chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Cina: 58 milioni di bambini abbandonati?

Nell’ultimo mese ha destato molto scalpore, specialmente online, la foto di una bambina che tiene il proprio fratellino tra le braccia durante una lezione in classe. L'immagine riflette una piaga sociale di vecchia data: bambini abbandonati nei villaggi dai genitori costretti a emigrare in città.
A seguito di tanto clamore, il dibattito online è stato ridimensionato, le parole chiave “Il fratellino vuole dormire” (弟弟要睡了) sono state eliminate e sono divenute introvabili nei maggiori motori di ricerca come Sina, Baidu, Sohu quando, a partire dal 7 novembre 2011, la discussione ha assunto un tono sempre più politico. Intanto però, a tutt'oggi, le stime parlano di 58 milioni di “bambini abbandonati”.

‘Il fratellino vuole dormire’

Il nome della bambina di 10 anni presente nella foto [zh, come in tutti gli altri link eccetto ove diversamente indicato] [previa registrazione] è Long Zhanghuang, il fratello di due anni è Zhang Junjie. I loro genitori, lavoratori migranti, hanno lasciato i figli alla custodia dei nonni. La scuola si trova in un villaggio nella contea di Fenghuang, nella provincia dello Hunan.

"Il fratellino vuole dormire". Immagine di Sina Weibo user Mian Qu, ampiamente disponibile al pubblico.

"Il fratellino vuole dormire". Immagine di Sina Weibo user Mian Qu, anche ampiamente disponibile al pubblico.

Il blogger Shichengke illustra il contesto socio-politico della foto:

《弟弟要睡了》是缩影、是隐喻,也是叩问。在不经意间,它展示了不少农村空心化甚至荒漠化的冷酷现实。农村空心化的背后,存在诸多体制性难题,比如户籍困局,再比如社会保障不完善。

“Il fratellino vuole dormire” è un modello, una metafora e una domanda. Involontariamente rappresenta la dura realtà dell’abbandono delle campagne da parte dei contadini che, peraltro, incorrono in altre difficoltà come il difficile ottenimento della residenza e la mancanza di sicurezza sociale.

L'esperto mediatico Yanlong, approfondisce la questione della necessità di una riforma del sistema sociale:

农村留守的“弟弟”,显然不只有“睡觉”的权利。但是,社会保障的触角,并没有伸向社会的每个角落,于是属于儿童的福利,很多就成了纸上的描述。尤其在贫困的农村,所谓儿童的福利,直接与家庭个体的经济状况相挂钩。这种情形下,即使农村不出现空心化,疲于奔命的父母也未必能够有足够的时间照顾孩子,姐姐带弟弟上学的悲酸一幕依然不可避免。

之于女童的爷爷奶奶,同样有诸多缺失的权利可以观照。比如老有所养的权利。与城市职工不同的是,农村老年人没有“退休年龄”,归根结底,是薄弱甚至于空白的社会保障,让这个群体没有能力放下耕作而颐养天年。一定程度上,“幼无所依,老无所养”的农村,才是《弟弟要睡了》这张照片所传递出的最催人泪腺的问题。

Il problema del “fratellino” abbandonato nelle campagne non riguarda solo il suo diritto al “sonno”. Il nostro sistema di previdenza sociale non riesce a raggiungere tutti gli strati della società e così il benessere dei bambini diventa un diritto certificato solo sulla carta. Soprattutto nelle aree rurali più povere il cosiddetto benessere dei bambini è direttamente collegato al reddito del singolo nucleo famigliare. Anche nei casi in cui non avvenga un effettivo abbandono delle campagne da parte dei genitori, questi sono talmente impegnati con il loro lavoro da non aver tempo di occuparsi dei propri figli; il verificarsi della triste scena in cui una sorella maggiore è costretta a portare in aula il fratellino è dunque inevitabile. 

I nonni della bambina sono inoltre privati del diritto di godere di una vita da pensionati. A differenza delle loro controparti urbane, gli anziani nei villaggi non vanno in pensione a causa di una falla nel sistema di previdenza sociale. Costoro sono costretti a continuare a coltivare le loro terre anche in età avanzata. “I bambini non hanno nessuno da cui dipendere e gli anziani non hanno nessuno che li assista” questo è il triste messaggio che ci trasmette la fotografia.

58 milioni di bambini abbandonati

Per dare un seguito alla storia, QQ news ha inviato una troupe televisiva nel villaggio e ha prodotto un toccante documentario (con sottotitoli in inglese).
Il documentario ha più di 5.200 commenti, alcuni dei quali sono riportati qui di seguito:

黑暗幽灵 社会总是在关注着留守儿童,把责任归于父母,可社会看到了没,那些家庭处于什么样的收入水平,不出去能有钱养活整个家庭吗,能供得起孩子上学吗,社会一直在那呼吁呼吁,也就那么点能耐了,不干实事•••••

Dark spirit: La società appare preoccupata per i bambini abbandonati e rimprovera i loro genitori. Tuttavia, la società si è accorta di quale sia il reddito di queste famiglie? Quest'ultimo è davvero in grado di sostenere le spese di una famiglia e dell’istruzione dei figli senza andare a lavorare nelle città?Si continua a richiamare l’attenzione su questo scottante problema ma non c’è ancora stata alcuna proposta costruttiva.

芝麻湖 不要责怪进城打工的父母,他们只不过为了能很基本的活着,同时给孩子更好的未来。谁也不想背井离乡,谁也不想在外漂泊,没有好的农村政策和农业扶持措施,在这个放弃了发展农业的国度,小康基本生活需求则没法实现。高物价,高房价让很多人连气都喘不上,更别谈好好地在农村活着。当孩子在贫困中生活,首先就要怪责国家,然后就是省级和地方政府。不要强词夺理说需要帮助的人太多,高昂的税收不用来给有需要的人民,那要拿来做什么?不要忘了,中国是一个税收极其高的国家,孩子们的生活本来应该更好的,和爸爸妈妈在一起。

Sesame mud: Non critichiamo i genitori, loro cercano di fare del loro meglio per guadagnarsi da vivere e mantenere i propri figli. Non vorrebbero lasciare la loro casa per peregrinare in giro. Ciò nonostante, in assenza di efficienti politiche che supportino l’agricoltura, la vita nei villaggi è divenuta insostenibile. La gente non può nemmeno respirare a causa dell’inflazione e degli elevati prezzi degli immobili per non parlare poi della vita nelle campagne. Il governo deve essere biasimato per lo stato di povertà in cui vivono i bambini. Anche le autorità provinciali e locali si devono assumere le proprie responsabilità. Non diciamo la cavolata che ci sono troppo persone che hanno bisogno d’aiuto, il denaro ricavato dalle tasse dovrebbe essere usato per soccorre i bisognosi. La nostra tassazione è tra le più alte al mondo, dovremmo poter garantire ai bambini uno standard di vita migliore e un’esistenza da trascorrere con i loro genitori.

Il reporter Fu Jianfeng evidenzia nel video l’intervento di un’insegnante che racconta un episodio avvenuto in classe:

一位孩子很大声地说:“我讨厌春天。”老师问他为什么?她说:“因为春天爸妈就出去打工了。只有到了冬天,爸妈才会回来。”这是发生在“姐姐抱着弟弟上小学”故事的对话http://t.cn/SZsUU4。我是含着泪看完的,这是5800万留守儿童的命运。这个社会、这个时代、这个国家,欠了他们

Un bambino ha urlato: “Io odio la primavera” e l’insegnante gliene ha chiesto la ragione. Lui le ha risposto: “In primavera i miei genitori se ne andranno via per andare a lavorare. Torneranno solo in inverno”. Questa è una conversazione avvenuta nel villaggio del “Il fratellino vuole dormire”. Ho guardato il video con le lacrime agli occhi. Questo è il destino di 58 milioni di bambini abbandonati. La società e il Paese deve loro ciò che hanno perso.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.