chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Libia: la liberazione di Tripoli

Lo scorso 20 agosto, l'operazione Mermaid Dawn per la liberazione di Tripoli è iniziata al grido di Allahu Akbar (Dio è grande!), lanciato da centinaia di moschee in tutta la città. Era esattamente il segnale che gli abitanti di Tripoli stavano aspettando, per rialzarsi compatti e all'unisono di fronte alla violenza della guerra. Da quella chiamata, gli eventi sono precipitati con una velocità travolgente.

I media internazionali hanno seguito e documentato con attenzione quei momenti epici, specialmente dopo l'arrivo dei ribelli a Tripoli il 21 agosto.

Il popolo libico combatte per liberare Tripoli. Foto dei patrioti di Misurata, copyright Demotix (23/04/11).

Il popolo libico combatte per liberare Tripoli. Foto dei patrioti di Misurata, copyright Demotix (23/04/11).

Per un blogger come me, il momento più sorprendente nella battaglia di Tripoli è stato vedere la sequenza di messaggi apparsi su Twitter la sera del 21 agosto, a partireda quello di A.Adam (Flyingbirdies) dalla capitale libica. Da notare che il suo blog, Flying Birds, ora è purtroppo scomparso, mentre rimane online il suo profilo.

Vedere quel messaggio significava che a Tripoli era tornata la connessione a Internet, proprio come annunciava Al Jazeera nelle ultime notizie.

I primi tweet di A.Adam's da Tripoli

I primi tweet di A.Adam da Tripoli

Allo stesso modo, quel messaggio annunciava che gli abitanti di Tripoli, dopo tanti mesi di assenza dal web, potevano di nuovo collegarsi con il resto del mondo, dando così voce emozioni, riflessioni e opinioni personali. Questo era ciò che il mondo si aspettava: tornare ad avere notizie dai cittadini di Tripoli.

Incredibilmente, subito dopo la pubblicazione di quel primo messaggio, i blogger sono usciti allo scoperto. Dopo un lungo silenzio, Highlander [en, come gli altri link eccetto ove diversamente indicato] scrive:

Assolutamente confuso e contento che quest'incubo sia finito, ma triste per tutto il sangue versato in Libia e nella mia famiglia.

Il blogger Ema si limita a dire che:

Non ci sono parole sufficienti, nessuna parola può descrivere quello che proviamo. LIBERTA’.

Khadijateri appare incredulo:

Sono stati sei mesi lunghi e difficili, ma sono sopravvissuto. Internet è tornato e la mia casella di posta è sommersa da più di 2.000 email.

Un altro blogger, Pudding, sul blog Kilmanibbbi rilancia [ar]:

و أخيراً ثوار طرابلس فتحولنا النت، نقدر ندون مرة أخرى … و بعد تهنئة الجميع على تحرير ليبيا، حاب نعلق على ادراجي اللي فات
Adesso finalmente i ribelli/rivoluzionari di Tripoli ci hanno riportato internet e posso ricominciare a scrivere. Vorrei congratularmi con tutti per la liberazione della Libia e commentare su un mio post precedente .

Pudding si riferisce a quanto aveva scritto prima della caduta di Tripoli [ar], citando un verso del Corano — qualcuno aveva pensato che stesse esprimendo contrarietà all'intervento straniero in Libia.

Ascoltando le opinioni dei libici sui piani della Nato in Libia, è molto probabile incontrare questo tipo di discussioni.

Ed è così bello vedere i libici poter parlare liberamente.

Per finire, concludiamo questo rapido tour tra i blog libici con le parole di Libyan Violet:

Non è ancora finita, alcune parti del nostro grandioso paese (e l'aggettivo qui è assolutamente adatto) hanno ancora bisogno di aiuto per essere liberate: là dove la sicurezza deve ancora essere instaurata, dove i martiri devono ancora essere sepolti, i prigionieri rilasciati, le ferite curate e i bambini rassicurati! Tuttavia, spero che la parte pià dura della battaglia sia finita.

La varietà delle emozioni è incredibile, e ci auguriamo che i cittadini libici continuino a parlarne sul web.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.