chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Rising Voices: a Nablus la cucina racconta



Vedi Nablus in una mappa più ampia

Il progetto “I racconti culinari di Nablus” ha ricevuto una sovvenzione da parte di Rising Voices. Ecco di seguito una descrizione di questa iniziativa.

Nel cuore della città vecchia di Nablus [it], in Palestina, è stato inaugurato lo scorso autunno il centro per donne Bait al Karama [en, come i link successivi eccetto ove diversamente indicato]. L'apertura di questo centro è frutto del partenariato tra Fatima Kadoumy, rappresentante di un'associazione locale per donne, e l'artista visiva Beatrice Catanzaro. Il centro offre alle donne che vivono in questa zona delle opportunità di tipo artistico e culturale. Tuttavia, lo scopo principale del centro è di offrire delle opportunità nel campo della ristorazione a vocazione sociale. Uno degli elementi più importanti comporta la creazione di una scuola di cucina per turisti, che assumerà delle donne locali come chef e insegnanti.

La ragione per la quale la cucina ha un ruolo centrale è che gran parte della quotidianità dei palestinesi ruota attorno al cibo, che aiuta per questo a stabilire dei legami tra le persone. Beatrice Catanzaro ha scritto nella candidatura alla sovvenzione: “La convivialità rappresenta un elemento fondamentale nella vita delle donne palestinesi, e nell'insieme della vita sociale, anche durante bombardamenti e coprifuoco.” Molte delle donne che svolgono un'attività al centro hanno vissuto in prima persona la realtà dell'occupazione, incluse le difficoltà economiche e personali che questa comporta. Alcune delle donne sono vedove, vittime di violenza domestica, o sole perché i mariti sono in prigione. Ma grazie alla cooperazione con Bait al Karama, queste donne possono partecipare in modo più completo alla creazione di un nuovo futuro per se stesse e per le loro famiglie.

Con il pretesto del cibo, il progetto cerca di insegnare alle donne locali a usare i citizen media per documentare e registrare delle storie personali e famigliari sulle origini e le tradizioni della cucina locale. Queste storie rappresenteranno un'importante finestra per capire meglio le vite di queste donne e delle loro famiglie attraverso le loro parole. I racconti e le immagini saranno interamente integrati nel blog di Bait al Karama. Beatrice aggiunge: “Le donne ricorderanno memorie personali e famigliari, dipingendo così una cultura e una tradizione lontane anni luce dallo stereotipo di un paese in guerra.”

Per ulteriori informazioni:

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.