chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Il Primo Maggio nel mondo arabo

Il Primo Maggio, o Festa del Lavoro, o Giornata Internazionale dei Lavoratori è una festività riconosciuta dalla maggioranza dei paesi arabi, in cui i sindacati e i partiti politici organizzano manifestazioni e cortei per celebrare il ruolo dei lavoratori e per reclamarne i diritti.

Il Consiglio Nazionale di Transizione della Libia ha dichiarato [ar] che a partire da quest'anno la Giornata Internazionale dei lavoratori sarà una festività pubblica nazionale. Hamid da Tripoli scrive su Twitter [en, come tutti gli altri link eccetto dove specificato]:

@2011feb17 : il primo #MayDay (Giornata dei Lavoratori) della Libia da 42 anni! BUONA FESTA A TUTTI! Yup la #Libia è cambiata ;)

Manifestazione in Avenue Habib Bourguiba, Tunisi. Immagine di Amine Ghrabi su Flickr (CC BY-NC 2.0).

Manifestazione in Avenue Habib Bourguiba, Tunisi. Immagine di Amine Ghrabi su Flickr (CC BY-NC 2.0).

Maryan Alkhawaj, attivista del Barhein, ha ricordato i lavoratori immigrati del Golfo:

@MARYAMALKHAWAJA: Nel giorno dei lavoratori vogliamo celebrare i lavoratori immigrati trattati come schiavi moderni nei paesi del #golfo.

Manifestazione a Barbar, Bahrain. Immagine dell'utente di Twitter @bahrainiac14.

Manifestazione a Barbar, Bahrain. Immagine dell'utente di Twitter @bahrainiac14.

Sono state organizzate manifestazioni in tutto il Bahrain per la reintegrazione di centinaia di lavoratori licenziati lo scorso anno per aver partecipato alle proteste. Molti cortei sono stati attaccati dalla polizia in tenuta antisommossa con gas lacrimogeni. Il giornalista Mazen Mahdi scrive dal souq (mercato) di Manama:

@MazenMahdi: Nonostante i lacrimogeni le proteste del Primo Maggio al mercato di #Manama continuano #Bahrain

Manifestazione a Khouribga, Marocco. Immagine dell'utente di Twitter @__Hisham.

Manifestazione a Khouribga, Marocco. Immagine dell'utente di Twitter @__Hisham.

Imad Bazzi ha scritto su Twitter dell'attacco di hacker al sito del Ministero del Lavoro libanese:

@TrellaLB: consegna speciale per il Ministro del Lavoro in #Libano nel Giorno dei Lavoratori, un rifacimento totale :D loooool http://www.labor.gov.lb/ grazie a #RYV

Il sito è stato cambiato e riportava:

Siamo RYV (Raise Your Voice) e siamo semplicemente un gruppo di persone che non riescono a sopportare di restare sedute in silenzio, a guardare tutti i crimini e le ingiustizie che accadono in Libano. Non saremo ridotti al silenzio e non permetteremo il lavaggio dei nostri cervelli da parte dei vostri media. Non ci fermeremo finchè il popolo libanese non si mobiliterà, non reclamerà i propri diritti, e non li conquisterà. Non ci fermeremo finchè gli standard di vita non verrano portati dove devono essere portati in Libano. Non ci fermeremo finchè i problemi auto-originati del governo verranno risolti, come la carenza energetica, idrica, l'aumento dei prezzi della benzina e del cibo. Siamo RYV, aspettatevi una rottura del silenzio, sia nelle strade che su Internet. Il silenzio è un crimine

Manifestazione al Cairo. Immagine di Hossam el-Hamalawy su Flickr(CC BY-NC-SA 2.0).

Manifestazione al Cairo. Immagine di Hossam el-Hamalawy su Flickr (CC BY-NC-SA 2.0).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.