chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Georgia: giornalisti licenziati per commenti omofobi sul profilo Facebook

Il 18 marzo 2011, la TV pubblica georgiana ha licenziato due giornalisti, Giorgi Tukhareli e Giorgi Gabrichidze, a causa dei commenti offensivi inseriti su Facebook contro gli omosessuali, il Vaticano e la Chiesa Cattolica. I giornalisti hanno scritto sul “muro” della pagina I don't like my Patriarch (Il Patriarca non mi piace) [ge, come tutti i link eccetto ove diversamente segnalato] e, sebbene siano stati prontamente cancellati, qualcuno è riuscito a fotografarne la schermata e ripubblicarla su Internet.

Schermata dei commenti su Facebook dei giornalisti licenziati

Secondo quanto annunciato, Gabrichidze and Tukhareli si sarebbero dimessi e Vakho Sanaia, conduttore del programma per cui lavoravano, li ha incontrati personalmente e ha affermato che sarebbe inconcepibile tornare a lavorare con loro in futuro. “Quanto hanno scritto è incompatibile con i nostri valori e il nostro modo di lavorare,” ha dichiarato Vakho Sanaia a Media.ge. “I giornalisti hanno dato le dimissioni: esattamente quello che speravo.” Sanaia ha aggiunto che non avrebbe mai iniziato a lavorare con loro se avesse saputo della loro omofobia.

“Sono scioccato. Non potevo crederci, fino a quando non l'ho visto coi miei occhi. Gabrichidze e Tukhareli erano due dei giornalisti migliori e lo hanno dimostrato in molte occasioni, rischiando la vita per occuparsi degli ultimi avvenimenti in Egitto. Ciò nonostante, la reputazione del programma è stata intaccata. Condanniamo questo tipo di interventi da parte dei giornalisti, anche se scrivono sul muro del loro profilo Facebook,” ha spiegato su onlinenews.ge Rusudan Vashakidze, produttore del programma.

Secondo quanto si legge su Netgazeti.ge, Vashakidze ha parlato al telefono con Gabrichidze e successivamente ha negato che il suo profilo fosse stato hackerato, mentre i responsabili del programma hanno chiarito che i giornalisti devono capire che, essendo Facebook uno spazio pubblico, tutto ciò che scrivono avrà effetti negativi su di loro. Gabrichidze e Tukhareli hanno violato il codice etico della TV pubblica e per questo sono stati costretti alle dimissioni.

Oggi Facebook conta 516.300 utenti nel Paese, affermandosi come il social network preferito dell'intera regione, e molti concordano con Vashakidze quando sostiene che Facebook è effettivamente uno spazio pubblico e che quanto fatto Gabrichidze e Tukhareli è sbagliato. Il programma “Reportage”, di Vakho Sanaia, è un riassunto settimanale di eventi e temi d'attualità dentro e fuori la Georgia. Gabrichidze vi era entrato un anno fa, mentre Tukhareli era stato assunto a settembre.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.