chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Pakistan: reazioni online all'uccisione di Osama Bin Laden

Verso le 22 del primo maggio, a Washington è stato annunciato [en, come gli altri link eccetto ove diversamente indicato] che il Presidente Obama avrebbe tenuto una conferenza stampa su una questione assai importante. Mentre il mondo era in attesa della comparsa di Obama, hanno preso a circolare migliaia di tweet che cercavano di indovinare ciò di cui avrebbe parlato. Pochi minuti dopo, Keith Urbahn, ex capo dello staff di Donald Rumsfeld, scriveva su Twitter che Osama Bin Laden era stato ucciso, e la storia è rimbalzata su tutti i media. In breve, la twittersfera è stata invasa da messaggi da tutto il mondo.

Intanto sempre su Twitter, un utente di Abbottabad, @ReallyVirtual ha raccontato in diretta [it] alcuni momenti del raid.

@Reallyvirtual: Un elicottero vola sopra Abbottabad all'una di notte (evento raro)

.

Immagine per gentile concessione di Google Maps

Durante un’operazione dell'intelligence USA, questa mattina Osama Bin Laden è stato ucciso nella città di Abbotabad, a 80 km dalla capitale Islamabad. Secondo una dichiarazione rilasciata dall’Ufficio degli Affari Esteri pakistano:

Quest'perazione è stata condotta dalle forze statunitensi in conformità alla loro politica per cui Osama Bin Laden sarebbe stato eliminato durante una loro azione diretta, ovunque si trovasse nel mondo.

Secondo quanto riportato, Osama è stato ucciso con uno sparo in testa mentre elicotteri militari statunitensi giravano sul suo nascondiglio ad Abottabad. Le prime reazioni su Twitter da parte dei pakistani hanno iniziato a comparire mentre il raid era ancora in corso.

Alcuni notiziari hanno cominciato a riportare che un elicottero si era schiantato vicino all'accademia militare di Kakol, in quello che viene definito un terreno vuoto. Un utente di Twitter esclama:

@Mosharrafzaid: un elicottero si schianta nei pressi dell'Accademia Militare Pakistana. Cosa ci faceva un elicottero a bassa quota ad Abottabad Cantt intorno all'una e trenta?

@Reallyvirtual: Ecco il luogo dello schianto ad Abbottabad secondo alcuni >>> http://on.fb.me/khjf34

Appena si è sparsa la notizia, i notiziari hanno iniziato a trasmettere rapporti e analisi sulla morte di Bin Laden e sulle relative implicazioni.

@kursed: Secondo i funzionari pakistani, Shuja Pasha ha visitati gli Stati Uniti l'11 aprile per finalizzare i dettagli del raid contro #OBL.

@kursed: Di nuovo, secondo fonti pakistane, gli elicotteri provenivano da Ghazi AB (Tarbela). In totale 6 elicotteri.

@Mahamali05: woah. Il giornalista Javed Ch ha appena utilizzato la parola ‘Shaheed’ per Laden. ma stiamo scherzando?

@sharmeenochinoy: i canali di notiziari del #pakistan dovrebbero essere interrotti se davvero pensano che #OsamaBinLaden è un martire, è un terrorista, chiamate le cose col proprio nome

@akchisti: chiunque chiami #OBL un martire deve essere condannato secondo l'articolo 6, ossia di “alto tradimento” in #Pakistan

Fino ad ora non vi è stata alcuna dichiarazione ufficiale da parte dell'ISPR (Inter Services Public Relations del Pakistan) o del governo riguardo i dettagli dell'operazione. Il Presidente Obama invece si è affrettato a rispondere e aveva già dichiarato che l'operazione militare statunitense ha avuto successo nel raggiungere gli obiettivi prestabiliti. La morte o la cattura di Osama Bin Laden rientravano tra le priorità del governo degli Stati Uniti.

@Kursed: Non riesco a capire perché né l'ISPR nè il governo del Pakistan abbiano ancora rilasciato un commento su quanto accaduto. Questa è idiozia.

@Zalmay Zia: l'ISPR ha ordinato a tutti i partiti, i media,e analisti di non commentare l'arresto di #obl fino al briefing dell'ISPR.

@Mustafa_Qadri: le forze del Pakistan si mantengono relativamente silenziose sul loro ruolo centrale nell'assassinio di Osama per paura di una rappresaglia

Ahsan Butt su Five Rupees ha condiviso i suoi pensieri a caldo sulla morte di Bin Laden, rispondendo ad alcune domande fondamentali e riflettendo sulle possibili ripercussioni.

“Per i pakistani, probabilmente questo può significare più attentati suicidi. Ogni volta che c'è un cosiddetto “successo” in questa guerra, dal “liberare” Lal Masjid all'uccidere Baitullah Mehsud, vi è un aumento della violenza, e nel frattempo i gruppi militanti cercano di ricordare a tutti che sono ancora in giro e non se ne vanno da nessuna parte. Non ho motivo per pensare che questo atteggiamento cambierà.”

@sharmeenochinoy: sono appena stato al telefono con il mio contatto alla #madrassa, secondo il quale si sta organizzando un grande lutto, il #Pakistan pagherà un prezzo troppo alto per questo.

Kalsoom su CHUP (Changing Up Pakistan) si pone queste domande:

Era situato vicino ad una accademia militare pakistana, cosa che fa sorgere una domanda, Bin Laden si stava nascondendo in quest'area perchè era un vantaggio per l'ISI (Inter-Services Intelligence, servizi Intelligence del Pakistan)? Oppure l'esercito pakistano sapeva che lui si trovava lì e stava aiutando le forze Usa a monitorare la sua presenza? Il Pakistan sapeva che gli Stati Uniti sapevano che loro ne erano a conoscenza? Le domande sono infinite, così come le speculazioni.

La morte di Bin Laden è considerata una grande vittoria nella guerra contro il terrorismo, ma le implicazioni e la possibile reazione violenta in Pakistan destano preoccupazione. Alcuni analisti in Pakistan sono arrivati ad affermare che gli Stati Uniti dovrebbero ora concludere la loro guerra contro il terrorismo. Il fatto è che Al-Qaeda non è mai stato un esercito di un solo uomo, ma molte fazioni di questo gruppo militante sono state formate nel corso del tempo e sono tutt'ora operative, per cui affermare che ora la guerra al terrorismo è finita rivela mancanza di lungimiranza.

Come sottolinea giustamente Ahsan & Chinoy, sempre più pakistani dovranno sopportare le conseguenze di questo fatto quando i gruppi militanti reagiranno alla notizia. Ci sono troppi interrogativi che hanno bisogno di una risposta. Dai dettagli dell'operazione al futuro della guerra al terrorismo, ma una cosa è certa, i timori per le ripercussioni a seguito della morte di Bin Laden sono una realtà per la gente, non solo ad Abbotabad, ma in tutto il Pakistan.

@Mehreenkasana: questo cambia qualcosa? Per l'Afghanistan, per il Pakistan? Ciò potrà fermare lo spargimento di sangue senza precedenti causato dagli attacchi dei droni? No, no e no.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.