons BY-NC-ND 2.0)

Quello dei matrimoni omosessuali è un tema da lungo tempo dibattuto dall'opinione pubblica. Di recente, però, è diventato oggetto di discussione anche durante i comizi elettorali dei candidati alla presidenza del Perù [es, come gli altri link dell'articolo, tranne ove diversamente segnalato]. La scintilla che ha incendiato il dibattito è stata la dichiarazione di un rappresentante della Chiesa Cattolica peruviana, che ha espresso la sua forte contrarietà al matrimonio di persone dello stesso sesso. Le reazioni eterogenee di attivisti, blogger, giornalisti e comuni cittadini non si sono fatte attendere. E ovviamente anche i candidati alle elezioni presidenziali di quest'anno ne hanno approfittato per chiarire le loro posizioni sull'argomento.

L'ex presidente Alejandro Toledo (candidato del partito Perú Posible [en]), attualmente in testa ai sondaggi elettorali, afferma che il suo programma contempla l'unione civile tra gli omosessuali e si prefigge di creare “una società inclusiva [dato che] il Perù non è uno Stato repressivo”. Manuel Rodríguez Cuadros, rappresentante del partito Fuerza Social, si dichiara a favore di una riforma delle leggi peruviane al fine di permettere i matrimoni tra persone dello stesso sesso, mentre gli altri candidati propendono per soluzioni legislative meno drastiche; la proposta di Luis Castañeda (candidato di Solidaridad Nacional) prevede la concessione del diritto alla successione mentre Pedro Pablo Kuczynski (di Alianza por el Gran Cambio) e Keiko Fujimori (di Fuerza 2011) sono a favore dell’introduzione delle unioni civili.

C'è accordo tra gli analisti politici dei vari media nell'affermare che l'argomento non viene strumentalizzato per far man bassa di voti, ma che l'intento dei candidati è quello di proiettare l'immagine di difensori dei diritti delle minoranze in un sistema democratico. I blogger locali (e gli utenti di Twitter), però, non hanno mancato di esternare le loro opinioni al riguardo.

Nel suo blog DaV, El Davo osserva che:

El debate entre los candidatos al sillón presidencial está girando en torno a tres puntos: Consumo de drogas, aborto y unión civil entre personas del mismo sexo.”

Sono tre i cardini attorno a cui ruota il dibattito tra i candidati alla poltrona presidenziale: consumo di droga, aborto e unione civile tra persone dello stesso sesso

Il blogger Peruanista considera che, tutto sommato, pur sfruttando l'argomento per fini elettorali

es importante que se discuta la igualdad de derechos civiles de los ciudadanos peruanos que son gays, lesbianas, bisexuales y transgénero (LGBT), a nivel público y de forma respetuosa.

è importante che l'uguaglianza dei diritti civili di gay, lesbiche, bisessuali e transgender (LGBT [it]) peruviani venga discussa pubblicamente e rispettosamente

Il blogger Diego Avendaño nel suo Desde la Clandestinidad, presenta un problema molto concreto che le coppie formate da persone dello stesso sesso devono affrontare in Perù:

El caso es que muchas veces las parejas homosexualesno son reconocidas ante el Estado cuando deben reclamar bienes heredados o para tomar decisiones sobre la salud de la pareja, como sí es posible con las parejas (heterosexuales) casadas…

Il fatto è che molto spesso le coppie omosessuali non godono di alcun riconoscimento da parte dello Stato nei casi in cui si trovano a rivendicare beni ereditati o a dover prendere decisioni sulla salute del proprio partner, come invece la legge permette di fare alle coppie (eterosessuali) sposate…

Nel blog Gay Como Tu, Tonnio passa in rassegna le differenze e le similitudini tra gli istituti legali del matrimonio civile e dell'unione civile libera (soluzione che viene proposta da molti candidati alla presidenza) e si ricollega ai progetti di legge che riguardano questa tematica e che attualmente sono oggetto di discussione, segnalando che

debemos recordar que de lo que se trata aquí es de obtener los mismos beneficios conyugales como el hecho de no querer (sic) desamparados ante la ley después de tantos años de convivencia o en caso de enfermedad, viudez, herencia, hijos y demás derechos que encierra la figura marital.

è necessario tener presente che il fulcro della questione è l'ottenimento degli stessi benefici coniugali [delle coppie eterosessuali] per evitare di ritrovarsi senza diritti davanti alla legge dopo tanti anni di convivenza o nel caso di malattia, vedovanza, successione, figli e altri benefici previsti dall'istituto matrimoniale.

Secondo la rete di attivisti Respeto X Respeto è auspicabile una revisione dell'istituto matrimoniale rispetto a com'è inteso ora nel Codice Civile peruviano:

El matrimonio no es otra cosa que un contrato entre dos partes… en la que las partes deben decidir por ellas mismas qué reglas cautelan mejor sus intereses… Así, se dejaría de exigir que se trate de la unión de “hombre y mujer”, pudiendo hacerse referencia a la unión de dos personas.

Il matrimonio non è altro che un contratto tra due parti… nel quale spetta alle parti stesse decidere quali norme tutelano i loro interessi nel modo migliore… In questo modo la clausola che prevede l'unione di “un uomo e una donna” non sarebbe più condizione indispensabile per la sua esistenza, potendo fare riferimento all'unione tra due persone.

Alvaro Felipe mette in guardia riguardo alla strumentalizzazione politica e l'uso opportunistico del tema e nel suo blog personale invita a mantenere il dibattito entro certi limiti

si tú te arañas hablando de tolerancia con los homosexuales, o eres un candidato improvisado más que usa ese tema en campaña, recuerda que la tolerancia que pregonas deberías aplicarla con quienes no están de acuerdo contigo. Sino eres un hipócrita más que está seguro que todos le creen.

se tiri in ballo la questione della tolleranza nei confronti degli omosessuali – o sei solo un altro candidato che sfrutta l'argomento per la sua campagna elettorale – ricorda che tale tolleranza, che tanto vai predicando, andrebbe applicata a tutti quelli che non condividono la tua opinione. Altrimenti sei solo l'ennesimo ipocrita convinto che tutti gli credano
Giorno dell'Orgoglio Gay in Perù LGBT

Perù: drag queen sfilano nel Giorno dell'Orgoglio Gay indossando abiti dell'epoca del Vicereame. (Foto: MANNOVER su Flickr, ripresa con licenza Creative Commons BY-NC-ND 2.0)

Il dibattito si è esteso anche a Twitter dove i toni sono stati più duri e caustici.

@Pornosgay afferma:

campaña electoral hacia la presidencia de Perú ha encontrado en la legalización del matrimonio homosexual un gran tema de debate

La campagna elettorale per la presidenza del Perù ha trovato nella legalizzazione del matrimonio omosessuale un importante argomento di dibattito

Il predecessore dell'attuale presidente Alan García [it], Alejandro Toledo [it] (@atoledomanrique), candidato del partito Perù Posible chiarisce:

No planteamos matrimonio gay. Proponemos la Unión Civil como un mecanismo legal de protección de derechos.

Non stiamo considerando il matrimonio gay. Proponiamo l'unione civile come soluzione legislativa per salvaguardare dei diritti.

Gio Infante (@gioinfante) ritiene che:

La agenda del matrimonio y la unión civil es frívola, ¿sabían que en Perú cada 5 días muere asesinada una lesbiana, travesti o gay?

Quelle del matrimonio e dell'unione civile sono proposte futili. Sapevate che in Perù ogni 5 giorni viene assassinata una lesbica un travestito o gay?

Mapi Aguirre (@estroginoxxx) fa il punto della situazione:

Toledo quiere legalizar drogas luego Bruce union civil gay Castañeda quiere hacer de Peru un MEGAPUENTE Y Keiko sacar al padre

Toledo vuole legalizzare le droghe, Bruce l'unione civile gay, Castañeda vaneggia di grandi opere per il Perù e Keiko vuol far scarcerare suo padre

Agustin Haya (@agustinhaya) informa che da una prospettiva costituzionale:

La Constitución del Perú desde 1979 no precisa género en el matrimonio. Las uniones civiles homosexuales o lesbianas están protegidas

A partire dal 1979, la Costituzione del Perù non specifica il genere nei matrimoni. Le unioni civili omosessuali o lesbiche sono protette.

Vilma Granados (@vilmavgc) obietta:

@ tantas cosas de las q tratar y todos los candidatos solo hablan del matrimonio gay

Elezioni (@): ci sarebbero tante cose di cui occuparsi e tutti i candidati parlano solo del matrimonio gay

Armando Solís (@Belloperuviano) rilancia su Twitter un messaggio della pagina di Facebook Yo apoyo el matrimonio gay en Perú/ I support gay marriage for Peru (Sostengo il matrimonio gay in Perù). Il messaggio completo recita:

…Es tiempo de que en nuestro país, se apruebe la Peru: Union Civil Gay, puesto que la comunidad gay peruana, por el momento no tiene ninguna clase de derecho, a pesar que la Unión Civil, no es del todo igualitaria, sería un primer gran paso para el Yo estoy a favor de la legalización del Matrimonio Gay, en nuestro país.

… è tempo che nel nostro paese venga approvata l'unione civile gay visto che la comunità gay peruviana al momento non gode di alcun diritto. Benché l'unione civile non preveda gli stessi benefici del matrimonio, questo sarebbe il primo grande passo verso la legalizzazione del matrimonio gay nel nostro paese.

Con le iniziali FS Cristhian Rojas (@ChristhianRS) si riferisce al partito Fuerza Social e dice:

haha FS cree que vive en un país moderno, liberal… casi europeo para proponer “matrimonio gay”. Demasiado lejos para ser el Perú.

haha FS crede di vivere in un paese moderno, liberale… quasi europeo così propone il “matrimonio gay”. Troppo lungimirante per il Perù

Agustin Gamarra (@A_Gamarra) dichiara:

@ NO AL MATRIMONIO GAY EN PERÚ, que se vayan a casar a Argentina pero q no se corrompa la sociedad

@ NO AL MATRIMONIO GAY IN PERÙ, che vadano a sposarsi in Argentina però che non si corrompa la nostra società

Ale Ramirez (@alesuszero) risponde al comunicato della Chiesa cattolica:

Los gays iran al cielo, el obispo no RT @larepublica_pe: Obispos del Perú emiten comunicado en el que rechazan el matrimonio homosexual

I gay andranno in Paradiso, il vescovo no RT @larepublica_pe: Vescovi del Perù emettono comunicato in cui si oppongono al matrimonio omosessuale.

Anche Diego (@Mapache9999) reagisce alla presa di posizione dei vescovi:

A ver, que rechacen iglesias que protegen pedofilos RT @: obispos rechazan aborto y matrimonio gay

Vediamo un po’, quella che si oppone [ai matrimoni gay] è la stessa chiesa che protegge i pedofili RT @: vescovi rifiutano l'aborto e il matrimonio gay

Con l'approssimarsi della data delle elezioni (10 aprile), il tema sarà sicuramente oggetto di ulteriore strumentalizzazione politica, nonostante gli avvertimenti di attivisti, analisti e altri rappresentanti della società civile. Sarà necessario seguire il dibattito e le sue ripercussioni per capire se, alla fine sarà possibile una negoziazione tra chi sostiene e chi si oppone al riconoscimento di diritti legali ai cittadini LGBT, che è proprio l'obiettivo dei sostenitori del movimento.

http://twitter.com/#!/atoledomanrique/status/31065294185168896

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.