chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Israele: dissenso dei netizen nei confronti di un possibile attacco all'Iran

Negli ultimi giorni, i report pubblicati da varie testate locali hanno segnalto la possibilità di un imminente attacco da parte di Israele contro le basi nucleari iraniane. Secondo tali report, nonostante l'opposizione delle forze di sicurezza israeliane [en, come gli altri link, eccetto ove diversamente indicato] (IDF [it], Mossad [it] e Shin Bet), il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il Ministro della difesa Ehud Barak ed il Ministro degli esteri Avigdor Lieberman si starebbero prodigando al fine di convincere il governo ad autorizzare un'azione militare diretta contro l'Iran.

In seguito alla diffusione di tali notizie, i cittadini israeliani hanno iniziato per la prima volta a  dibattere seriamente su questo importante tema.

Come riportato da Larry Dafner su +972 Magazine:

Alla fine, è successo. Dopo anni in cui non abbiamo fatto altro che sentir parlare e dibattere in merito al potenziale pericolo rappresentato dal nucleare iraniano, finalmente i cittadini di questo Paese stanno dibattendo sul pericolo potenziale rappresentato da un bombardamento preventivo finalizzato a scongiurare quel primo pericolo. Finalmente sentiamo parlare non solo della “minaccia iraniana”, ma anche della “minaccia israeliana”. Dopo anni in cui abbiamo sentito parlare il Re della hasbara di Hitler, del 1938 e del déjà vu dell'olocausto, gli israeliani stanno sentendo, seppur indirettamente, il parere di persone ritenute più affidabili dei politici del Paese- militari professionisti e spie- e quello che sentono da questi “uomini duri” è un secco e forte “NO”.

I netizen israeliani hanno risposto all'unanimità in maniera negativa alla possibilità, paventata in questi report, di un attacco all'Iran. Alcuni hanno addirittura dato il via ad un evento Facebook volto ad organizzare una manifestazione di protesta di fronte al Ministero della difesa [he] , sito a Tel Aviv, per il 6 novembre.

Secondo molti netizen quella dell'attacco all'Iran sarebbe solo una tattica diversiva per deviare l'attenzione dalla recente ondata di proteste contro le politiche del governo Netanyahu [it] in ambito economico:

חלאס כבר עם האיום האיראני. אם ייפול פה טיל גרעיני נראה התחלה של הבזק והכל ייגמר. זה אפילו לא יכאב. אוברדראפט, לעומת זאת, מרגישים כל הזמן
@haimhz: è sufficiente la minaccia iraniana. Se un missile nucleare ci colpisse, vedremmo per un attimo un forte bagliore e poi sarebbe tutto finito. Non avrei nemmeno il tempo di soffrire. Un debito invece [indebitarsi per poter vivere, a causa delle politiche economiche messe in atto dal governo] è qualcosa che ti logora giorno per giorno.
אם אין לחם תאכלו מלחמה עם איראן
@YishaiO: quando non c'è pane, provate a mettere sotto i denti una guerra contro l'Iran
אז, למה כולם מדברים על איראן עכשיו? אפרנטלי אהוד ברק עבד קרוב עם כל כתבי הצבא כדי לשכנע שאוטוטו תוקפים. למה? רצו לקצץ בתקציב הביטחון
@odaskal: perché tutti parlano solo dell'Iran ora? Sembra che Barak stia cercando di lavorare a stretto contatto con tutti i responsabili degli affari militari per convincerli che stiamo per attaccare. Perché? Perché volevano tagliare le spese militari.

Alcuni si lamentano per la stupidità e l'avventatezza che percepiscono nella leadership israeliana:

מטורללים, חידלו! #איראן
זה בערך משהו כזה: “אוי לא! הבריון הזה רוצה להרביץ לי! אז עדיף שארביץ לו קודם, ואז זה יראה לו והוא יבכה וילך הביתה!” #איראן
@a_Daydreamer: Siete dei pazzi, è ora che la smettiate! Sostanzialmente quello che sta accadendo suona come un: “oh no! Questo bullo vuole farmi fuori! è meglio che sia io a farlo fuori per primo, gli farò vedere con chi ha a che fare, e tornerà a casa dalla mamma piangendo!” #Iran
למיטוט הרשות הפלסטינית הקישו 1. למלחמה עם איראן הקישו 2. למאות טילים על ת״א הקישו 3. להתבצרות במצדה הקישו 4. לגוג ומגוג הקישו 0 או המתינו
@doroniko: per causare il collasso dell'Autorità Palestinese, premere 1. Per la guerra contro l'Iran, premere 2. Per centinaia di missili diretti verso Tel Aviv, premere 3. Per fortificarci sul Massada [it] [prima di commettere un suicidio di massa], premere 4. Per Gog e Magog [it] [la fine del mondo], premere 0 o aspettare.
“ראיתי שתוקפים אותנו מעזה, את המצב במצרים ובסוריה ואמרתי לעצמי מה שכל ראש ממשלה שפוי היה אומר לעצמו: בוא נפתח עוד חזית” #ביבי.נאום.לאומה
@Omerbara: visto che eravamo attaccati da Gaza, vista la situazione in Egitto e in Siria, mi sono detto quello che qualsiasi Primi Ministro sano di mente si sarebbe detto: apriamo un altro fronte. #BibiSpeechToTheNation
אזרחים מטומטמים. לא רק שהממשלה גוזלת מכם את הזכות לחיות בכבוד וברווחה, עכשיו היא גם תגזול מכם את הזכות לחיות #מבצע.איראן
@shanirabi: stupidi cittadini israeliani. Non solo lasciate che questo governo vi rubi il diritto di vivere dignitosamente e in prosperità, ma lasciate anche che vi rubi il diritto alla vita. #OperationIran

Ovviamente, qualcuno ha approfittato dell'occasione per ironizzare. Facendo riferimento al gran numero di recenti fughe di notizie, Rubynet ha scritto:

פירסט רול אוף איראן פייט קלאב, יו דונט טוק אבאוט איראן פייט קלאב #מתוך:בטחון.למתחילים
@Rubynet: prima regola dell'Iran fight club, non parlare dell'Iran fight club #From:SecurityForBeginners

Itamar Shaltiel ha commentato ironicamente in merito alla possibilità che le città israeliane siano soggette ad un attacco missilistico:

אם נתקוף באיראן, יהיו טילים על תל-אביב. אם יהיו טילים על תל-אביב, מחירי הדירות ירדו. אם מחירי הדירות ירדו, נשיג צדק חברתי #ווין #j14
@itamars: se attacchiamo l'Iran, dei missili colpiranno Tel Aviv. Se dei missili colpiranno Tel Aviv, il costo degli appartamenti crollerà. Così, finalmente avremo giustizia sociale. #WIN #j14

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.