chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Video: celebrare il solstizio intorno al mondo

Lanterne, danze, fiori e falò sono stati alcuni degli elementi utilizzati in giro per il mondo durante le celebrazioni del Solstizio d'estate (nell'emisfero boreale) e d'inverno (in quello australe).

Attraverso un viaggio ai quattro angoli del pianeta, andiamo a scoprire i vari rituali attraverso i quali questa ricorrenza è stata festeggiata: il solstizio a Stonehenge, i falò della Festa di San Juan in Spagna, l'Inti Raymi in Perù, We Tripantu in Chile, il giorno di Ivan Kupala in Russia e la notte di San Giovanni in Polonia.

L'alba del solstizioa Stonehenge, Regno Unito.

Alba nel giorno del solstizio a Stonehenge, Regno Unito. Foto di Taro Taylor da Flicker ripresa con licenza Creative Commons BY

 

A Stonehenge in Inghilterra, la gente si è radunata intorno al circolo di pietre per dare il benvenuto al giorno più lungo dell'anno sotto una coltre di nubi; il sorgere del sole è stato salutato senza troppa convinzione visto che risultata davvero difficile determinare il momento in cui è apparso. a3HeadedMonkey, che ha condiviso questo video sul suo canale YouTube, ha ironicamente commentato: “Una bella estate inglese, in una delle sue migliori manifestazioni.”

 

 

A La Coruña in Spagna, falò, alcolici e sfilate hanno caratterizzato le celebrazioni della Festa dei falò di San Juan [es]. La tradizione vuole che adolescenti e bambini saltino sopra i falò un determinato numero di volte come auspicio di buona fortuna. Purtroppo le celebrazioni di quest'anno sono state funestate dalla morte di due persone [es], una delle quali è inciampata durante il tentativo di saltare su uno dei fuochi di maggiori dimensioni ed è deceduta in mezzo alle fiamme nonostante i tentativi di salvarlo, rivelatisi inutili, da parte di chi era presente.

 

http://youtu.be/pC4avU3W5bU

 

Davanti alla fortezza di Sacsayhuaman [it] a Cusco in Perù ogni anno viene riproposta la cerimonia tradizionale dell’Inti Raymi [it] che segnava l'inizio del nuovo anno per gli Inca. L'ultimo Inti Raymi celebrato dagli Inca si è svolto nel 1535; in seguito la chiesa cattolica e i Conquistatori spagnoli hanno bandito il rituale fino al 1944 quando, seguendo le descrizioni dello storico Inca Garcilaso de la Vega [it], si è deciso di ripristinarlo.

L'utente gzoraca sul suo canale YouTube ha condiviso molti video di danze ed eventi culturali che si svolgono a Cuzco, inclusi i seguenti due della cerimonia dell'Inti Raymi svoltasi quest'anno in cui si può osservare l'ingresso dell'Inca seguito dall’ingresso della sua consorte, la Coya [it]:

 

 

 

We Tripantu [es] è una celebrazione dei nativi Mapuche per celebrare l'inzio di un nuovo anno in concomitanza con il solstizio d'inverno. Nel seguente video si possono vedere le danze di alcuni studenti cileni durante la celebrazione di questa festività indigena:

 

 

Nella città di Maloyaroslavets in Russia viene celebrato il giorno di Ivan Kupala [it] e durante questa cerimonia sono le ragazze che portano fiori tra i capelli, i falò comunitari e le danze a mantenere viva la tradizione:

 

 

E per ultima, ma non per questo meno importante, citiamo una cerimonia che si è svolta in Polonia e che ha stabilito un record dato che per le celebrazioni della notte di San Giovanni sono state accese e poi liberate nella notte migliaia di lanterne di carta. I seguenti video (ripresi da Neatorama) raccontano, senza bisogno di utilizzare le parole, la magia della serata.

 

 

 

E voi avete celebrato il solstizio? Lasciate un commento per raccontarci come l'avete festeggiato!

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.