chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Rep. Dem. Congo: leader ribelle colpevole di crimini di guerra

Il 14 marzo scorso la Corte Penale Internazionale ha dichiarato colpevole di crimini di guerra il primo leader ribelle del Congo orientale, Thomas Lubanga [it], per aver reclutato dei bambini in un conflitto armato.
La sentenza rappresenta una pietra miliare significativa per la giustizia internazionale, per le vittime della Repubblica Democratica del Congo e per l'iniziativa di WITNESS Video for Change [en].

Nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo, dove la guerra civile è costata la vita a più di 4 milioni di persone, bambini dall'età di 6 anni vengono regolarmente reclutati dalla milizia e addestrati ad uccidere. Si stima che i minorenni, soprattutto tra gli 8 e i 16 anni, rappresentino qui il 60% dei combattenti.

Un video di 5 minuti ripreso da WITNESS e intitolato ” A Duty to Protect” [en] è stato proiettato durante il processo e considerato dal giudice come chiave di volta nella decisione del verdetto, insieme con altre prove visive. Il video racconta la storia di Mafille e January, due ragazze reclutate dall'esercito e ha lo scopo di mostrare gli effetti che ha avuto il fenomeno del reclutamento di bambini sulle famiglie e sulla comunità.
 

 
Un membro dello staff di WITNESS, Bukeni Waruzi, originario del Congo orientale e da tempo avvocato per i diritti umani, era presente a L'Aia per assistere alla sentenza. In seguito ha partecipato anche ad un dibattito con dei giornalisti, durante il quale ha spiegato come il video sia stato di fondamentale importanza per la decisione del giudice.
 

 

Nel video qui sotto, caricato su Youtube da WITNESS il 13 marzo, si può vedere Madeleine, una bambina soldato del Congo orientale, parlare con Bukeni, diventato suo padre adottivo dopo averla fatta congedare dall'esercito quando la ragazza aveva 15 anni. Nel 2007 Madeleine ha reso delle testimonianze alle Nazioni Unite, condividendo in questo modo la sua esperienza come bambina soldato.
 

 

Sul sito di Witness maggiori informazioni sul lavoro svolto da Bukeni e WITNESS sui bambini soldato

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.