chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Iran: solidarietà con i prigionieri in sciopero della fame

Sabato 25 giugno sono state organizzate [en, come tutti i link tranne ove diversamente segnalato] proteste in almeno 25 città di tutto il mondo, in solidarietà con i circa 18 prigionieri politici che sono in sciopero della fame in due carceri iraniane.

I prigionieri hanno cominciato lo sciopero della fame come protesta per la morte di due attivisti politici, Reza Hoda Saber e Haleh Sahabi e l’hanno terminato [fa] domenica 26.

La campagna di protesta verde ha lanciato su Facebook un appello alle proteste su scala mondiale:

Iran verde

La campagna di protesta verde annuncia l'avvio di un “Digiuno Politico” per un periodo di una settimana a partire da domenica 19 giugno, allo scopo di condannare gli assassinii di Haleh Sahabi e di Hoda Saber. Inoltre, il 25 giugno si svolgerà un'”Ondata Nera” di sit-in nelle principali città del mondo, in protesta contro questi esecrabili assassinii e contro le continue violazioni dei diritti umani da parte della Repubblica Islamica dell'Iran.

Le manifestazioni si sono svolte in almeno 25 città tra le quale Ankara (Turchia), Londra (Regno Unito) e Oslo (Norvegia).

Ankara

Il blog Nehzatsabz riporta che vari richiedenti asilo politico in Turchia hanno organizzato una manifestazione ad Ankara. Il blog ha pubblicato diverse fotografie della manifestazione.

ankara

Londra

Thavolesabz scrive che i contestatori hanno distribuito fiori bianchi tra la gente in ricordo di Hale Sahabi e Hoda Saber. Tutte le foto qui. I manifestanti portavano foto degli attivisti impegnati nello sciopero della fame.

Londra

Oslo

Mohammad Mostafai, un legale esperto in diritti umani che è fuggito dell'Iran, spiega nel video sotto riportato che le condizioni di salute degli scioperanti si è deteriorata:

Abbiamo sentito le loro voci e vogliamo che il mondo stia a sentire questo…Ogni ora sentiamo brutte notizie su torture e lunghe pene detentive per i prigioneri politici in Iran.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.