chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Siria: prosegue la campagna per la liberazione di Razan Ghazzawi

Otto giorni dopo il suo arresto [it], un articolo pubblicato sul Lebanese Daily Star riferisce [en, come i link successivi] le accuse formulate ai danni  di Razan Ghazzawi:

Secondo i suoi avvocati, Razan è stata accusata di “aver messo in piedi un'organizzazione che mira a cambiare l'essenza sociale ed economica dello Stato”, “aver risvegliato il sentimento nazionale” e “aver innescato conflitti tra fanatici” — tutto ciò può portare a una pena da tre a 15 anni di carcere.

Su Twitter, i sostenitori hanno reagito duramente a queste posizioni. Il blogger siriano @anasqtiesh scrive:

Il logo della campagna globale per la liberazione di Razan

Il logo della campagna globale per la liberazione di Razan

@anasqtiesh: Le accuse contro Razan Ghazzawi sono una buffonata, come qualunque cosa faccia il regime siriano. #FreeRazan #Syria

@anasqtiesh: l'accusa di “aver risvegliato il sentimento nazionale e aver innescato conflitti tra fanatici” dovrebbe essere imputata ad Assad. #Syria #FreeRazan

Il giornalista di Al Jazeera, Dima Khatib appare altrettanto costernato:

E’ triste leggere che @RedRazan è stata accusata di “crimini”… Razan non è una criminale. Razan è una paladina della libertà #FreeRazan

Karl Sharro, è in collera per un'accusa in particolare, e scrive:

Ma “aver cercato di innescare scontri tra fanatici” è la cosa più offensiva di tutte. Razan è decisamente contro ogni fanatismo. #freeRazan

Laura Vidal, autrice venezuelana di Global Voices, segnala:

Quando un governo mette a tacere un blogger, non fa che dare ragione a quest'ultimo #FreeRazan

Intanto continuano le campagne di solidarietà in favore di Razan. Su Twitter, il blogger palestiniano Abir Kopty scrive:

I blogger palestinesi stanno preparando un comunicato che richiami l'attenzione su #Freerazan e tutti i prigionieri politici siriani. #Syria

Rimane attiva la pagina Facebook per coordinare le iniziative della campagna, mentre l'hashtag #freerazan viene usato per gli aggiornamenti su Twitter.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.