chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Argentina: acceso dibattito online per l'intervento TV di una nota intellettuale dell'opposizione

Il 24 maggio scorso, la famosa intellettuale e critica letteraria Beatriz Sarlo [en] è stata ospite del popolare programma televisivo 678 [es, come per tutti gli altri link eccetto ove diversamente indicato] provocando una valanga di reazioni su Twitter e su diversi blog dato che si trattava della prima volta in cui il programma, noto per le sue posizioni filo governative, invitava a intervenire un personaggio dell'opposizione.

Beatriz Sarlo, che ha recentemente pubblicato una biografia critica del precedente presidente argentino Nestor Kirchner, uscita con il titolo La Audacia y el Calculo (L'audacia e il calcolo), svolge un ruolo importante in Argentina come intellettuale e voce dell’ opposizione all'attuale presidente Cristina Fernandez de Kirchner. La Sarlo è stata membro del Partido comunista revolucionario e una delle fondatrici della rivista dissidente Punto de Vista [en] durante la dittatura militare (1973-1983), è conosciuta anche per il suo lavoro accademico, in particolare per le sue opere su Borges.

#Sarloen678 è diventato immediatamente un hashtag incandescente su Twitter, con circa dieci tweet al secondo proprio mentre la discussione raggiungeva il suo culmine. Molti di questi esprimevano apprezzamento per la performance della Sarlo durante il programma, durante il quale si è trovata a discutere con giornalisti, ospiti fissi del programma, e due invitati: il filosofo Ricardo Foster e il presidente della Autoridad Federal de Servicios de Comunicación Audiovisual (AFSCA), Gabriel Mariotto.

Julieta Castagna (@Julietacastagna) elogia il coraggio di Beatriz Sarlo, che ha accettato di apparire in un programma in cui tutti gli altri ospiti la pensavano diversamente da lei.

Sarlo no solo sorprendió a los televidentes y hasta a los mismos panelistas, sino que asombró el mismo 678 por aventurarse a un democrático debate mano a mano con alguien que piensa distinto. ¿Se repetirá?

Sarlo ha sorpreso sia gli spettatori che gli ospiti fissi del programma e ha fatto rimanere di sasso lo stesso 678 lanciandosi in un dibattito democratico faccia a faccia con chi non la pensava come lei. Succederà di nuovo?

dani (@avila32) la pensa allo stesso modo:

#SARLOEN678 Beatríz Sarlo los conquistó. En el sentido de los antiguos guerreros. los fagocitó. Se convirtió en la estructura del programa

#SARLOEN678 Beatríz Sarlo li ha conquistati. Nel senso antico del termine. Li ha travolti. Si è trasformata nel caposaldo del programma.

Gastón Maranesi invece (@gastonmaranesi) la pensa diversamente:

ah antes de olvidarme la participación de #BeatrizSarlo en #678 lejos de lograr en mi un desencanto con el kirchnerismo me convenció más.

ah, prima che mi dimentichi, la partecipazione di #BeatrizSarlo a #678, invece di far traballare la mia fede nel kirchnerismo [it], mi ha convinto ancora di più.

Secondo Luciano Mancebo (@LucianoMancebo), è facile per la Sarlo criticare senza mettersi in politica:

@beatrizsarlo … Lo de ponerle freno a 678 es un buen comienzo, pero gobernar en este país no es sencillo.

@beatrizsarlo … è un buon inizio mettere un freno a 678, ma non è facile governare in questo Paese.

In vista dell'enorme polemica destata dal programma, molti utenti di Twitter hanno informato i loro lettori degli ultimi sviluppi. Invece altri, tra cui Fabian Martin (@fabianmartinAR), mettono in ridicolo il polverone:

Descubrimos, horrorizados, que Beatriz Sarlo tiene ego, es de la oposición, y acaso tenga uno que otro esqueleto en su placard! #sarloen678

Scopriamo, in preda all'orrore, che Beatriz Sarlo ha un ego, quello dell'opposizione, e chi sa quali altri scheletri nasconde nell'armadio! #sarloen678

Nella blogosfera, le reazioni non sono state meno vivaci. Su La Cosa y la Causa, Eva Row ha criticato duramente l'intervento di Beatriz Sarlo, che lei definisce un mero gioco di retorica:

Beatriz Sarlo no vino a 678 a debatir honestamente, vino a mostrar sus artes de esgrima en el debate… No, Beatriz Sarlo no vino a debatir. Vino a mostrar cómo ella puede eludir el debate. Y vaya si lo demostró. Salió indemne como alguien que muestra que es capaz de caminar sobre el fuego sin quemarse los pies. Y no cualquiera se puede arriesgar a hacerlo. Para eso hay que ser un as.

Beatriz Sarlo non è andata a 678 per discutere in modo onesto ma per mettere in mostra le sue competenze come farebbe un giocatore di scherma in un incontro… No, Beatriz Sarlo non è andata per discutere. È andata per mostrare come sarebbe riuscita a evitare il dibattito. Non c'è dubbio, c'è riuscita. Si è salvata come quelli che sanno camminare sul fuoco senza bruciarsi i piedi. E non tutti sono in grado di gettarsi in una tale impresa. Per poterlo fare bisogna essere un asso.

Da parte sua, Jocobino, sul blog Artepolítica, non concorda con le critiche della Sarlo:

¿Qué defiende Sarlo? Si ella aclarara qué defiende sería más responsable con sus críticas… y sería menos Sarlo. La vemos ahí, sola, aislada, con su super ego y soberbia como apoyo y fundamento, con su responsabilidad de ser una intelectual “en el borde de todo”. Sarlo no necesita de mitos como los de Kirchner y el Eternauta, ella sabe qué teoría puede deconstruirlos, ella sabe qué funcionamiento maligno y sospechoso subyace en esas construcciones políticas calculadas.

Cosa difende la Sarlo? Se chiarisse il suo punto di vista, si farebbe carico delle sue critiche… e sarebbe meno Sarlo. La possiamo vedere lì, sola, distante, con il suo enorme ego e la sua superbia, con la sua responsabilità di essere un'intellettuale “al di sopra di tutto”. La Sarlo non ha bisogno di miti come quello di Kirchner e dell’ Eternauta [it], conosce con quale teoria sia possibile sconfiggerli, conosce quale sia il funzionamento maligno e sospettoso che sta alla base di queste costruzioni politiche calcolate.

Su BlogBis, Jorge attacca quello che definisce un falso dibattito fra gli intellettuali di sinistra:

No entiendo mucho el entusiasmo provocado por la presencia de Beatriz Sarlo en 6,7,8. Para mí no se trató más que un debate entre “ellos”, los del mismo palo. Otro cantar hubiera sido tenerlo de invitado a José Benegas, Martín Krause o Carlos Rodriguez Braun. Ya sé que estoy delirando. Pero es lo que realmente habría sido interesante para mí. No un debate entre los izquierdosos de toda la vida. Nada nuevo se puede aprender de eso.

Non capisco l'entusiasmo che ha provocato la presenza di Beatriz Sarlo a 6,7,8. Mi sembra si tratti semplicemente di un dibattito tra di “loro”, quelli che stanno dalla stessa parte. Sarebbe stato diverso se avessero invitato gente come José Benegas, Martín Krause o Carlos Rodriguez Braun [intellettuali dell'opposizione]. So che deliro, ma un dibattito così mi avrebbe interessato di più. Non una discussione tra gente di sinistra al 100%. Non si impara nulla da un dibattito di questo tipo.

Sul loro blog Sin Quorum, i giornalisti del quotidiano La Nación sottolineano gli effetti più divertenti che ha sortito la polemica:

Las repercusiones por la participación de la ensayista e intelectual Beatriz Sarlo en el programa oficialista 678, de la Televisión Pública, llegaron a lugares insospechados. Ahora, en los celulares se podrá bajar un ringtone en el que se escucha  “Conmigo no, Barone”, una de las frases célebres del caliente cruce que se dio entre la escritora y los panelistas… Pero allí no quedó todo. Los videos y canciones se multiplican en la Web aún dos días después de la visita de Sarlo…

Le ripercussioni della partecipazione della saggista e intellettuale Beatriz Sarlo al programma filo governativo 678, sulla rete pubblica, ha dato risultati imprevedibili. Oggi si può scaricare la suoneria di “Conmigo no, Barone” [“Con me no, Barone” uno degli ospiti fissi del programma 678, Osvaldo Barone], una delle famose frasi dell'acceso scambio fra la scrittrice e i giornalisti… Ma non è ancora tutto. A ormai due giorni dalla visita della Sarlo la Rete è inondata di video e canzoni …

Riportano l'esempio del video “Conmigo no, Barone” caricato su Youtube da danielubisch, che ha mixato la frase della Sarlo con una canzone del cantante dominicano ‪Chichí Peralta‬:

 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.