chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Turchia: repressioni contro i curdi nelle celebrazioni del Nawruz

La popolazione curda rappresenta in Turchia il maggior gruppo etnico, raggiungendo il 20% della popolazione totale, ovvero quasi 20 milioni di persone. Ciò nonostante continuano a essere vittime della discriminazione razziale (sancita dalla legge) e della violazione dei diritti umani. Oggi a Yüksekova, nella provincia turca di Hakkari, i curdi sono stati attaccati dalla polizia mentre si riunivano per celebrare il Nawruz [it], il capodanno curdo (21 marzo).

Il politico Ahmed Turk è dovuto ricorrere alle cure dell'ospedale e un 32enne Alaattin Okan è stato colpito da una bomboletta di gas lacrimogeno, a Batman. Questa mattina due importanti siti web curdi sono stati resi inaccessibili e per questo motivo non hanno potuto aggiornare le notizie sugli scontri. L'informazione mainstream ha trascurato la vicenda, motivo per cui gli attivisti locali si sono dati da fare sui social network per rendere nota la situazione.

Faruk Arhan, giornalista del notiziario Bianet [tr] carica su Twitter una foto che mostra una donna curda attaccata dalla polizia turca:

Yüksekova

Yüksekova

Yekbun Alp scrive su Twitter che un membro curdo del parlamento nazionale è stato arrestato durante gli scontri tra la polizia antisommossa e i cittadini che celebravano il Nawruz:

@YekbunAlp [en]: la polizia ha arrestato anche il parlamentare Özdal Ücer, facendo irruzione nella casa di una famiglia di Cizre, dove era ospite.

Un altro attivista curdo rilancia questa foto, dove si vede la polizia che lancia gas lacrimogeni e giovani curdi che rispondono con lancio di sassi, presi dalla rabbia e dalla frustrazione di non poter festeggiare il capodanno senza subire attacchi dalla polizia:

Foto di @quzzulqurt

Foto di @quzzulqurt

Hawri Tofik, dalla Svezia, si associa all'ira degli attivisti locali per la brutalità usata dalle autorità, e  scrive su Twitter:

@iirwaH [en]: Davvero, non capisco. Perché è un crimine festeggiare il Nawruz? Quanti curdi dovranno ancora rimanere feriti o morire?

Jiyan Azadi mostra quest'altra foto che testimonia l'attacco della polizia contro le decine di centinaia di persone radunatesi a Yüksekova:

Foto di @jiyanazadi

Foto di @jiyanazadi

Anche da Londra arrivano dei commenti. Meltem Ay scrive:

@jin_jiyan_azadi [en]: Ma quanto è stupido tutto ciò da parte dei turchi! Metodi dittatoriali e oppressivi non faranno che unire sempre più il popolo curdo e renderli ancora più forti!

Il sito della Alliance For Kurdish Rights [en] propone molte foto che testimoniano la brutalità della polizia turca, mentre lancia gas lacrimogeni e spara acqua sui manifestanti nel distretto di Yüksekova.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.