chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Italia, Senegal: reazioni dei netizen all'assassinio di due senegalesi a Firenze

Nella giornata del 14 dicembre scorso, su invito del sindaco Matteo Renzi, la città di Firenze ha deciso di interrompere per dieci minuti tutte le attività in segno di protesta contro il razzismo. I commercianti, infatti, avevano già deciso di non aprire i loro esercizi durante tutta la giornata in segno di lutto cittadino.

Il giorno precedente, il 13 dicembre, un grave episodio di razzismo [it, come gli altri link tranne ove diversamente specificato] è costato la vita a due venditori ambulanti di origine senegalese: Gianluca Casseri, un uomo armato di 50 anni, militante di estrema destra, nonchè autore di diversi libri negazionisti, aveva aperto il fuoco contro un gruppo di senegalesi in due mercatini del centro.

Manifestazione contro il razzismo a Firenze di Antonella Beccaria su Flickr (CC-NC SA-2.0)

 

Questa la ricostruzione dei fatti che si trova sui media: due spari hanno seminato panico e paura in pieno centro a Firenze. Il bilancio è di tre morti: due senegalesi e lo stesso assassino che si è poi suicidato, dopo un breve scontro a fuoco con la polizia. Nel bilancio dello scontro sono coinvolti anche tre africani che sono rimasti feriti e ricoverati in ospedale in gravi condizioni.

Questi fatti hanno provocato reazioni divergenti sui motivi che avrebbero condotto Casseri all'assassinio di persone che non conosceva direttamente. Si tratta di razzismo o di mera follia? Un video mostra la scena dell'aggressione mortale e riporta le reazioni di un senegalese secondo il quale si tratta di razzismo, ma anche le opinioni dei responsabili di Casapound, un'associazione di estrema destra, della quale si dice che Casseri fosse affiliato.

Tiziano Rugi su reporternuovo.it scrive :

Il giorno dopo la strage di Firenze, restano solo mazzi di fiori e ceri dove ieri sono morti due venditori ambulanti senegalesi. Lì, in una delle bancarelle del mercatino di piazza Dalmazia tutti i giorni, dalle otto del mattino fino a tarda sera, lavoravano Samb Modou e Diop Mor. Uccisi dall’odio razziale di Gianluca Casseri, cinquantenne pistoiese vicino agli ambienti di estrema destra  che credeva nella purezza della razza bianca.

Samu, in risposta ad un post apparso su qn.quotidiano.net, afferma:

Provo orrore per quello che è successo, ma la situazione immigrati in Italia sta diventando insostenibile e se oggi a fare certe cose è un pazzo fanatico,un caso isolato, domani, tra qualche anno, non so se certi avvenimenti succederanno per mano di pazzi. A noi italiani ci viene chiesto sempre di più e vediamo diminuire i benefici e le nostre ricchezze,la nostra libertà, i nostri figli non trovano lavoro, e questi immigrati vengono quà e fanno ciò che vogliono, impunemente, alla luce del giorno; ”poverini devono pur mangiare” dicono i soliti buonisti. Bene, quando poverini come loro lo diventeremo anche noi, e se continua così non ci vorranno tanti anni perchè questo si verifichi, allora diventerà una guerra tra poveri e non sò come andrà a finire, penso molto male.

Altri lettori, sulla stessa pagina, esprimono posizioni diametralmente opposte. Ad esempio Maria 1 commenta così una presa di posizione che tracciava un paragone con il massacro avvenuto lo stesso giorno a Liegi, in Belgio:

Non mi meraviglio che tu non capisca in cosa consista la differenza: il PAZZO in Belgio ha sparato sulla folla , il PAZZO RAZZISTA a Firenze ha sparato SOLO su persone con la pelle nera!!!

Anche un anonimo ha voluto dire la sua, aggiungendo:
credo di no. ma poverini l'unica cosa che gli dice il cervello è che la violenza sia il giusto mezzo per evadere dall'ignoranza e dalla loro depressione mentale.
FATE LA VITA DA IMMIGRATO IN ITALIA PER UN SOLO MESE, poi vediamo da che parte state!
o forse credete che solo per essere nati nella parte “fortunata” del pianeta avete più diritti o sentimenti degli altri?

Sulla sua pagina Facebook che conta più di un milione di iscritti, lo scrittore Roberto Saviano, autore di Gomorra, un libro di grande successo da cui è stato tratto un film ha scritto :

La morte di Samb e Diop a Firenze mi ha ricordato la strage dei ragazzi africani a Castelvolturno di tre anni fa. Ricordo anche, come fosse ora, la morte di Jarry Masslo a Villa Literno nel 1989 e la strage di Pescopagano nel 1990… l'Italia è il Paese europeo con più stragi di africani e questo dovrebbe farci riflettere.

A Dakar,  una sociologa italiana che vive in Senegal,ha trovato un modo molto originale di porgere le sue scuse [fr] al popolo senegalese. La sua iniziativa è comparsa sul sito leral.net, dove è possibile vedere anche un video a cura di Serigne Diaw.

Chiara Barisson, une sociologue italienne basée au Sénégal a distribué hier 200 prospectus dans les rues de Sandaga pour présenter ses excuses aux familles des victimes de la tuerie de Florence, mais également à tout le peuple sénégalais. Entourée de ses amies italiennes, elle a tenu à dire pardon pour ce geste raciste, nous dit l'Observateur. Les commerçants ont été séduits par le geste de la sociologue.

Chiara Barisson, una sociologa italiana residente in Senegal ha distribuito 200 volantini per le strade di Sandanga per porgere le sue scuse ai familiari delle vittime di Firenze, ma anche a tutto il popolo senegalese. Circondata dai suoi amici italiani, ha voluto chiedere scusa per quel gesto razzista, ha raccontato l'Obesrvateur. I commercianti sono rimasti colpiti dal gesto della sociologa.

Ma in un commento allo stesso video apparso sul sito senegalese, de  schwarzeraal relativizza il gesto dell'assassino:

les ivoiriens ont brulé des sénégalais vifs, un sénégalais tue un malien á cause de poubelle et dieu sait que lui prétendant être le gardien des lieux c… dans la rue, un malien tue un sénégalais pour une histoire de place devant la télé, etc… des fous on en voit partout….

Gli Ivoriani hanno bruciato vivi i senegalesi, un senegalese ammazza un maliano per una stupidagine e dio sa che lui vuole avere il controllo del territorio in una strada, un maliano ammazza un senegalese perchè gli ha rubato il posto davanti alla tv, etc…i pazzi sono ovunque….

Il 17 dicembre sono state organizzate delle marce di solidarietà in molte città italiane come riporta un post apparso sul blog corriereimmigrazione :

La manifestazione, che si svolgerà in contemporanea in varie città, sarà l'occasione per rilanciare i problemi che attualmente vivono le comunità migranti in Italia: “il bisogno di una nuova sanatoria, la risoluzione del problema delle truffe, il rifiuto al permesso di soggiorno a punti, il diritto al voto e alla cittadinanza per i figli degli immigrati, la problematica di chi è scappato della guerra in Libia e la denuncia dei centri di detenzione come luoghi da chiudere”. L'evento sarà inoltre occasione per iniziare il cammino che porterà verso il primo marzo 2012, lo sciopero degli stranieri

Oltre a Milano, ci sono state manifestazioni a Caltagirone, Messina, Firenze, Roma, Imola, Legnano, Cinisello Balsamo e a Mineo (CT) di fronte al CARA.

Su Twitter @Doubangar, Félicité Doubangar rilancia le sue impressioni sul numero dei partecipanti alla manifestazione di Firenze:

Des milliers de manifestants, ce samedi à Florence où un militant d'extrême droite a tué mardi deux vendeurs ambulants sénégalais.

Migliaia di manifestanti questo sabato a Firenze dove martedi scorso un militante di estrema destra ha ammazzato due venditori ambulanti senegalesi.

Alla fine delle manifestazioni di sabato a Firenze ha scritto sulla sua pagina Facebook, Senegal24/7:

Sénégalais tués en Italie: manifestation à Florence contre le racisme — Au moins 10.000 personnes ont manifesté samedi contre le racisme à Florence (centre) où un militant d'extrême droite a tué par balles mardi dernier deux vendeurs ambulants sénégalais, et en a blessé trois autres.
Nous voulons aujourd'hui être à l'aube d'un nouvel espoir pour que nos frères ne soient pas morts en vain, a déclaré à la presse un porte-parole de la communauté sénégalaise, M. Pape Diaw.
Nous devons travailler vraiment pour la coexistence pacifique et le respect. Cela doit être une vraie lutte et pas seulement une façade, a-t-il ajouté.
Les manifestants étaient 10.000 selon la police, et 12.000 selon les organisateurs.

Senegalesi ammazzati in Italia: manifestazione a Firenze contro il razzismo –Almeno 10000 persone hanno manifestato sabato a Firenze contro il razzismo dove martedì scorso un militante di estrema destra ha ammazzato a colpi di pistola due venditori ambulanti senegalese e ne ha feriti altri tre. “Oggi vogliamo essere l'alba di una nuova speranza affinché i nostri fratelli non siano morti invano”, ha dichiarato M. Pape Diaw, il portavoce della comunità senegalese, alla stampa. “Dobbiamo lavorare davvero per la coesistenza pacifica e il rispetto Si tratta di una vera lotta e non solo di un'operazione di facciata”, ha aggiunto. I manifestanti erano 10000 secondo la polizia, 12000 secondo gli organizzatori.

Risarcimento politico e piuttosto prova di compassione, sul blog blogunugalsene.com si legge il seguente post:

Au moment où ces lignes sont écrites, Me Aïssata Tall Sall est en train de prendre part à Florence à la manifestation en la mémoire des deux Sénégalais tués, manifestation à laquelle étaient attendus le Premier ministre italien, le président du Conseil régional, le leader du PD, principal parti d’opposition. L’avocate dépêchée par le Parti socialiste sénégalais va prendre la tête d’un pool composé d’avocats français et américains pour défendre les victimes du crime. Demain 18 décembre, avant de quitter l’Italie, elle va rencontrer des avocats de ce pays qui viendront renforcer le pool.

Nel momento in cui scrivo queste righe Me Aïssata Tall Sall sta partecipando ad una manifestazione in memoria di due segalesi rimasti uccisi a Firenze, manifestazione alla quale sono attesi il Primo Ministro italiano, il presidente del consiglio regionale, il leader del PD, il principale partito d'opposizione. L'avvocato incaricato dal Partito Socialista senegalese guiderà un gruppo di avvocati francesi e americani per difendere le vittime del crimine. Domani 18 dicembre, prima di lasciare l'Italia, incontrerà avvocati italiani che prenderanno parte anch'essi al team.

Le autorità italiane hanno reagito con fermezza, ma non si può negare che i senegalesi, accompagnati da tutta la società civile dell'intero paese, hanno mostrato di saper reagire con forza a questo fatto così doloroso.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.