chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Iran: “dittatori all'erta…chi sarà il prossimo a cadere?”

Khamenei e Gaddafi

Khamenei e Gheddafi da giovani; ripreso dal blog "Iraniangreenvoice (fonte originale sconosciuta)

 

Molti blogger iraniani si sono uniti alle celebrazioni del popolo libico dopo l’uccisione [it] , giovedì scorso, del dittatore di lungo corso Muammar Gheddafi. Alcuni blogger, condividendo la gioia dei cittadini per la liberazione del Paese, hanno inneggiato alla fine della dittatura anche in Iran.

Iraniangreenvoice scrive [fa, come i link successivi]:

… Un messaggio al leader iraniano, l'Ayatollah Alik Khamenei, “Gheddafi è stato ucciso, trema dittatore… tu che ti metti al posto di Dio, pensa al fatto che di Gheddafi non è rimasto niente se non due foto: una è la sua ultima immagine, ricoperto di sangue, e nell'altra foto è con te… anche lui [Gheddafi] non incontrava la gente, uccideva per le strade, considerava il popolo insignificante e privo di ogni valore… pensa alla brutta reputazione che ti porti dietro.

Neoliberal incalza:

La Storia accelera e i dittatori cadono, uno dopo l'altro. Abbiamo sentito la notizia, abbiamo visto le immagini. Spero che Khamenei abbia visto le foto di Gheddafi… Khamenei, sai che Gheddafi era più giovane e più orgoglioso di te?… Avrà pensato al suo destino qualche mese fa, osservando l'esecuzione di Saddam Hussein? … Spero che tu [Khamenei] rifletta sul destino di Gheddafi.

Vision ripubblica la foto di Gheddafi e dice, “Un dittatore saluta la sua fine.”

Khakestar rilancia invece diverse foto del “Nascondiglio di Gheddafi” e si chiede perchè i dittatori si nascondano “in tane per topi dopo aver compiuto certi crimini.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.