chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Yemen: Saleh si dimette? Mah, improbabile!

Dopo mesi di proteste continue contro il suo regime in piedi da 33 anni, il presidente yemenita ha annunciato in un discorso sabato 8 Ottobre, di fronte al Parlamento, al Consiglio della Shura e alla TV di Stato, che avrebbe lasciato il potere nei giorni successivi. Arrivando a dichiarare: «Rifiuto il potere e continuerò a farlo e lo lascerò nei prossimi giorni».

Tuttavia, per molti si tratterebbe dell'ennesima promessa — di una finta, insomma — in vista del rapporto che l'inviato delle Nazioni Unite, Jamal Ben Omar, deve presentare martedì prossimo sulla situazione in Yemen.

Una vignetta di Carlos Lattuf

Una vignetta di Carlos Lattuf

Saleh ha annunciato più volte le sue dimissioni aggiungendo che avrebbe firmato il documento proposto dall'Onu e dalle Monarchie del Golfo e quest'ultima promessa viene accolta nella massima indifferenza. Ormai la sua credibilità è del tutto compromessa e non solo per il popolo yemenita.

Nel Maggio scorso, facendo seguito a un suo discorso, era stato caricato su Twitter un video, a cura di un giornalista freelance inviato a Sanaa, in cui si esplicita quello che è il pensiero di molti yemeniti riguardo a Saleh @adammbaron:[en, come i link successivi, eccetto ove diversamente indicato] :

alla luce dei discorsi pronunciati recentemente vale la pena riproporre questa perla… http://www.youtube.com/watch?v=klxvHEKzqQM #katyperry #saleh #yemen

Qui di seguito altre reazioni su Twitter.

@samwaddah: Nel suo discorso, #Saleh è sembrato stupido, bugiardo, ipocrita, ignorante & truffaldino. In altre parole, era soltanto se stesso! #Yemen #SalehBlaBla

@Yemen4Change: In tutta onestà io non so più cosa intenda per “i prossimi giorni”! #Saleh #Yemen

@KhaledHammadi, un giornalista yemenita, ha commentato così a proposito del discorso:

#Gli oppositori yemeniti ormai non ascoltano più i discorsi di #Saleh, con le sue promesse di abbandonare il potere nel giro di qualche giorno, poiché pensano si tratti della solita commedia

Ancora @SummerNasser commenta:

FYI: #Saleh ha già promesso di “dimettersi” tre volte prima del discorso di ieri. Non si può cambiare un bugiardo. #Yemen #Supportyemen

Il giornalista egiziano @RawyaRageh rincara:

E’ surreale il numero di volte che Ali Abdullah #Saleh ha promesso di dimettersi. Siamo seri! #Yemen

Molti netizens sostengono che il discorso di Saleh e la scelta precisa delle parole per cui lui avrebbe lasciato il potere “nei prossimi giorni” è stato solo un patetico tentativo di rubare la scena e l'attenzione mediatica che il premio Nobel per la pace yemenita Tawakkol Karman[it] stava meritatamente ricevendo.

@Dima_Khatib, giornalista assai nota e grande sostenitrice della Primavera Araba e dello Yemen, commenta su Twitter:

Quando un dittatore arriva a provare invidia per una donna di 32 anni, coraggiosa rivoluzionaria e pure tre volte mamma… Bisogna aspettarsi di tutto! #YallaSaleh #YEMEN #YallaSaleh #YEMEN

@tota770 rilancia:

Io non credo a #Saleh, è un bugiardo, vuole soltanto attirare l'attenzione perché ieri ha provato invidia per #Tawakul che ha vinto il premio #Nobel :P

La risposta di Karman al discorso di Saleh, che riflette in generale il pensiero di tutti gli oppositori, è stata riportata da @NasserMaweri: @NasserMaweri:

#TawakulKarman : Voglio dire a #Saleh, che la rivoluzione sta già vincendo e continuerà a vincere, lo Yemen sarà libero come lo è stato prima di lui. #Yemen

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.