chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Libia: Dove è finita Eman Al Obeidy?

“Dov'è Eman Al Obeidy?” è ormai una domanda assillante dopo l'irruzione di una donna libica in un hotel di Tripoli affollato da giornalisti stranieri. La donna, sconvolta, ha spiegato ai reporter che a provocarle le cicatrici e i lividi su viso e corpo erano stati 15 membri delle milizie di Gheddafi, gli stessi che l'avevano fermata presso un checkpoint, detenuta per due giorni e violentata.

La stampa ha raccolto [en, come tutti i link di questo post] gli scioccanti dettagli della vicenda e le richieste di aiuto di Al Obeidy – rilanciate anche su Twitter – mentre il mondo intero aspetta di sapere dove si trovi la donna, dopo che la Sicurezza l'ha trascinata fuori dall'hotel e spinta in un'auto per una destinazione sconosciuta.

Il Telegraph ha pubblicato un video, mentre su Twitter il corrispondente della CNN Nic Robertson ha reso noti i particolari di quanto avvenuto la mattina del 26 marzo.

L'utente Twitter @fynali ha raccolto i tweet di Robertson:

– qui sotto, 8 tweet di Nic [i tweet si riferiscono al 26 marzo]–

NicRobertsonCNN Nic Robertson
Alcuni giornalisti hanno cercato di proteggerla, reclamando che gli fosse detto dove la portavano, ma i funzionari se ne sono andati a bordo di una macchina bianca, con lei dentro.
6 minuti fa

NicRobertsonCNN Nic Robertson
Precisazione riguardo al tweet precedente: l'hanno condotta nel giardino sul retro, aveva un sacco/indumento calato sulla testa. Poi sono usciti dalla porta anteriore dell'albergo, e lei era a capo scoperto.
8 minuti fa

NicRobertsonCNN Nic Robertson
I funzionari governativi hanno detto che era “mentalmente disturbata” e che l'accompagnavano  “all'ospedale”. Lei è riuscita a gridare che la stavano portando in prigione.
23 minuti fa

NicRobertsonCNN Nic Robertson
I funzionari governativi hanno coperto la testa della donna con un sacco/vestito, e mentre lei scalciava e gridava l'hanno spinta fuori dall'hotel, poi in un furgoncino.
24 minuti fa

NicRobertsonCNN Nic Robertson
Hanno preso una telecamera della CNN e l'hanno fatta a pezzi. I filmati sono stati sequestrati, alcuni giornalisti picchiati in una spudorata dimostrazione di delinquenza da regime.
26 minuti fa

NicRobertsonCNN Nic Robertson
Una cameriera l'ha minacciata con un coltello, chiamandola “traditrice”. I funzionari governativi hanno iniziato a picchiare i giornalisti che cercavano di intervistarla.
29 minuti fa

NicRobertsonCNN Nic Robertson
Un cameraman della CNN che ha assistito alla scena ha affermato che la donna ha mostrato ai giornalisti lividi, graffi sulle cosce, segni di corde ai polsi e alle caviglie.
37 minuti fa

NicRobertsonCNN Nic Robertson
Aveva appena iniziato a raccontare la sua storia, quando i funzionari governativi e i dipendenti dell'hotel sono arrivati e l'hanno messa a tacere.
41 minuti fa

NicRobertsonCNN Nic Robertson
Una donna oggi è entrata nel ristorante dell'hotel dove alloggiano i giornalisti sostenendo di essere stata arrestata a un checkpoint e trattenuta per due giorni, legata e violentata.
42 minuti fa

Il resoconto di Roberson prosegue: telecamera della CNN distrutta e filmati sequestrati, mentre alla richiesta dei giornalisti di vedere Eman, i funzionari hanno risposto di non sapere chi l'avesse presa. Un funzionario libico ha aggiunto che avrebbero indagato sull'accaduto e informato la stampa delle condizioni della donna.

Di seguito, altre reazioni via Twitter:

@SultanAlQassemi: In un hotel di Tripoli, davanti alle telecamere, gli scagnozzi di Gheddafi hanno portato via una donna che chiedeva aiuto http://bit.ly/igK9hs Video via @NicRobertsonCNN #Libya

@FromJoanne: L'unico giornalista che è riuscito a parlare a lungo con la donna libica (detenuta per due giorni e violentata da 15 uomini) è Michael Georgy della Reuters http://t.co/fjpA77F

@Hindhassan: Articolo del NYT: Il reporter del FT Charles Clover è stato portato al confine dopo aver cercato di difendere #Eman Al Obeidi ed essere stato accusato di diffondere notizie errate http://nyti.ms/eMdoxl

@RuwaydaMustafah: Facciamo diventare #WhereisEmanAlObeidy Top Tweet @mouita @monaeltahawy @Sarahngb @3arabawy @JustAmira @SultanAlQassemi

@UnitedLibya: Mi chiedo se ci sia un legame tra Eman Al Obeidi e Abdulfatteh Younis Al Obeidi, l'ex numero due di Gheddafi ora all'opposizione.

@SamSeyffert: @hrw Human Rights Watch ha già presentato una richiesta ufficiale al regime di Gheddafi per il rilascio di Eman Al Obaidi?

@Libyafidammi: @hrw @amnesty Per favore aiutateci a non far morire Eman #AlObaidi, mantenete il suo nome nella vostra watch list, altrimenti il regime di Gheddafi la giustizierà #Libya

@niiRjaraA: Dove sono gli intellettuali arabi, dove sono i [leader sociali], dov'è l'uomo comune – Si sono presi la dignità di Eman, fatevi avanti e chiedete il suo immediato rilascio #Libya

@thisisfifi: Vergogna per tutti quelli che sono rimasti a guardare in silenzio mentre #Eman ElObaidi chiedeva di essere aiutata e ascoltata… Grazie a Dio in Libia ci sono i giornalisti occidentali.

Questo post fa parte dello speciale di GVO sulle rivolte in Libia, in inglese e in italiano.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.