chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Cile: critiche e proteste alla proposta di legge “anti-occupazione”

Il 2 ottobre scorso, il Ministero degli Interni cileno (responsabile dell'ordine pubblico e della sicurezza nazionale), con l'intento di arginare l'ondata di proteste civili che da mesi imperversano nel Paese, ha presentato al Parlamento una proposta di legge che, nello specifico, criminalizza l'occupazione abusiva di edifici privati e pubblici [es, come gli altri link eccetto ove diversamente segnalato] da parte dei manifestanti.

Su richiesta del Ministero, la nuova legge anti-occupazione è stata elaborata da Miguel Otero, ex senatore rappresentante del Partito di Rinnovamento Nazionale [it] (lo stesso partito del Presidente Sebastian Piñera) che attualmente ricopre il ruolo di consigliere presso la Camera Nazionale del Commercio (CNC).
Quando il quotidiano online El Dinamo chiede a Otero la sua opinione riguardo alla manifestazione studentesca del 6 ottobre scorso (la numero 37), l'ex senatore
risponde con le queste parole:

“Estuve viéndola por televisión y eso prueba de que es urgente que saquemos esta ley. Lo que hay que entender es que nadie puede hacer lo que están haciendo los estudiantes, que están al margen de la ley. ¡Eso no lo puede permitir ningún gobierno!”
“Ho seguito la manifestazione alla televisione e ciò che ho visto attesta quanto sia urgente approvare una legge di questo tipo. Gli studenti, con le loro azioni, stanno andando contro la legge e nessun governo al mondo può permettere che questo avvenga!”
Scuola pubblica occupata, una delle realtà condannate dalla proposta di legge cilena. Foto di Francisco Javer Angel, ripresa con licenza Creative Commons.
Scuola pubblica occupata, una delle realtà condannate dalla proposta di legge cilena. Foto di Francisco Javer Angel, ripresa con licenza Creative Commons.

Come era prevedibile, la proposta legislativa di Otero ha immediatamente suscitato le reazioni dell'opposizione e della società civile, inclusi gli agguerriti movimenti studenteschi.

La forte riprovazione dei cileni verso l'iniziativa del governo si esprime anche via Twitter. Ne è un esempio, Felipe Carcamo (@carcamofelipe), studente al quarto anno di scuola superiore, che afferma:

“La #leyantitomas es otra excusa mas supuestamente con un fin de justicia pero solo es para quitarnos mas derechos.”

“Apparentemente, la legge anti-occupazione si fonda sul pretesto di garantire più giustizia, ma, in realtà, non fa che abolire gran parte dei nostri diritti.”

Altri, come lo studente universitario Javier Vergara (@javiervergarap), pensano che l'approvazione di una legge del genere non farebbe che perpetuare le politiche dittatoriali tipiche del regime di Augusto Pinochet.

Secondo J. Raul Martinez (@jraul_martinez), questa proposta di legge dimostrerebbe anche il grado di influenza che gli interessi economici esercitano sulle decisioni del governo. Il ragazzo scrive infatti:

“Impuestos son “suficientes para necesidades del país”, dice el gran comercio… el mismo que mandó listo el proyecto de ley #antitomas

“Le tasse sono “sufficienti per i bisogni del paese”, dicono i grandi uomini d'affari… gli stessi che hanno elaborato la bozza completa della #legge anti-occupazione”

Diversi blog hanno analizzato questo aspetto, sottolineando il fatto che la legge anti-occupazione è stata partorita dopo che la Camera Nazionale del Commercio aveva chiesto al governo di mettere in campo dei provvedimenti per la protezione del commercio. A tal proposito, sul blog El Kiosco Bloggero, Daniel Arellano solleva alcune questioni:

“Y para terminar llama la atención que la idea de este proyecto no fue del Gobierno propiamente tal (aunque lo “amononaron” en estos días), sino que de la Confederación Nacional de Comercio (CNC), en otras palabras de los empresarios.

¿Quien manda entonces en Chile?. ¿El Gobierno o los empresarios?. ¿Habría sido tomado tan en cuenta un proyecto similar […] que fuera presentado por ciudadanos comunes?. Este es un punto que debe ser aclarado prontamente por ambas partes para bien de la transparencia gubernamental. Para terminar, esta alianza Gobierno – Empresarios en temas de seguridad se ve consolidada con la premiación a la CNC, del Ministerio del Interior, por su aporte en materias de seguridad ciudadana. ¿Raro al menos, no creen?”

“In conclusione, è importante notare che l'idea di proporre questa legge non deriva direttamente dal governo (che, tuttavia, l'ha leggermente ritoccata in questi giorni), ma piuttosto dalla Camera Nazionale del Commercio, o, in altre parole: dagli uomini d'affari.
E allora, chi detta legge in Cile? Il governo o gli uomini d'affari? Un simile progetto presentato da cittadini comuni avrebbe ottenuto altrettanta considerazione? Questo punto deve essere chiarito da entrambe le parti, in rispetto del principio della trasparenza politica. Infine, questa alleanza tra governo e affari in materia di sicurezza sembra essersi consolidata anche grazie a un premio che il Ministero degli Interni ha consegnato alla CNC per il suo contributo alla causa della sicurezza pubblica. Alquanto strano, non credete?”

Su Diario30, Raul Valdivia spiega le ragioni per cui, a suo parere, lo sconvolgimento dell'ordine pubblico si rivela a volte necessario ai fini di un cambiamento positivo:

“A través de estas acciones “disruptivas” –marchas, paros y diversas formas de protesta- los movimientos despiertan el interés de otros ciudadanos y de los medios de comunicación, que es el primer paso para generar solidaridad y, finalmente, lograr adhesión masiva a sus demandas. Es así […] como los movimientos acumulan fuerza, aumentan su incidencia en la agenda pública […]”

“Azioni dirompenti come cortei, scioperi e altre forme di protesta, assicurano ai movimenti civili la possibilità di farsi sentire sia dalla cittadinanza che dai media. E questo è il primo passo per raccogliere solidarietà e adesione di massa attorno alla loro causa. È così che i movimenti civili riescono ad acquisire forza e aumentare la loro influenza sul policy-making […]”

Valvidia aggiunge infine:

“Pero lo que no se puede permitir es que una nueva ley ahogue esa cuota de disrupción que enriquece la democracia y que en ocasiones es necesaria para impulsar cambios que a la larga son saludables para el país, especialmente cuando se trata de situaciones abiertamente injustas, como lo es la realidad educacional chilena.”

“Non possiamo permettere che una nuova legge decreti la fine di azioni dirompenti di questo tipo, in grado di arricchire la democrazia e, in certi casi, di innescare cambiamenti che, nel lungo periodo, si rivelano benefici per il Paese, specialmente quando si tratta di situazioni in cui vige una grave ingiustizia sociale, come nel caso dell'istruzione in Cile.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.