chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Porto Rico: successo globale per il brano “Latinoamerica” dei Calle 13

Con più di 2 milioni di visite da quando la scorsa settimana è stato pubblicato su YouTube , il nuovo video della band “Calle 13″, intitolato “Latinoamérica” [es, come tutti gli altri link tranne ove diversamente specificato] ha ottenuto riscontri positivi sia online che a livello globale.

Il video, che si avvale della co-regia di Jorge Carmona e Milovan Radovic, inizia con la visita dei cantanti interpreti del brano [i due fratelli  René Pérez Joglar (Residente) ed Eduardo José Cabra Martínez (Visitante)] ad una piccola radio situata sulle montagne peruviane dove un dj li presenta in lingua quechua [it]. Nel video si alternano foto di persone e paesaggi latinoamericani e frammenti di animazione che rimandano al significato del testo della canzone “vamos dibujando el camino” (disegniamo la strada che dobbiamo percorrere).

Sulla blogosfera portoricana si possono leggere un paio di contributi e commenti al video. Ivonne Acosta Lespier, sul blog Sin Mordazas scrive:

En lo alto de los Andes, en tierra Inca, nuestros embajadores de buena voluntad René Pérez (Residente) y su hermano Eduardo Cabra (Visitante), censurados en su propia tierra, cantan lo que quisieran que nuestra gente escuchara a “las caras más bonitas que he conocido” que resultan ser los olvidados del mundo en la era del capitalismo salvaje.

Sulle vette delle Ande, sulle terre degli Inca, René Pérez (Residente) e suo fratello Eduardo Cabra (Visitante), i nostri ambasciatori di buona volontà e vittime di censura nella loro terra, cantano ciò che vorrebbero la nostra gente ascoltasse, dedicando [la loro canzone] “ai visi più belli che io abbia mai visto” che altri non sono che le ultime ruote del carro nell'epoca del capitalismo selvaggio.
E aggiunge:

El estribillo podría ser un himno para cantarle a los desarrollistas preferidos por este Gobierno que se canta “verde” pero destruye la naturaleza de nuestra Isla para venderle terrenos, incluyendo los que antes estaban protegidos, al mejor postor y ganar millones.

La canzone potrebbe essere l'inno da cantare agli “sviluppisti” [dal termine desarrollismo, nel senso di esaltatori della crescita e sviluppo economico] preferiti di questo governo che dice di essere “verde” [ecologista] ma distrugge la natura della nostra Isola vendendo i suoi campi – comprese quelle terre che un tempo erano protette – al miglior offerente e guadagnando milioni.

Il sito specializzato in musica indie PuertoRicoIndie.com, che recentemente ha pubblicato un articolo nel quale si compara la canzone dei Calle 13 ad una dallo stesso titolo dei Manà, un famoso gruppo popolare messicano, descrive il video come segue:

Una colaboración entre los directores Jorge Carmona y Milovan Radovic, el vídeo captura la diversidad del continente, encontrando su esencia entre su gente y sus paisajes. Logra esto con la misma efectividad que lo hacen la música y letras del tema – René Pérez y Eduardo Cabra reconocen que el tema es más grande que ellos dos y que el trabajó está en documentar. Tampoco se trata de sorpresas, si no de un reflejo – de la historia, de la realidad, de la actualidad.

Nato da una collaborazione tra i registi  Jorge Carmona e Milovan Radovic, il video coglie la diversità e l'essenza del continente [sudamericano] attraverso immagini della sua gente e dei suoi paesaggi. E lo fanno con la stessa efficacia sia la musica che le parole del testo – René Pérez e Eduardo Cabra riconoscono che il pezzo è più grande di loro due messi insieme e che il loro lavoro consiste nel aumentare il grado di consapevolezza sull'attualità latinoamericana]. Non [si tratta di un testo che nasconde particolari] sorprese, ma di una riflessione sulla storia, la realtà, l'attualità.

René “Residente” Pérez, che ha trascorso una settimana intera a promuovere il video attraverso il suo account di Twitter @Calle13Oficial, ha annunciato fiero ai suoi milioni di contatti:

el video de #Latinoamerica en menos de 1 semana llegara a los 2 millones de views,sin sonar en la radio.

Il video “Latinoamérica”  ha raggiunto 2 milioni di visite in meno di una settimana prima di essere passata alla radio.

Poi ha aggiunto:

El video de”Latinoamérica” llegó a las 2 millones de visitas..Gracias a VEVO por nada..jeje..

Il video “Latinoamérica” ha raggiunto 2 milioni di visite… Grazie di nulla, VEVO!

Il video, infatti, è stato caricato su YouTube direttamente dal gruppo, aggirando la nota piattaforma di musicaVEVO, che solitamente viene utilizzata soprattutto dagli artisti internazionali e che è di proprietà della Sony Music Entertainment, Universal Music Group ed Abu Dhabi Media.

I Calle 13 sono stati recentemente nominati in dieci diverse categorie per l'edizione 2011 dei Latin Grammy Awards, comprese le categorie “Song of the Year” e “Record of the Year” proprio per il loro ultimo pezzo “Latinoamérica”.

*Il post è stato scritto grazie alla collaborazione di César Santiago.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.