chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Argentina: sottotitolare un documentario in quechua, aymara o guaraní

Gli autori di “Runa Kuti”, il documentario realizzato sotto licenza Creative Commons [it] sulla riappropriazione della propria identità da parte dei discendenti di alcune comunità indigene che risiedono a Buenos Aires, cercano volontari per inserire sottotitoli nelle lingue Quechua, Aymara, Mapuche, Guaraní e anche in inglese.

Sul loro blog hanno pubblicato la richiesta di collaborazione [es]:

Quien quiera, tenga ganas, tiempo, ocio, curiosidad, computadora, internet y otros idiomas para apoyarnos se los agradeceremos añadiendolos a los créditos del documental y mandándoles buenas vibras, donde quiera que estemos y donde quiera que estén.

Todos los idiomas son bienvenidos pero guardamos un especial interés por el quechua, aymara y guaraní.

Saremmo grati a chiunque abbia voglia e tempo, desideri mettere in gioco la propria curiosità, sia in possesso di un computer, una connessione ad internet, conosca altre lingue e voglia aggiungere la traduzione; il suo contributo sarà segnalato fra i credits del documentario e riceverà la nostra calda gratitudine, ovunque siamo e ovunque egli sia.

Tutte le lingue sono ben accette, ma abbiamo particolare interesse per Quechua, Aymara e Guaraní.

 

http://vimeo.com/32219379

Il trailer è stato sottotitolato in spagnolo, francese, inglese e portoghese; dell’intero documentario esiste la trascrizione in spagnolo.

http://vimeo.com/37754616

 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.