chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Palestina: nuova flottiglia umanitaria diretta verso Gaza

Il 2 novembre è venuta alla luce la notizia di una nuova flottiglia composta da due navi, una canadese e una irlandese, diretta verso la Palestina con lo scopo di rompere l'assedio di Gaza. L'operazione è stata tenuta nascosta fino a oggi e annunciata da pochissimo. Su Twitter la notizia sta circolando con l'hashtag #Freedomwaves [en, come gli altri link eccetto ove diversamente indicato].

La nave canadese Tahrir e l'irlandese Saoirse, dopo aver abbandonato gli ormeggi del porto turco di Fethiye sarebbero ormai quasi arrivate nelle prossimità della Striscia di Gaza.

Un precedente tentativo di rompere l'assedio intrapreso lo scorso anno ha avuto un triste epilogo, uno scontro con le forze militari israeliane dopo che queste hanno abbordato la flotilla composta da sei navi con a bordo attivisti internazionali e conosciuta come Gaza Freedom Flotilla, la quale intentava rompere l'assedio di Gaza e consegnare aiuti umanitari.

Stando a quanto affermano fonti israeliane, i militari hanno abbordato la flotilla dopo il rifiuto da parte delle navi di cambiare rotta per dirigersi verso il porto di Ashdod, dove le autorità avrebbero ispezionato gli aiuti e consegnato tutte le  merci consentite a Gaza. Tra 9 e 16 passeggeri della nave battente bandiera delle Isole Comore MV Mavi Marmara furono uccisi dai soldati israeliani che attaccarono la nave e 10 militari vennero feriti gravemente.

Secondo Ruqayah:

@iRevolt: ‘Freedom Waves per Gaza’ è l'undicesimo tentativo degli attivisti internazionali di far arrivare degli aiuti umanitari oltrepassando il blocco israeliano imposto su Gaza nel 2008.
Sulla nuova flotilla Canada Boat to Gaza annuncia:

CanadaBoatGaza: CONFERMATO: La Tahrir si trova adesso in acque internazionali e farà a breve rotta su Gaza. #FreedomWaves #Canada4Gaza #DeOccupyPalestine

Asa Winstanley fa notare:

@AsaWinstanley: È stata una mossa intelligente quella di mantenere #freedomwaves in gran segreto fino a oggi. Questo diminuisce le possibilità di sabotaggio e di disinformare da parte di Israele così come è avvenuto la volta scorsa

Si comincia ad avere anche notizie di vari reporter a bordo. L'egiziana Sarah Carr riferisce:

@Sarahcarr: Quel mito del mio capo @linaattalah si trova a bordo della Tahrir, una delle due navi della Freedomwaves flotilla in rotta verso Gaza.

E Ahmed Shibab Eldin aggiunge:

@ASE: Un reporter di #AlJazeera si trova a bordo di una delle navi della #freedomwaves flotilla dirette a Gaza. Aggiornamenti a breve.

Anche i vari utenti di Twitter a bordo stanno facendo sentire la loro presenza. Hassan Ghani, un reporter di Press TV posta:

@hassan_ghani: Mi trovo a bordo della Tahrir, una delle due navi della #flotilla, al momento in acque internazionali e in viaggio per rompere l'assedio di Gaza. #freedomwaves

e aggiunge:


@hassan_ghani
: Imbarcazioni della #freedomwaves sono salpate in segreto dalle coste turche per evitare interferenze politiche. Ma le autorità marittime hanno imposto la riduzione dei passeggeri a 12 per ciascuna barca

avvertendo:

@hassan_ghani: La connessione a internet sulla #Tahrir funziona a intermittenza ma spero di poter inviare un rapporto sulla missione di #freedomwaves più tardi questa notte

Mentre l'egiziana Lina Attalah insieme ad Al Masry Al Youm ci racconta:

@Linaarralah: abbiamo appena raggiunto le acque internazionali a bordo della nave canadese della #freedomwaves diretta a #gaza @almasryalyoum_e #tahrir @CanadaBoatGaza

La posizione della flotilla mostrata su Google maps, di @porterspeakman.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.