chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Saudi Arabia: proteste online per la proposta di nuove norme anti-terrorismo

Nel mese di luglio Amnesty International ha pubblicato una copia riservata della bozza della nuova normativa anti-terrorismo saudita. L'organizzazione britannica la definisce [en, come tutti gli altri link eccetto ove diversamenrte indicato] “una legge che potrebbe permettere alle autorità governative di incriminare per terrorismo i dissidenti pacifici, infliggendo loro durissime pene”, senza contare che consentirebbe di infliggere un minimo di dieci anni di prigione a chiunque metta in dubbio l'integrità morale del re saudita o del principe ereditario.

Aggiornamenti: il 25 luglio il sito di Amnesty International risultava inaccessibile in Arabia Saudita. Amnesty (@amnesty) ha così diffuso la notizia servendosi di Twitter. Molti utenti hanno commentato utilizzando l'hashtag #SaudiTerrorLaw:

@amnesty: documenti segreti [ar] rivelano l'esistenza di una proposta di legge anti-terrorismo in #Arabia Saudita, che potrebbe soffocare la voce dei dissidenti pacifici.

Twitter avatar saying "I'm patriotic, therefore I'm a terrorist", as posted by Lujayn Alyamani

"Sono un patriota, quindi sono un terrorista" (avatar su Twitter), dal post di Lujayn Alyamani

Il blogger Ahmed Al-Omran (@ahmed), autore di numerosi tweet sulla nuova proposta di legge, nota:

@ahmed: vedo che molti utenti Twitter definiscono la proposta di legge anti-terrorismo una “legge di emergenza”. Secondo @alfarhan stanno cercando di imitare la Corea del Nord.

Anche il blogger al-Farhan (@alfarhan), appena menzionato, ha espresso la propria opinione in merito alla proposta di legge anti-terrorismo servendosi di Twitter. In un suo tweet al-Fahran fa riferimento al celebre romanzo di George Orwell, “1984”, affermando:

@alfarhan: il 2011 è il nostro 1984 #Saudi #SaudiTerrorLaw

L'avvocato Fahad AlMalki (@falmalki) chiarisce il nocciolo della questione con un tono amaramente sarcastico:

@falmalki: domanda: dai una definizione di: sono stufo marcio. Risposta: non posso. Potrei finire in galera. L'unica cosa che mi è permesso dire è che il significato di questa frase è: sono immensamente felice!

Il giornalistaIman Al-Qahtani (@ImaQh) [ar] ha chiesto che le élite intellettuale e religiosa saudita si oppongano all'approvazione della norma:

واجب اخلاقي على النخب الثقافية والدينية المقربة من السلطة مناصحتها بخطورة النظام المزمع اصداره وتداعياته الخطيرة على الحريات

@ImaQh: le élite intellettuale e religiosa, vicine alle autorità, hanno l'obbligo morale di far capire al governo che legge metterebbe a rischio la libertà di espressione.

L'attivista Waleed Abu Alkhair (@abualkhair) [ar] mette in guardia il consiglio della Shura dall'approvare la legge:

كمواطن سعودي أحمل أعضاء مجلس الشورى المسؤولية التاريخية الكاملة في تمرير نظام مكافحة الإرهاب الجديد

@abualkhair: come cittadino saudita ritengo che tutte le responsabilità storiche relative alla decisione di approvare questa legge ricadano sul consiglio della Shura.

Lujayn Alyamani (@LujaynAlyamani) [ar] esprime su Twitter il senso di devastazione provato davanti a una normativa tanto anti-democratica:

اسمعوا: هذا المشروع اغتصاب مشرع لأحلامنا! عار والله أن نعيش عراة من الأحلام لهذا الوطن

@LujaynAlyamani: sentite gente, questo è un progetto per violentare i nostri sogni! È una vergogna essere spogliati dai sogni e vivere così in questo Paese.

Un altro utente Twitter, Mouaz Dahdah (@mouazmb) [ar], afferma perentorio:

باختصار “قانون طوارئ جديد”

@mouazmb: per farla breve, è una nuova legge di emergenza!

Maha AlAsmari (@maha_alasmri) [ar] ci spiega in che modo questa legge affosserà la libertà di espressione nel suo Paese:

ان طُبق هذا النظام سيأتي يوم يكون فيه وجود مُعتقل من كل عائله سعوديه بالسجون بتهمَه التعبير عن الرأي أمر طبيعي


@maha_alasmri
: se questa legge venisse applicata, verrà un giorno in cui ogni famiglia saudita avrà un [familiare] detenuto per aver espresso la propria opinione!

Secondo Mohammed Khelaiwy (@khelaiwy) [ar] ciò dimostra chiaramente come il governo non abbia saputo capire la Primavera araba e trarne la dovuta lezione:

صاحب القانون لم يستوعب دروس الثورات العربية ونتائج القهر والظلم وامتهان الكرامة وغياب المعارضة الوطنية الشريفة

@khelaiwy: chi ha stilato questa legge non ha tratto nessun insegnamento dalla Rivoluzione araba, non ha capito a cosa conducono oppressione, ingiustizia, umiliazione e l'assenza di un'opposizione concreta e dignitosa.

Khelaiwy aggiunge:

كلنا ضد الأرهاب والأرهابيين ولكن استخدام قوانين جائرة بأسمة لتجريم وسلب حقوق المواطن المشروعة هو ارهاب ايضا


@Khelaiwy
: tutti noi ci opponiamo al terrorismo e ai terroristi, ma anche applicare leggi ingiuste, togliendo ai cittadini i propri diritti legittimi in nome della lotta al terrorismo, è terrorismo!

Un altro utente di Twitter, Majed Alnemer, rincara la dose:

@majedalnemer: la legge anti-terrorismo saudita finirà con l'uccidere i cittadini onesti invece che i terroristi!

Mohammad Al Rasheed (@Onlinemars) [ar] mostra quanto sia sconvolgente questa proposta di legge, lasciando trapelare forti dubbi sulle reali intenzioni del governo nella lotta al terrorismo:

عندما حاربت أمريكا وأوروبا الإرهاب حاربته خارجيا لتحمي داخلها. ونحن نحارب الإرهاب داخليا لنحمي من؟

@Onlinemars: quando Stati Uniti ed Europa hanno combattuto il terrorismo, lo hanno fatto “fuori” [dai propri confini] per proteggere chi stava “dentro”, mentre noi stiamo combattendo il terrorismo “dentro”, per proteggere chi?

Nel frattempo, le aspre critiche suscitate dalla proposta di legge sembrano aver intimorito il consiglio della Shura, dichiarando che la bozza sarà soggetta a delle modifiche prima dell'approvazione definitiva.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.