chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Cile: a quando i libri di testo elettronici?

“Perché in Cile non si adottano testi scolastici digitali?” si chiede Enzo Abbagliati, nel blog Cadaunadas [es], a pochi giorni dalla riapertura delle scuole dopo la pausa estiva. La riflessione è stata ispirata dal fatto di aver speso quasi 300 dollari americani per i libri di testo del figlio, che, scrive l'autore, “alla fine dell'anno scolastico saranno già obsoleti […]” per una serie di motivi che provvede a elencare. La questione del costo e della rapida perdita di valore dei testi scolastici è oggetto di dibattito da decenni. Al giorno d'oggi, però, “sa tanto di truffa”, afferma l'autore, se si pensa che esistono in commercio lettori digitali per e-book, il cui costo è pari alla cifra che lui ha pagato per i libri cartacei, ma con il vantaggio di essere ben più longevi. Perché allora non dotare gli studenti cileni di libri elettronici, che consentirebbero notevoli risparmi per lo Stato e per le famiglie? Quello economico non è il solo vantaggio che, secondo Abbagliati, deriverebbe dalla digitalizzazione dei testi scolastici. Nonostante ciò, conclude: “[…] c'è una forte resistenza al cambiamento da parte di soggetti pubblici e privati, che non sostengono questa forma di modernizzazione, anche se porterebbe una serie di innegabili benefici per il Paese”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.