chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Egitto-Turchia: controverse le reazioni dei netizen sull'intervento di Erdogan al Cairo

Cartelloni di benvenuto per Erdogan nelle strade del Cairo. Foto di AymanM, da yfrog, Twitter

Cartelloni di benvenuto per Erdogan nelle strade del Cairo. Foto di AymanM, da yfrog, Twitter

Il discorso del Primo Ministro turco Erdogan, pronunciato il 13 settembre scorso davanti alla Lega Araba, in merito alla richiesta palestinese di entrare a far parte degli Stati membri delle Nazioni Unite, è stato tradotto online, minuto per minuto, dai membri dei maggiori social network, primo fra tutti Twitter, per far sì che fosse comprensibile anche a quanti non parlano arabo o turco.  Le reazioni al discorso, ricco di cliché più che di contenuto, sono state di varia natura: da chi ha ritenuto comprensibile la posizione turca, fino a coloro che sono rimasti costernati dal livello di ipocrisia mostrato dalla Turchia nei confronti del popolo curdo [it], da anni impegnato nella lotta per il riconoscimento dell'autonomia nazionale.

Ecco alcuni passi tratti dal discorso di Erdogan [en, come gli altri link, eccetto ove diversamente indicato]:

@RawyaRageh #Erdogan #Israel: per mettere fine al proprio isolamento, Israele dovrà rispettare i diritti umani e comportarsi come qualsiasi altro Stato civile#Turkey #ArabLeague

@MahirZeynalov Erdogan, Primo Ministro turco: lasciate che la bandiera palestinese diventi simbolo di pace in Medio Oriente.

@MahirZeynalov Erdogan, Primo Ministro turco: il riconoscimento dello Stato palestinese è il solo cammino da intraprendere, non è un'opzione, è un dovere.

@MahirZeynalov Erdogan, Primo Ministro turco (riferendosi a Israele): ogni Stato deve pagare per i propri atti di terrore.

Le reazioni degli utenti di Twitter non si sono fatte attendere. Molti tweep hanno polemizzato riportando l'attenzione sul trattamento riservato ai curdi in Turchia e ricordando alcuni recenti avvenimenti occorsi mentre Erdogan teneva un discorso. Ecco alcuni commenti:

@Hevallo #Erdogan: se la Palestina, per i suoi 4 milioni di abitanti, merita uno Stato, cosa meritano 40 milioni di curdi? #ArabLeague #Egypt

@khaledfahmy le uccisioni perpetrate dai turchi scatenano la protesta curda…Erdogan dovrebbe guardare questo video:

 

 

@fatmaemam questo è quello che ti succederebbe in Turchia se fossi curdo e volessi rendere omaggio alla tua cultura #Turkey. http://bit.ly/nKaMVF #kurdishrights

@fatmaemam la Turchia è uno stato ultra-nazionalista in cui le minoranze culturali come quella curda sono barbaramente represse. #Turkey #Erdogan

@MiranHosny giuro che proprio non capisco come qualcuno con idee tanto forti su Israele possa ordinare che, nel suo stesso Stato, siano perpetrati contro i curdi atti che violano così palesemente i diritti umani #Kurds #Erdogan.

@norashalaby la Lega Araba è una delle organizzazioni più inutili che, per qualche motivo, tuttavia esistono

@M_Magdeldin la Lega Araba non funziona. Mi ricorda quante dittature esistono nel Mondo Arabo, senza che ci sia la speranza di una soluzione che venga dall'interno. Dovrebbe essere sciolta.

@AbirKopty A volte #Erdogan e altri non capiscono che la nuova generazione araba non è ingenua come la precedente. Sappiamo bene che ci sono degli interessi dietro a queste belle parole.

@Remziya Mentre #Erdogan se ne va in giro per il Mondo Arabo accusando Israele, in Turchia i curdi continuano a essere uccisi! Questa è ipocrisia allo stato puro.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.