chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Qatar: annunciate elezioni parlamentari per il 2013

Il 1 novembre è giunta ufficialmente la notizia secondo cui, durante la seconda metà del 2013, i cittadini del Qatar saranno chiamati alle urne per eleggere i membri del proprio parlamento. L'annuncio, effettuato dall'Emiro, lo sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani [it], è stato accolto con entusiasmo dai netizen locali, i quali sperano che il sostegno del Qatar alla “primavera araba” consentirà anche al Paese del Golfo di avviarsi verso una nuova era.

Nawaf Al Thani, cittadino del Qatar, osserva [en, come gli altri link, eccetto ove diversamente indicato]:

@NawafAlthani: Elezioni libere, sostegno delle libertà in tutto il mondo, economia forte… sappiate che l'era della Pax Qatara è iniziata. #Qatar

Blake Hounshell, editore di Foreign Policy residente a Doha, ci ricorda:

@blakehounshell: La cosa interessante dell'annuncio dell'Emiro del Qatar è che l'iniziativa non è stata presa in seguito a forti pressioni popolari

Sempre dal Qatar, il giornalista Abdulla Al Amadi ha già iniziato a pianificare i prossimi passi:

أول انتخابات تشريعية في قطر عام2013 .. مدة كافية للتجهيز والإعداد ، والتحدي الأكبر في تغيير ثقافة المجتمع ونظرته لمثل هذه الانتخابات
@Abdulla_Alamadi [ar]: Le prime elezioni parlamentari libere del Qatar si terranno nel 2013. Abbiamo abbastanza tempo per prepararci. La sfida più grande sarà quella di modificare le nostre tradizioni culturali e in particolare l'atteggiamento della nostra società nei confronti di tali elezioni.

Il saudita Ahmed Al Zahrani commenta con rammarico:

يبدو ان دعم قطر للثورات العربية، قد انعكست بشكل ايجابي على تفكير الحكومة في حق تقرير المصير لشعوبهم،ونحن هنا لانملك الا الدعاء ‎#Qatar‏ ‎#Saudi
@A_Alzahrani [ar]: Sembra che il sostegno del Qatar alle rivoluzioni arabe stia avendo ricadute positive sulla mentalità del governo, il quale lascerà il popolo libero di decidere il proprio destino. Tutto ciò che abbiamo [come sauditi] sono le nostre suppliche.

Mortadha Abdulla aggiunge:

اكتشفت ان القطريين طماعين.. ما شكروا أميرهم الا على اعلانه عن انتخابات تشريعية مايشوفونا (السعوديين) نشكر ملكنا على… ولا شي ‎#Saudi‏ ‎#Qatar
@mortadha_a [ar]: Ho scoperto che i cittadini del Qatar sono avidi. Non hanno ringraziato il loro Emiro se non dopo l'annuncio delle elezioni legislative. Non fanno come noi [sauditi]… noi ringraziamo sempre il nostro Re… e senza motivo

Il giornalista Tom Gara, che scrive dagli Emirati Arabi Uniti, commenta con ironia:

@tomgara: Il Qatar è un Paese così ricco che con le elezioni del 2013 si potrebbero eleggere anche i parlamenti di Grecia, Francia e 19 Stati statunitensi.

Anche Mona Kareem, una cittadina apolide residente in Kuwait, ironizza:

@monakareem: Le elezioni in #Qatar nel 2013 potrebbero essere frutto di una cospirazione iraniana finalizzata a mettere in imbarazzo il regime saudita!

In questo momento, il Qatar ha un parlamento (Advisory Council) composto da 35 membri, eletti dall'Emiro, il quale condivide con l'assemblea parte del potere legislativo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.