chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

India: produzione di asfalto e tumori in un villaggio del Rajasthan

Un video realizzato da Sunita Kasera [en, come gli altri link eccetto ove diversamente indicato] per Video Volunteers India Unheard denuncia i problemi di inquinamento causati da una serie di impianti per la lavorazione dell'asfalto, sorti illegalmente nel pressi del villaggio di Asthal, nel distretto di Karauli in Rajasthan.

Sunita, che vive in una comunità non lontana da Asthal, ha intervistato direttamente i residenti e ne ha raccolto le rimostranze in questo servizio. Un abitante su dieci ad Asthal soffre di cancro o di malattie respiratorie, e l'inquinamento sta avendo effetti negativi anche sulla produzione agricola, calata notevolmente, rendendo ancora più difficile il far fronte alle spese sanitarie. I proprietari degli impianti, al contrario, sostengono che gli abitanti ne hanno tratto vantaggi in termini occupazionali, e affermano di non essere al corrente di nessuna lamentela nei loro confronti.

Come si legge nell'articolo che accompagna il video:

L'aria stessa nel villaggio di Asthal nel distretto di Karauli in Rajasthan si è messa contro i suoi abitanti. Le coltivazioni appassiscono prima della stagione del raccolto e gli alberi hanno smesso di produrre frutti. Un abitante su dieci è malato di cancro o affetto da tubercolosi difficile da trattare. Il dito è puntato sui cinque impianti di lavorazione dell'asfalto, che da dieci anni emettono una grande quantità di fumi tossici e polveri nerastre.

 

 
Molte iniziative sono sorte a livello locale per dimostrare l'illegalità degli impianti e allontanarli dal villaggio.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.