chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Colombia: le tante varietà della lingua spagnola vengono “canzonate”

I fratelli Juan Andrés and Nicolás Ospina

I fratelli Juan Andrés e Nicolás Ospina

Il video musicale Quanto è difficile parlare lo spagnolo [es, come i link successivi eccetto ove diversamente specificato] è stato visto da quasi un milione e mezzo di visitatori nell'arco di soli sei giorni: oltre che inaspettato, il riscontro è stato tale da costringere i fratelli e musicisti Juan Andres e Nicolás Ospina a creare un nuovo sito per soddisfare l'interesse e le richieste di nuove canzoni e testi da parte del pubblico.

La canzone dà voce alle difficoltà che molti parlanti spagnolo, anche di madrelingua, devono affrontare quando si trasferiscono da una regione all'altra; infatti, a seconda di dove ci si trova, la stessa parola può assumere un significato completamente differente. Il brano racconta di uno straniero che vuole imparare lo spagnolo e con certa frustrazione apprende che, per quanto possa applicarsi nello studio, le sue certezze linguistiche verranno meno nel momento in cui si sposterà da un posto a un altro.

In questa parte del pezzo, per esempio, si menziona la parola “pana”, che designa un particolare tipo di tessuto ma che può anche essere un appellativo amichevole, e la parola “porro”, un ritmo musicale ma anche uno dei tanti modi per definire lo spinello di marijuana. I testi sono stati ripresi dal loro sito:

En Venezuela compré con mi plata una camisa de pana,
Y mis amigos me decían ‘Ese es mi pana, ese es mi pana!’
Y en Colombia el porro es un ritmo alegre que se canta,
pero todos me miran mal cuando yo digo que me encanta.

In Venezuela ho comprato di tasca mia una camicia di pana,
i miei amici direbbero “Quello è il mio pana, quello è il mio pana“.
E in Colombia il porro è un allegro ritmo di canto,
ma tutti mi guardano storto quando dico che mi lascia d'incanto.

Gran parte del brano è un gioco di parole che si regge sulle ambiguità che nascono dall'uso di termini identici per forma ma veicolanti concetti differenti, o parole assolutamente dissimili che posseggono un medesimo significato, o le varie accezioni che una stessa parola può includere:

En Chile polla es una apuesta colectiva, en cambio en España es el pene. Alguna gente en México al pene le dice pitillo, y pitillo en España es un cigarrillo y en Venezuela un cilindro de plástico para tomar las bebidas. El mismo cilindro en Bolivia se conoce como pajita, pero pajita en algunos países significa masturbacioncita, y masturbación en México puede decirse chaqueta, que a la vez es una especie de abrigo en Colombia, país en el que a propósito una gorra con visera es una cachucha, y cachucha en Argentina es una vagina, pero allá a la Vagina también le dicen Concha, y Conchudo en Colombia es alguien descarado o alguien fresco, y un fresco en Cuba es un irrespetuoso! YA ESTOY MAMADO!

In Cile polla sta per scommessa di gruppo, ma in Spagna indica il pene. In Messico quest'ultimo si indica spesso con pitillo, termine che in Spagna vuol dire “sigaretta”, mentre in Venezuela pitillo è la cannuccia di plastica usata per le bibite. La stessa cannuccia in Bolivia è conosciuta come pajita, ma pajita in alcuni Paesi significa “masturbazione veloce”, e in Messico masturbazione si dice chaqueta, che a sua volta indica un tipo di soprabito in Colombia. Anzi qui cachucha è il berretto con la visiera, mentre in Argentina lo stesso termine significa vagina, ma la vagina lì viene chiamata anche concha, e conchudo in Colombia è un individuo deficiente o fresco, che a Cuba si dice di una persona irrispettosa. E adesso sono MAMADO! [sono sfinito/non ne posso più]

Il video con le didascalie in spagnolo è reperibile sul sito di Universal Subtitles, per chiunque abbia voglia di cimentarsi e contribuire con la propria traduzione. In chiusura, ecco il ritornello del brano:

Que difícil es hablar el español,
porque todo lo que dices tiene otra definición.
Que difícil entender el español,
yo ya me doy por vencido “para mi país me voy.”

Quant'è difficil parlar lo spagnol,
ché ogni parola tu dica può aver altro valor.
Quant’ è difficil capir lo spagnol,
ci rinuncio e “a casa mia me ne vo.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.